25
Sab, Nov

Azioni
Typography

Il titolo ancora in auge sui rumors dell'offerta di Great Wall.............

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


a cura di Vincenzo Longo


Ci riprova Fiat Chrysler dopo il test della scorsa settimana ai massimi dell'anno. A muovere il titolo sono ancora i rumors che arrivano dalla Cina su una possibile offerta da parte di Great Wall Motors su Jeep, il marchio controllato dal gruppo italo americano. Nonostante la smentita ufficiale arrivata da FCA, il titolo in borsa rimane ancora sostenuto. Già la scorsa settimana erano trapelate notizie di una possibile offerta sull'intero gruppo che hanno portato il titolo a volare in borsa quasi del 10%.

Non riteniamo al momento che una cessione in toto del gruppo FCA sia nemmeno ipotizzabile. Il gruppo sta lavorando alla vendita di alcuni marchi come Magneti Marelli e Comau, anche se il processo sembra procedere molto a rilento. Al momento, crediamo che Marchionne, a meno di un anno dall'addio, stia lavorando ancora a una fusione con qualche altro gruppo importante per completare il suo progetto. Rimangono ancora sul tavolo l'ipotesi di scorporo di Maserati e Alfa, anche se la tempistica sembra essere ancora molto lunga in merito.

Tecnicamente, il titolo sta testando una resistenza importantissima collocata poco sopra 11 euro, massimi toccati a febbraio e testati nuovamente la scorsa settimana, oltre che stamane. Il superamento di tale riferimento (almeno tre chiusure consecutive sopra tale livello) getterebbe le basi per un allungo verso area 14 euro, proiezione dell'altezza del triangolo rialzista disegnato da inizio anno. Questo target verrebbe confermato dal superamento di 12,20 euro, dove passa la trend line che unisce i massimi di gennaio 2016, con quelli di febbraio 2017.

Indicazioni di debolezza temporanea e violenta potrebbero riportare il titolo al test della trend line rialzista che unisce i minimi crescenti di inizio anno, ora in transito a 9,60 euro. Attenzione, però, al cedimento di tale riferimento, che potrebbe lanciare segnali più brutti. La perdita di spinta potrebbe portare rapidamente il titolo verso i supporti collocati in area 8,40-8,60 euro.

Fonte: IG

Unicredit Video

Video Analisi Giornaliera

Iscriviti alla Newsletter gratuita QUI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione