TrendAndTrading.it

Giappone aumentano i rischi di recessione

GIAPPONE (2)

Giappone aumentano i rischi di recessione. Gli ultimi aggiornamenti sulla disputa commerciale fra USA e Cina hanno dato un’altra spinta al bene rifugio JPY; ….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


By Vincent Mivelaz – SwissQuote


pare, infatti, che la Cina intenda restringere la portata dei negoziati che si svolgeranno giovedì 10 e venerdì 11 ottobre a Washington.

Ciò dovrebbe spianare la strada a un aumento dei dazi dal 15 ottobre 2019, dall’attuale 25% al 30%, su beni cinesi importati per un valore di USD 250 miliardi e pertanto intensificare la spirale di ritorsioni da entrambi i fronti, favorendo una propensione per i lunghi in JPY entro la fine della settimana.

Nel frattempo, il declassamento della valutazione economica da parte del governo giapponese, che ha menzionato un “peggioramento” dopo la diffusione dell’indice sulle condizioni delle imprese, conferma che l’economia giapponese è probabilmente entrata in recessione, in quanto il parziale accordo commerciale firmato da USA e Giappone copre solo una piccola parte degli scambi bilaterali attualmente in essere.

Rispetto al comunicato iniziale, secondo cui l’economia giapponese si stava riprendendo a un ritmo moderato grazie alla solida domanda interna, il governo probabilmente modificherà la sua impostazione, dato che l’aumento dell’imposta sulle vendite, dall’8% al 10%, in vigore dal 1° ottobre, dovrebbe frenare i consumi privati in Giappone e pertanto peggiorare le prospettive.

Ad agosto, l’indice coincidente, che fornisce una valutazione della salute dell’economia incrociando i dati riferiti a produzione industriale, vendite al dettaglio e occupazione, è sceso a 99,3 punti (precedente: 99,7), attestandosi sui minimi dall’agosto 2016.

In tale contesto, la cifra sul PIL giapponese riferito al T3 t/t, che sarà diffuso il 14 novembre, dovrebbe confermare un rallentamento rispetto al T2 pari allo 0,30%, spianando la strada a un aumento della spesa pubblica e a un allentamento della politica della BoJ, nell’ambito di una potenziale recessione tecnica entro la fine dell’anno.

I negoziati commerciali fra USA e Giappone dovrebbero proseguire, giacché l’attuale accordo riguarda principalmente le esportazioni di carne bovina e suina USA in Giappone, e omette temi importanti quali i settori automobilistico, aeronautico e dei semi-conduttori giapponesi.

Fonte: TrendAndTrading.it

Articoli Simili

GBP sull’ottovolante ribassista

Administrator

Forex attesa sui mercati

Administrator

RBA: i dati avvalorano un taglio del tasso a dicembre

Administrator