25
Sab, Nov

Indici
Typography

Borse europee in leggero rialzo in avvio di seduta; nessun dato rilevante è previsto nell’agenda macro odierna.........

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Lo spread Btp/Bund riparte da quota 143 punti base con il rendimento del decennale italiano all’1,83%, in attesa dell’asta di Btp da 4,5 e 6 miliardi di euro. Tutta da vedere la risposta della clientela retail alla nuova edizione dei Btp Italia, il titolo Novembre 2023 che stacca una cedola minima garantita annunciata dal Tesoro pari allo 0,25%. A metà mattinata, il volume di richieste per il nuovo Btp Italia ha raggiunto i 563,8 milioni di euro. Fino a mercoledì 15 novembre l’offerta è riservata ai risparmiatori individuali, mentre gli investitori istituzionali potranno operare nella sola mattinata di giovedì. In campo valutario, la sterlina è in ritirata con l’aumentare dei timori relativi alla premier May e alla sua leadership fra i Tories. Il dollaro ha invece tratto slancio da un balzo dei rendimenti Usa, nonostante gli investitori siano orientati principalmente sulla riforma fiscale. L’Euro vale 1,1639 dollari dopo aver chiuso la seduta di venerdì a 1,1663; il dollaro/yen scambia a 113,459 da 113,53 e la sterlina vale 1,3087 dollari rispetto a 1,3188 della chiusura precedente. 

Ftse/Mib  

A Piazza Affari l’indice Ftse Mib si attesta a quota 22.571 punti (+0,05%). Sul fronte Bancario, segnaliamo in rialzo Banco Bpm (+0,88% a 2,758 euro) e Intesa Sanpaolo (+0,28% a 2,83 euro). Ubi, che vede un impatto marginale dalle regole fissate dall’addendum della Bce sulla gestione dei crediti deteriorati, si attesta a quota 4,03 euro (+0,55%). Telecom Italia, che ha chiuso il terzo trimestre con i ricavi in linea con il consenso, arretra dell’1,82% a 0,69 euro. Generali arretra; Morgan Stanley ha ridotto le stime sugli utili 2017 alla luce della vendita delle attività olandesi e dei minori risultati operativi nel ramo danni e nel ramo vita. In luce i titoli del lusso a cominciare dai Brand della moda, Salvatore Ferragamo, che diffonderà in settimana i conti trimestrali, e Moncler. 

Commodities

Apre la settimana in lieve ribasso il prezzo del greggio, staccandosi dal massimo di oltre due anni, tra i segnali che i produttori Usa aumenteranno la produzione per trarre vantaggio dalla recente impennata. Nella giornata di venerdì, il numero degli impianti di trivellazione degli Stati Uniti è aumentato di nove unità. Le perdite sono state limitate dalle aspettative che i paesi produttori di petrolio accettino di prorogare l’accordo sui tagli alla produzione in occasione del vertice previsto il 30 Novembre. I future del greggio Brent scendono di 13 centesimi a 63,39 dollari al barile, mentre il Wti scende dello 0,1% a quota 56,69 dollari barile. 

 

Fonte: Trendandtrading.it - Private & Consulting SIM SpA

Unicredit Video

Video Analisi Giornaliera

Iscriviti alla Newsletter gratuita QUI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione