Nuove Emissioni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Si amplia la gamma degli strumenti di investimento emessi da Banca IMI, grazie a 8 nuovi Bonus Cap Certificate quotati sul mercato SeDeX di Borsa Italiana da oggi 8 Maggio 2018.......

Se vuoi ricevere le principali notizie di TrendAndTrading.it iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente.



I nuovi certificati offrono all’investitore la possibilità di ottenere dei rendimenti in situazioni di stabilità, rialzo o limitato ribasso del valore dell’azione sottostante con un orizzonte temporale di 18 mesi e premi che vanno dal 6,60% al 12,60%.

08052018

IL FUNZIONAMENTO

I Bonus Cap Certificate di Banca IMI sono Certificati d’Investimento a Capitale Condizionatamente Protetto che permettono all’investitore di ottenere un premio a scadenza (il Bonus) qualora l’attività finanziaria sottostante, alla data di rilevazione finale, abbia un valore maggiore o uguale al Livello Barriera. 

In particolare, tutti i certificati Bonus Cap quotati l’8 Maggio hanno le seguenti caratteristiche: prezzo di emissione pari a 100 Euro, durata di 18 mesi e barriera osservata unicamente alla data di rilevazione finale, ovvero il 31 Ottobre 2019 (Barriera Europea).

A titolo di esempio, vediamo in dettaglio il funzionamento del Bonus Cap su FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES (ISIN: IT0005332231). L’investitore avrà la possibilità di acquistare questo strumento direttamente sul mercato SeDeX di Borsa Italiana a partire dall’8 Maggio 2018 attraverso il proprio intermediario finanziario di fiducia, phone banking o internet banking. 

Il certificato pagherà l’importo bonus a scadenza di Euro 110,55 (+10,55% rispetto al Prezzo di Emissione) se nel giorno di rilevazione finale il prezzo del sottostante dovesse essere pari o superiore al Livello Barriera pari a Euro 13,0116 (ovvero se l’azione di FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES non perde più del 30% rispetto al Valore Iniziale pari a 18,5880). Al contrario, se il valore del sottostante dovesse essere minore del livello barriera (pari al 70% del Valore iniziale del sottostante) l’investitore subirà una perdita commisurata a quella che avrebbe ottenuto investendo direttamente nell’azione sottostante.

Fonte: TrendAndTrading.it

Unicredit Video

Video Analisi Giornaliera