TrendAndTrading.it
Image default

Aziende minerarie temono ulteriori declini del prezzo

La produzione mineraria è destinata a cominciare a ridursi man mano che le aziende minerarie rispondono al crollo del prezzo di quest’anno, indicano diversi report prodotti da diversi analisti e divulgati la scorsa settimana. ……

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Analisi a cura di BullionVault


Il crollo del prezzo dell’oro quantificabile in $500 all’oncia avvenuto tra gennaio e giugno ha “ridotto di $80 miliardi i capitali combinati del mercato” dei maggiori 14 produttori secondo gli analisti di Societe Generale.

In risposta, il management delle aziende minerarie ha ridotto dividendi, spese per nuove esplorazioni e spese generali.
“Le prossime misure comprenderanno il rinvio dei progetti, la vendita di asset non fondamentali, e una rivalutazione dei piani relativi alle miniere e delle spese per capitale” si legge sul report. L’obiettivo è di ridurre i costi di estrazione mineraria a fine 2013 e durante il prossimo anno.
“La ristrutturazione degli asset e il rinvio dei progetti sono senz’altro buone notizie per il settore” concorda il Gold Survey 2013 Update della Thomson-Reuters GFMS. Ma con i costi di produzione che abbandonano i massimi storici, il settore “rimane vulnerabile ad ulteriori declini del prezzo.”
Gli analisti di Societe Generale indicano come costo di produzione complessivo una media di $1538 all’oncia, ovvero oltre $200 in più rispetto al prezzo di mercato attuale.
Alcune aziende minerarie “situate nella parte alta della curva dei costi” si legge sul GFMS, “hanno già posizionato una serie di asset inferiori in manutenzione.”
Al momento, comunque, le aspettative di una produzione d’oro inferiore a causa del crollo del prezzo è stata ostacolata da quella che la GFMS chiama “una serie di accelerazioni e completamenti di progetti” iniziati quando il prezzo dell’oro ha toccato il picco in Dollari nel 2011. La fornitura totale nella prima metà del 2013 è aumentata del 3% rispetto all’anno scorso.
Inoltre per chi possiede azioni minerarie, “lo spettro del crollo della fornitura ha finora fornito supporto solo al sentiment degli investitori in oro” invece che spingere i prezzi aiutando quindi i margini operativi delle industrie minerarie.
Anche l’attività corporate è caduta del settore minerario dell’oro tra gennaio e luglio 2013, secondo il report Mining Mid-Year 2013 dell’agenzia di consulenza PwC.
Con un calo del 74% in valore rispetto allo stesso periodo del 2012 a $20,6 miliardi, le acquisizioni in tutta l’industria mineraria hanno incontrato “serie difficoltà a trovare acquirenti.”

 

Fonte: BullionVault

Articoli Simili

Oro e Argento : ORO ($) Posizioni lunghe sopra 1222,00

Administrator

Petrolio : Posizioni lunghe sopra 54,00

Administrator

Petrolio : Pivot point (livello di invalidazione): 55,00

Administrator