TrendAndTrading.it
Image default

BV: Oro in ripresa ma con supporto debole, Trump critica la Fed

L’oro è aumentato di un 1% venerdì rispetto ai minimi di 12 mesi in dollari di ieri a 1.211$/oncia, durante gli attachi di Trump – da una parte alla Cina,…..

 

Se vuoi ricevere le principali notizie di TrendAndTrading.it iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}


riguardo al commercio, e  dall’altra alla Fed per aver rialzato i tassi d’interesse.

 “Non sono entusiasta” dei rialzi dei tassi, ha dichiarato il presidente ai microfoni di CNBC. Un disaccordo tra il la presidenza e la Fed sulle sull’inflazione non si verificava dall’inizio degli anni ’80 con Ronald Reagan.

 “Siamo stati derubati per molto tempo dalla Cina”, ha aggiunto Trump, minacciando l’imposizione di 500 miliardi di dollari di dazi sulle importazioni cinesi ogni anno.

Dopo l’elezione, Trump si è espresso in più occasioni a favore di un dollaro non troppo forte e di una politica “a basso tasso d’interesse” da parte della Fed.

Il dollaro ha ragiunto un nuovo record di dodici mesi contro lo yuan a 6,81¥, e secondo TD Securities “il politburo di Pechino si sta orientando verso una svalutazione più rapida di quanto non si pensasse, con 7,10¥ come target per la fine del 2018 ed una stabilizzazione alla fine del primo trimestre 2019 a 7,10¥”.

Il prezzo dell’oro a Shanghai è rimasto stabile , tagliando il premio a 3,75$/oncia, meno della metà del tipico incentivo all’importazione.

Il prezzo dell’oro in India oggi è al minimo di sei mesi, ma “non si è verificato un aumento della domanda”, secondo un gioielliere di Mumbai.

 “Attendono ulteriori sconti”, e la domanda aumenterà con l’avvicinarsi dei festival.

 “Normalmente ci dovrebbe essere un supporto più alto, ma siamo in un periodo dell’anno strutturalmente debole”, ha osservato Suki Cooper di Standard Chartered, indicando il trend dell’oro.

SPDR Gold Trust (NYSEArca:GLD) ieri per la prima volta in quattro settimane ha visto influssi di liquidità da parte degli investitori, con il sottostante che è aumentato di quattro tonnellate a 798 totali.

L’argento giovedì è diminuito al minimo di dodici mesi a 15,25$/oncia. Pur essendo stato venduto negli scambi asiatici oggi, rimane un interesse di fondo verso questo metallo, che è rimasto sotto i 15,30$/oncia per pochissimo tempo – come osservato nell’ultima nota di MKS Pamp.

Il platino è aumentato più degli altri metalli venerdì, un +3,1% che lo ha riportato a 820$/oncia.

Fonte: BullionVault

Articoli Simili

Petrolio : Pivot point 56,50

Administrator

Oro e Argento : ORO ($) La tendenza resta al rialzo

Administrator

Oro e Argento : ORO ($) Posizioni lunghe sopra 1211,00

Administrator