TrendAndTrading.it
Image default

Dollaro in surplace, attesa per il via del tapering

Biglietto verde giù dai massimi di luglio
Il Dollaro Statunitense si è preso una pausa di riflessione estiva. Un rallentamento moderato che emerge dalle recenti performance registrate dal Dollar Index ..
….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


che misura l´andamento della divisa a stelle e strisce nei confronti di un basket di sei valute.
Dopo i massimi toccati a inizio luglio (quota 84,75 punti, sui livelli più alti degli ultimi tre anni) l’indice ha infatti rallentato la sua corsa rialzista e ora viaggia in area 81 punti. A dettare il ritmo del biglietto verde le indicazioni che giungono dalla Federal Reserve e in particolare dal cosiddetto “tapering”, ovvero il ridimensionamento graduale degli acquisti di obbligazioni che attualmente ammontano a 85 miliardi di dollari al mese.
Segnali importanti in questa direzione sono arrivati venerdì scorso quando sono stati comunicati i dati sul mercato del lavoro di agosto. La sorpresa maggiore è giunta dal tasso di disoccupazione che lo scorso mese è passato al 7,3% dal 7,4% di luglio.
Si tratta del livello più basso dal dicembre 2008 e risulta migliore rispetto alle previsioni di mercato che indicavano una conferma al livello del 7,4%.
Andando avanti di questo passo si avvicina ulteriormente il target del 6,5% di disoccupazione indicato dalla stessa banca centrale a stelle e strisce come obiettivo da perseguire prima di interrompere la politica monetaria a tassi zero. Lo scorso mese il governatore uscente della Fed, Ben Bernanke, ha tuttavia precisato che il raggiungimento di tale target non implicherà automaticamente un aumento del costo del denaro. Ma è opinione diffusa che un costante miglioramento sul fronte occupazionale possa spingere la Fed a iniziare a chiudere i rubinetti della liquidità, convincendo così anche i membri Fed meno propensi a un allentamento delle politiche ultraespansive. C’è chi giudica questi dati insufficienti per azionare il tapering. Uno di questi è James Bullard, presidente della Fed di St.Louis, che ha dichiarato di voler vedere qualche segnale di un ritorno dell’inflazione verso il target del 2% fi ssato dalla Banca centrale Usa.

Ritmo di crescita degli Usa tra il modesto e il moderato
Che l’economia americana stia percorrendo positivamente la strada della ripresa è confermato dall’ultimo Beige Book diffuso a inizio settembre. Dal resoconto emerge che gli Stati Uniti crescono a un ritmo tra modesto e moderato. Nel dettaglio il comparto manifatturiero ha evidenziato una crescita modesta, confermando i buoni segnali di ripresa giunti dall’indice Ism manifatturiero sui massimi da due anni. In miglioramento anche le spese dei consumatori che sono salite in diversi distretti mentre il settore dei servizi e l’immobiliare che hanno evidenziato incrementi più contenuti.

Settimana prossima la due giorni del Fomc
L’annuncio sulle tempistiche di una possibile mossa da parte dell’istituto americano potrebbe giungere già la settimana prossima settimana (18 settembre) quando è in programma la riunione del Fomc, il comitato di politica monetaria della Fed, con un effetto favorevole sul dollaro. Secondo le previsioni elaborate dagli analisti interpellati da Bloomberg il dollaro dovrebbe apprezzarsi da qui a fi ne anno e nel corso del 2014 rispetto all’Euro. Il consensus indica un cambio euro/dollaro in area 1,28 nell’ultimo trimestre dell’anno e a quota 1,25 nel 2014.

 

Fonte: RBS

Articoli Simili

Analisi dei principali Cross Valutari : EUR/USD Target 1,1370

Administrator

EURO DOLLARO…. 15 Novembre 2018

Administrator

Analisi dei principali Cross Valutari : EUR/USD La tendenza resta al rialzo

Administrator