TrendAndTrading.it
Image default

DT – FIB: Area 19130-19430 ha contenuto ancora una volta i movimenti intraday del mercato

Oscillatori: sul RSI non ci sono indicazioni particolari in quanto quota sempre in area neutrale, sotto la sua mediana,….

 

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}


senza evidenziare divergenze o situazioni estreme sulla base delle quali ipotizzare possibili cambiamenti di tendenza. Possibili livelli sensibili a 18980/19030 al ribasso e 19380/19430 al rialzo. Lo stocastico, invece, rimane stabile poco sotto la sua mediana e mantiene attivo un potenziale short in caso di discese dei prezzi sotto 19060/19070 (attuabile sin dalla prossima apertura ma in dipendenza dei valori di apertura).

Volumi: flat e possibile buy-stop per la prossima seduta ma, essendo la potenziale operazione ad alto rischio, in caso unicamente di conferme rialziste si potrebbe pensare di entrare in limit su valori in area 19150/19200 circa.

Operatività su base grafica.

Area 19130-19430 ha contenuto ancora una volta i movimenti intraday del mercato; il tentativo, reiterato, di rottura della base non ha trovato alcuna conferma sui timeframe inferiori (30 o 60 min.) e, dalla seconda parte di seduta, il nostro derivato ha rotto i massimi intraday portandosi anche sopra area 19300, situazione che potrebbe incoraggiare almeno in parte i compratori di brevissimo termine ma che, ancora, non concede garanzie sulla immediata prosecuzione del recupero. Tuttavia, un’apertura sopra 19285 seguita dalla rottura sopra 19340/19350 dovrebbe creare nuove aspettative di positività almeno per un ritorno in area 19500 (meglio, in tal caso, se il mercato riuscisse a non tornare sotto 19260/19270)

Operatività su base statica.

I prezzi di mercato si trovano sempre in un’area di trading discretamente ampia, per il brevissimo termine, compresa tra 18200/18250 e 19500/19600 punti circa. Confermato ormai da giorni e ripetutamente il target rialzista citato, qualora le quotazioni dovessero confermarsi anche sopra il suddetto livello allora, presumibilmente, il mercato potrebbe spingersi a 19850 prima e 20050/20100 circa mentre in caso di nuovi affondi si potrebbe giungere in breve almeno a 18600/18650.

Per il medio termine vale quanto scritto di recente: “il mercato è riuscito a chiudere sopra la prima resistenza indicata da tempo a 17160, seppure di natura intermedia; in caso di nuove rotture i prezzi potrebbero spingersi verso area 18500 dove, presumibilmente, dovrebbero verificarne una media tenuta e costringere il mercato a un ritracciamento o a una fase di stallo intorno al livello stesso”. Il laterale stretto è durato solo tre sedute circa e, in seguito, il mercato ha ripreso la sua marcia verso il livello superiore (19500/19600). E’ possibile, tuttavia, che nell’imminente futuro proprio l’area tra 18500 e 19600 possa condizionare il mercato (trattandosi di analisi di medio termine le condizioni di mercato andrebbero valutate anche su base settimanale); in caso di ritracciamenti veloci e decisi, dunque, sarà ancora area 18500 che andrà valutata e, in caso di tenuta a oltranza, verrà ridefinito il target superiore che dai suddetti 19500/19600 potrebbe alzarsi a 20600/20700 circa.

Operatività su base dinamica.

Il mercato non è riuscito a rompere i minimi della seduta precedente, situazione che avrebbe potuto favorire ulteriori discese di brevissimo termine e, viceversa, nel finale ha forzato la resistenza a 19275/19280 che proprio in apertura aveva costretto il FIB a una discreta discesa intraday. L’apertura domani sarà fondamentale che si confermi sopra la resistenza appena rotta e che i massimi intraday siano rotti in modo deciso; anche il tal caso, tuttavia, occorrerà agire su timeframe inferiori per cercare di entrare su qualche ritracciamento utile evitando di incappare in una classica bull-trap, frequenti in queste fasi di indecisione continua.

Trend presunto di breve termine e operatività su base ciclica.

Trend grafico di brevissimo termine: long da 17155 e supporto a 19015 (possibile verificare un livello di chiusura limit nelle prossime sedute, indicativamente in area 19400/19500).

Trend di breve termine: long da 17185, supporto a 19000.

Ciclico-prezzi: il Minor-Trend è ora short da 19180 (posizione ad alto rischio operativo) con prima resistenza a 19490 mentre il Main-trend rimane flat e consolida il suo supporto a 18200/18250 punti circa.

Autore: Marco Benzoni

Fonte: dimensionetrading.com

Articoli Simili

Future Dax: prezzi respinti finora dalle resistenze

Administrator

TL: Future Eurostoxx: prezzi sul target, attendiamo nuovi segnali

Administrator

FTSEMIB… 09 Novembre 2018

Administrator