TrendAndTrading.it

DT – FIB: Il mercato è stato ben supportato dal supporto

libri

Condizione generale degli oscillatori (breve e brevissimo termine) e analisi dei volumi intraday.

Oscillatori: RSI, Macd e Stocastico rimangono in condizione di neutralità; potenziale prima resistenza per il RSI su livelli coincidenti, in relazione ai prezzi di mercato, all’area tra 17450 e 17470 punti. Per la prossima seduta, quindi, in caso di break sopra la parte superiore del range di resistenza il RSI potrebbe assumere condizione neutrale/positiva (meglio se confermato dalla close serale). Situazione quasi identica per lo Stocastico in caso di chiusura sopra 17450 punti. Nessun cambiamento, invece, per il MACD….

 


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Volumi: gli operatori si sono mantenuti nella condizione di neutralità, permettendo un trading range delle quotazioni tra 17450/17470 e 17100, come auspicato. Per la prossima seduta, invece, è possibile che una nuova discesa (senza apertura in gap down, preferibilmente) sotto area 17100 punti possa portare le quotazioni prima a 17000/17010 e, successivamente, in direzione dei 16900/16935 almeno.
Operatività su base grafica.

Il supporto tra 17160 e 17250 continua a sostenere il mercato; nonostante il break di stamani, infatti, le quotazioni sono rientrate all’interno dell’area in close di seduta. In caso di apertura sotto 17160/17165, lunedì, l’eventuale break dei minimi odierni potrebbe concedere spazio ai ribassisti almeno fino a 16900/16950 punti circa (l’obiettivo a 16800/16850 rimane valido nei termini di 1-3 giorni compreso la seduta odierna ma, cautelativamente e vista la chiusura, il target di sicurezza va rivisto e reso meno permissivo). In caso di apertura ancora sopra/all’interno del supporto, invece, andrà valutata l’opportunità di short sotto i minimi di oggi solo sulla base del movimento intraday e con timeframe almeno a 30 minuti. Un ritorno sopra 17570 potrebbe favorire nuovi avanzamenti di prezzo.

Operatività su base statica.

Toccato con precisione il primo supporto utile indicato a 17110/17120 punti che, dunque, potrebbe sostenere il mercato (validità principalmente in close, da ora in avanti) anche nella prossima seduta, salvo apertura direttamente dopo. In ogni caso, avendo già svolto il suo ruolo con precisione chirurgica, potrebbe non essere consigliabile effettuare entrate ancora direttamente con prezzi a contatto con lo stesso livello anche per le prosisme sedute, preferendo attendere eventuali livelli inferiori (17000/17020 o, inferiore di poco, 16900/16930 circa).

Operatività su base dinamica.

Il mercato è stato ben supportato dal supporto identificato di recente a 16840/16870 punti circa nei giorni scorsi, livello toccato con precisione e che ha permesso il recupero immediato; lo stesso si sposta ora marginalmente in area 16900 punti circa. La prima resistenza, invece, si identifica a 17530/17540 ed un suo break al rialzo potrebbe generare nuova spinta per il brevissimo termine.

Trend presunto di breve termine e operatività su base ciclica.

Trend grafico di brevissimo termine: mercato negativo/neutrale, prezzi sempre a ridosso della prima resistenza 17235/17290 punt.

Trend di breve termine: mercato negativo, prima resistenza (diretta) a 17570 punti.

Ciclico-prezzi: è sempre l’area tra 16855 e 17570 punti a determinare l’attuale trading range. Rimango in attesa di migliori indicazioni che potrebbero arrivare sin dalla prossima seduta o a breve, a prescindere dalla tenuta o meno dei livelli estremi indicati.

Marco Benzoni


 

DISCAIMER: Le indicazioni operative sopra riportate esprimono il parere personale di Marco Benzoni (dimensionetrading.com); i settaggi degli oscillatori/indicatori nonché i livelli indicati sono scelti dal sottoscritto secondo parametri personalmente giudicati idonei sulla base del momento e del mercato in questione e potrebbero non corrispondere ai parametri standard generalmente utilizzati dalla maggioranza dei traders. In aggiunta, alcuni degli indicatori/oscillatori utilizzati per il calcolo dei livelli sono di tipo proprietario.

Autore: Marco Benzoni



 

Articoli Simili

Future EuroStoxx50 intraday: rivisti tutti i riferimenti

Administrator

Future Bund intraday: abbassato lo stop

Administrator

Future Dax intraday: in attesa di nuovi segnali

Administrator