TrendAndTrading.it

DT – FIB: Il mercato ha percorso quasi per intero l’area di possibile trading range individuata tra 16365 e 16785

libri

 Condizione generale degli oscillatori (breve e brevissimo termine).

Gli oscillatori (RSI, Macd e Stocastico) rimangono in posizione neutrale/positiva (da positiva piena) dopo la discesa, del mercato, sotto i rispettivi livelli di guardia (16500, 16350 e 15700 punti), in assenza, comunque, di conferme in close di seduta (salvo lo stocastico) per un eventuale diminuzione o annullamento della pressione rialzista, attualmente ancora valida. Se la rottura fosse reiterata anche nella prossima seduta subentrerebbe una nuova condizione di neutralità. ...

Operatività su base grafica.

Il mercato ha percorso quasi per intero l’area di possibile trading range individuata nel precedente articolo tra 16365 e 16785, realizzando minimi e massimi inferiori ai due livelli estremi ed una chiusura comunque all’interno della fascia di prezzi, in buon recupero sui minimi intraday e in conferma della bontà del valore inferiore (16365). Si dovrà quindi attendere, come specificato nel precedente articolo, la chiusura oltre uno dei due livelli con obiettivi a 15900/16000 oppure 17000/17200 punti circa.

Operatività su base statica.

Come atteso, oggi si è verificato il primo ritracciamento dopo la figura di potenziale inversione o lateralità di brevissimo termine. Attualmente i primi due livelli di una certa importanza dovrebbero essere 16730 (lo stesso valido da parecchie sedute) al rialzo e 16000/16050 al ribasso: la rottura del livello superiore, confermata in close, potrebbe permettere la ripresa immediata del movimento rialzista di periodo con obiettivo primario a 17250/17300 punti circa, mentre in caso di violazione del livello inferiore la discesa potrebbe estendersi verso area 15600 almeno.
Operatività su base dinamica.

Il precedente break sopra 15620 ha favorito nuovi allunghi rialzisti. I supporti rimangono distanti, almeno per ora, dalle quotazioni attuali, mentre un primo obiettivo potrebbe essere interessante in area 17000 punti circa anche se, con la chiusura delle ultime sedute, il target prioritario (secondario e intermedio ma divenuto di primo grado rispetto ai 17000 punti) si è spostato proprio in area 16400/16500, quindi ormai ampiamente raggiunto e intorno al quale quota il derivato in questi ultimissimi giorni.

Trend presunto di breve termine e operatività su base ciclica.

Trend grafico di brevissimo termine: mercato positivo/neutrale; il mercato ha rotto su base intraday il precedente supporto ma i prezzi sono rientrati, prontamente, in chiusura di seduta. Da verificare, dunque, il comportamento nei prossimi uno/due giorni, con particolare riferimento a chiusure e aperture successive, sempre rilevando 16400/16430 come potenziale supporto.

Trend di breve termine: mercato positivo, supporto diretto 16220 punti, perfetto fine-corsa sui minimi odierni.

Ciclico-prezzi: il mercato rimane positivo e sposta il primo supporto utile in area 16200 punti circa, sfiorato nella seduta odierna. Lo stesso, tuttavia, potrebbe perdere consistenza, diventando intermedio e di secondo grado, a favore di un livello nettamente inferiore e rilevabile, da oggi, a 15980/15990 punti.

Fonte: Dimensione trading.com

Articoli Simili

Future FtseMib intraday: raggiunti gli obiettivi

Administrator

Future FtseMib intraday: abbassato lo stop

Administrator

GBP/USD, raggiunto il target ribassista

Administrator