TrendAndTrading.it

DT- FIB: L’area tra 18600/18700 e 19500 punti rimane il principale riferimento per il trading range in atto

53 PORTAFOGLIO

Condizione generale degli oscillatori (breve e brevissimo termine) e analisi dei volumi intraday. Oscillatori: il MACD permane in condizione di neutralità sopra lo zero, in rialzo dopo undici sedute consecutive ribassiste, mentre…

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


RSI e Stocastico mantengono il segnale short con la discesa delle quotazioni sotto 18600 punti. Lo stocastico rimane in condizione generale di negatività con stop cautelativo sopra i massimi di periodo, il RSI è negativo in condizione di alto rischio con stop cautelativo sopra 19300 punti (in caso di chiusura sotto 18680 potrebbe aumentare le potenzialità ribassista).

Volumi: condizione negativa, in caso di un break sopra 19250 (in caso di gap up il valore andrebbe rivisto dopo i primi 30/45 minuti) il mercato potrebbe tornare positivo con stop cautelativo sotto 18200 punti.

Operatività su base grafica.

L’area tra 18600/18700 e 19500 punti rimane il principale riferimento per il trading range in atto ormai da circa tre settimane; entrambi i livelli che delimitano l’area sono stati interessati per ben tre volte ciascuno dalle quotazioni e, dunque, una tale condizione lascia presumere che dovremmo essere abbastanza vicini alla ripresa della direzionalità di breve/brevissimo termine con potenziali obiettivi, già visti, in area 18000/18100 o, viceversa, in direzione di area 20000/20200

Operatività su base statica.

Nessuna novità particolare: il recupero sopra 18900 ha favorito l’attesa continuazione verso area 19100/19150, immediatamente raggiunta in giornata. Per l’immediato, ancora 19100/19150 rimane la prima resistenza mentre la successiva si posiziona a 19290/19300 punti circa. Al ribasso, e solo per la prossima seduta, si identificano due supporti intermedi e indiretti a 18875 e 18725 punti circa.

Operatività su base dinamica.

Il supporto principale si rileva ancora a  18300 punti circa. Il supporto di brevissimo indicato a 18750/18800 e violato negli ultimi giorni perde parzialmente valore anche alla luce del recupero, in close, sopra 18900 punti. Resto in attesa della formazione di nuovi pivot per la prossima analisi.

Trend presunto di breve termine e operatività su base ciclica.

Trend grafico di brevissimo termine: mercato negativo da 18850; l’ultima seduta ha visto il superamento della prima resistenza a 19065 senza, tuttavia, la conferma in close.

Trend di breve termine: mercato negativo da 18880 e prima resistenza a 19220.

Ciclico-prezzi: il mercato continua a muoversi al’interno dell’area principale compresa tra 18875 e 19255 punti, primi due livelli utili per la determinazione del prossimo trend direzionale di breve termine. La chiusura inferiore nelle ultime sedute, recuperata immediatamente, è un primo segnale e lascia intatte le possibilità di un affondo almeno in area 18300/18400, avvicinata ma non confermata. Prima resistenza sempre a 19050/19100 punti, raggiunta proprio nell’ultima seduta.

Fonte: Marco Benzoni – Dimensione Trading

Articoli Simili

Future EuroStoxx50 intraday: rivisti tutti i riferimenti

Administrator

Future Bund intraday: abbassato lo stop

Administrator

Future Dax intraday: in attesa di nuovi segnali

Administrator