TrendAndTrading.it
Image default

DT- FIB: mercato negativo/neutrale

Condizione generale degli oscillatori (breve e brevissimo termine) e analisi dei volumi intraday.

Oscillatori: gli oscillatori rimangono in condizione di neutralità; lo Stocastico rientra ora dall’ipervenduto lieve e una salita delle quotazioni anche sopra 17100 potrebbe

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


favorirne un ulteriore recupero nel breve/brevissimo termine..

Volumi: la resistenza identificata in area 17000/17050 punti (causa gap-up di soli 15 punti il livello si è solo marginalmente spostato a 17005-17055) ha perfettamente tenuto e per tutta la seduta il mercato ha quotato in un range limitato e sotto la stessa, con discesa veloce finale che ha portato ad una chiusura poco sopra area 16900 punti. Per la prossima seduta, dunque, una continuazione sopra 17100 potrebbe favorire nuovi allunghi (per il trader più cauto si potrebbe attendere il break sopra 17210/17215 punti o, in alternativa, provare entrate limite proprio in area 17050/17100 dopo l’eventuale salita oltre 17210). Supporto iniziale a 16750/16800 (attenzione all’eventuale rottura confermata su base oraria).

Operatività su base grafica.

Il mercato rimane all’interno dell’area di trading range compresa tra 16500 e 17100 punti; una fuoriuscita confermata da uno dei due livelli potrebbe permettere nuova direzionalità al rialzo verso 17500/17600 o, viceversa, al ribasso in direzione dei 16000 punti circa.

Operatività su base statica.

Il derivato dopo l’apertura in gap ha fatto segnare i massimi intraday, come atteso, proprio nei primi 30/45 minuti; la mancata conferma, successivamente, ha evidenziato la possibilità che si stesse formando un massimi di brevissimo termine/intraday; tale situazione ha permesso ai ribassisti, sia durante la mattinata che nelle battute finali, di prendere il controllo e di creare i presupposti per diffuse vendite sulla forza proprio sui livelli validati sotto 17100 punti. L’eventuale rottura sopra i massimi della seduta appena conclusa potrebbero favorire allunghi verso area 17250 circa in prima istanza ed eventualmente, qualora il mercato mostrasse buona tenuta da parte dei compratori, anche verso i 17400/17500 punti, area di possibile resistenza nell’immediato futuro. Primo supporto di brevissimo in area 16800 o poco sotto mentre l’eventuale nuova discesa sotto 16620/16630 potrebbe ridare coraggio ai venditori di breve termine con obiettivi a 16300/16350 e area 16000 punti.

 

Operatività su base dinamica.

Il primo supporto di breve termine rimane tra 16600 e 16650 punti circa; il break di stamani sopra i massimi precedenti è stato seguito dall’atteso ritracciamento tra 16800 e 16900 punti circa, situazione che vedrà domani l’evoluzione necessaria a dare maggiori indicazioni: sopra 17075 possibile continuazione in direzione di 17400 punti circa mentre una chiusura sotto 16800 annullerebbe, almeno per ora, le velleità rialziste.

Trend presunto di breve termine e operatività su base ciclica.

Trend grafico di brevissimo termine: mercato negativo/neutrale e prezzi di chiusura tra i due valori più prossimi di supporto e resistenza individuabili a 16800 e 17065 punti.

Trend di breve termine: negativo e prima resistenza a 17050/17100 punti.

Ciclico-prezzi: il mercato rimane negativo dopo la discesa sotto 17200 punti; raggiunto il primo obiettivo a 16550/16660 ora la prima resistenza si colloca a 17200/17250 mentre l’eventuale nuovo obiettivo in area 16100 punti.

 

 

Fonte: Marco Benzoni – Dimensione Trading

Articoli Simili

Future Dax: prezzi respinti finora dalle resistenze

Administrator

TL: Future Eurostoxx: prezzi sul target, attendiamo nuovi segnali

Administrator

FTSEMIB… 09 Novembre 2018

Administrator