TrendAndTrading.it

DT- FIB: mercato neutrale/positivo, tornerebbe negativo in caso di rottura sotto 15370

libri

Condizione generale degli oscillatori (breve e brevissimo termine) e analisi dei volumi intraday.

Oscillatori: oscillatori tutti in condizione neutrale, Stocastico e MACD sempre in divergenza rialzista confermata. In aggiunta, per quanto  riguarda il RSI un’eventuale apertura sotto 15570 seguita dalla rottura sotto 15400 punti potrebbe preludere ad una nuova condizione di negatività di breve periodo.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Volumi: nessuna nuova indicazione e condizione sempre di neutralità dei volumi. Le rotture, spesso marginali, che hanno accompagnato queste ultime sedute hanno sempre visto il mantenimento della condizione neutrale dell’analisi dei volumi; anche per la prossima seduta il cedimento dei minimi intraday potrebbe rivelarsi un falso segnale, almeno nell’immediato, con primo supporto tra 15350 e 15400 punti circa. Potrebbe fare eccezione l’apertura in gap se confermata almeno su timeframe inferiore in chiusura sotto i minimi di venerdì ma, in ogni caso, la prudenza sarebbe d’obbligo anche in tale situazione.

Operatività su base grafica.

Situazione invariata, con l’area di possibile trading range compresa tra 15170-15280 e 15875-15965 punti, ormai centrata più volte negli ultimissimi giorni; per la prossima seduta un’eventuale salita oltre area 16000 potrebbe favorire la continuazione in direzione, almeno, dei 16150 punti, con obiettivo superiore tra 16400 e 16500 punti circa. Il primo supporto, intermedio, tra 15500 e 15550 punti circa, invece, ha ceduto alla pressione dei venditori durante la scorsa seduta; il successivo livello, dunque, rimane la base dell’area indicata per il trading range.

Operatività su base statica.

Nessuna novità per quanto riguarda i livelli rialzisti: la resistenza indicata a 15930/15960 continua a trattenere il mercato; un’eventuale rottura nella prossima seduta potrebbe favorire nuovi allunghi in direzione dei 16100/16200 punti almeno. Il primo livello di supporto, ma solo indiretto, a 15540 (sfiorato più volte nelle ultimissime sedute) è stato rotto ed ha portato le quotazioni sul successivo inferiore indicato a 15425, valore in prossimità del quale si è verificata la chiusura serale. In caso di continuazione gli altri supporti più immediati e diretti saranno rilevabili a 15315 e 15135 punti.  

 

Operatività su base dinamica.

Il break rialzista con possibile obiettivo a 16200 rimane tuttora attivo ma, da parecchie sedute, manca la conferma definitiva nonostante l’avvicinamento all’area 16000 punti. Per la prossima seduta l’eventuale discesa sotto i minimi precedenti potrebbe favorire una discesa tra 15100 e 15200 punti, livello obiettivo di brevissimo termine e primo supporto diretto di breve termine. Un recupero immediato sopra15900 dovrebbe ridare slancio e fiducia ai compratori.

Trend presunto di breve termine e operatività su base ciclica.

Trend grafico di brevissimo termine: mercato neutrale/positivo, tornerebbe negativo in caso di rottura sotto 15370 (meglio se non dopo un’apertura in gap).

Trend di breve termine: mercato neutrale/positivo, tornerebbe negativo in caso di rottura sotto 15370 (meglio se non dopo un’apertura in gap).

Ciclico-prezzi: il mercato si è più volte scontrato con il primo obiettivo/resistenza già individuato in area 15950/16000 punti circa, generando diverse reazioni negative, l’ultima delle quali, nella scorsa seduta, ha riportato le quotazioni precisamente sul primo supporto indicato da giorni tra 15400 e 15450 punti circa. Sarà ora da verificarne la tenuta anche nei prossimi giorni, pena la possibilità che si ripristini il trend negativo con primo obiettivo a 15000/15100 punti almeno.

 

 

Fonte: Marco Benzoni – Dimensione Trading

Articoli Simili

Future EuroStoxx50 intraday: rivisti tutti i riferimenti

Administrator

Future Bund intraday: abbassato lo stop

Administrator

Future Dax intraday: in attesa di nuovi segnali

Administrator