TrendAndTrading.it

DT- FIB: un nuovo break ribassista creerebbe le condizioni ideali per scendere a 15315 punti almeno

libri

Condizione generale degli oscillatori (breve e brevissimo termine) e analisi dei volumi intraday.

Oscillatori: oscillatori tutti in condizione neutrale, Stocastico e MACD sempre in divergenza rialzista confermata. Le condizioni di apertura ed i minimi intraday ……

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


dell’ultima seduta non hanno generato alcun nuovo segnale, almeno per ora.

Volumi: la prima seduta della settimana ha generato compressione sia sui prezzi di mercato sia sui volumi; un’apertura compresa tra 15710 e 15600 seguita dal break di area 15750 potrebbe favorire allunghi intraday e/o di brevissimo termine, con stop sotto area 15350/15400 punti.

Operatività su base grafica.

Il numero di sedute durante le quali il mercato è rimasto all’interno dell’area compresa tra 15180 e 15965, con una ulteriore compressione tra 15400 e il livello superiore dell’area principale, è arrivato a sette, facendo rilevare la possibilità che, a breve, il mercato possa esprimersi con una migliore direzionalità. Per l’intraday ed l brevissimo termine i due livelli da considerare potrebbero essere 15375 e 15740 punti: un break del livello inferiore potrebbe favorire qualche nuovo affondo in direzione di area 15200/15250 almeno, mentre il livello superiore potrebbe tentare di resistere in caso di tentativi di rottura rialzista (la conferma, tuttavia, in close oraria potrebbe alleggerirne la resistenza e favorire allunghi nell’ampia area compresa tra 15800 e 16045 punti.

Operatività su base statica.

Nessuna novità per quanto riguarda i livelli rialzisti: la resistenza indicata a 15930/15960 continua a trattenere il mercato; un’eventuale rottura nella prossima seduta potrebbe favorire nuovi allunghi in direzione dei 16100/16200 punti almeno ma, vista la condizione del mercato durante le ultime due sedute, cautelativamente occorrerebbe attendere conferma in close serale. Il primo livello di supporto, ma solo indiretto, a 15540, rotto nella seduta di venerdì, è stato prontamente recuperato; un nuovo break ribassista, tuttavia, creerebbe le condizioni ideali per scendere a 15315 punti almeno, con successivo obiettivo in area 15135 (più ambizioso e da valutare alla luce della chiusura del mercato in caso di break).

 

Operatività su base dinamica.

La mancata continuazione dopo il break rialzista dei giorni scorsi con obiettivo minimo in area 16200 punti circa sta mettendo alla prova i rialzisti; attualmente, dunque, le quotazioni si trovano nuovamente all’interno di un triangolo i cui estremi, per la prossima seduta, saranno rilevabili a 15150/15200 e 15750/15800 punti circa e, presumibilmente, sarà la rottura di uno dei due valori a determinare il prossimo movimento

Trend presunto di breve termine e operatività su base ciclica.

Trend grafico di brevissimo termine: mercato neutrale/positivo, in attesa della formazione di nuovi pivot (unico ravvisabile, al momento, un intermedio di resistenza, di minore importanza, a 15935 punti).

Trend di breve termine: mercato neutrale/positivo, al momento “ingabbiato” all’interno dell’area determinata dai due livelli chiave 15550 e 15990.

Ciclico-prezzi: il mercato ha mostrato tenuta sul primo supporto utile (con una certa precisione) indicato, negli articoli precedenti) a 15400/15450 punti, raggiunto venerdì e che ha generato un rimbalzo durante l’ultima seduta. Ora, dunque, proprio tra 15400 e 15900 si sviluppa l’area che potrebbe definire il range di brevissimo termine e al di fuori della quale (validità in chiusura di seduta) si dovrebbe sviluppare nuova direzionalità.

 

Fonte: Marco Benzoni – Dimensione Trading

Articoli Simili

Future EuroStoxx50 intraday: rivisti tutti i riferimenti

Administrator

Future Bund intraday: abbassato lo stop

Administrator

Future Dax intraday: in attesa di nuovi segnali

Administrator