TrendAndTrading.it

EUR incerto in vista della votazione finale per Commissione Europea

economia tedesca guerra commerciale try nzd aud inr zar gbp jpy yen nzd brexit eur

Eur. Per i candidati alle posizioni apicali dell’UE è arrivato il momento topico. Dopo un mese di negoziati intensi, i leader dei 28 membri dell’UE hanno stilato una lista definitiva, .. ..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


By Vincent Mivelaz – SwissQuote


che vede Charles Michel alla guida del Consiglio Europeo (eletto ufficialmente), Josep Borrell Alto rappresentante per gli affari esteri, Christine Lagarde presidente della BCE e, per finire, Ursula von der Leyen presidente della Commissione Europea.

La decisione finale spetta, però, ai membri del Parlamento Europeo; si prevede un voto di misura, che sta facendo soffrire la moneta unica.

La mancata conferma dei leader non sarebbe solo un duro colpo per l’Unione, ma anche per la BCE, in vista della riunione di politica monetaria di giovedì prossimo.

Le promesse dell’ultimo minuto della candidata di compromesso Ursula von der Leyen per ottenere la nomina al vertice dell’UE saranno decisive in vista dell’assemblea per la votazione finale, che inizierà alle 18, e per cui è richiesto un minimo di 374 voti su 747, anche se per far approvare le leggi alla maggioranza servirebbero 400 voti.

Se i membri del parlamento europeo bocciassero la candidatura e, in generale, la nuova leadership, la prossima settimana dovrebbe tenersi un vertice d’emergenza, che potrebbe potenzialmente provocare un rally dell’EUR, nel caso in cui Jens Weidmann emergesse come candidato al timone di una BCE meno accomodante.

Si tratterebbe, però, di uno sviluppo passeggero, poiché il consiglio colomba avrebbe comunque l’ultima parola.

Il compito per la candidata esterna Ursula von der Leyen sta diventando pertanto difficile; le sue promesse, infatti, devono convincere i partiti euroscettici di estrema destra e di sinistra, oltre a socialisti e liberali, giacché non potrà contare sui Verdi (ca. 10% dei seggi totali), che hanno escluso un sostegno alla sua candidatura.

Nel breve termine l’EUR/USD rimarrà quindi sotto pressione, dirigendosi verso 1,1230.

Fonte: TrendAndTrading.it

Articoli Simili

GBP sull’ottovolante ribassista

Administrator

Forex attesa sui mercati

Administrator

RBA: i dati avvalorano un taglio del tasso a dicembre

Administrator