TrendAndTrading.it

Franco svizzero in calo sulla frenata dei dati economici

franco svizzero

Franco svizzero in calo sulla frenata dei dati economici. Come previsto, nel T2 del 2019 l’economia svizzera sta attraversando una fase di rallentamento. Le recenti cifre economiche mostrano un outlook piuttosto cupo……..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


By Vincent Mivelaz – SwissQuote


Il PMI manifatturiero di aprile ora è in territorio negativo, mentre, nonostante l’apparente rallentamento dell’IPC, pare che i consumatori svizzeri pagheranno di più per i loro consumi effettivi.

Anche la ripresa della flessione dell’indicatore KOF e dei consumi privati rende il quadro meno piacevole.

La recente pubblicazione dei dati riferiti al primo trimestre del 2019 di Geberit, il principale fornitore svizzero di prodotti sanitari, da cui emerge che quello in corso sarà un anno difficile a causa dell’aumento della volatilità nell’UE (per via di Brexit, politica Italiana) e del rallentamento delle attività legate alla costruzione, è precursore di ciò che potrebbe accadere all’economia elvetica.

Anche se i toni degli economisti non sono così allarmanti, il PMI manifatturiero di aprile è sceso a 48,5 punti (precedente: 50,3), livello minimo dal settembre del 2015, dopo che la BNS aveva rimosso il cambio fisso EUR/CHF all’1,20, invece le previsioni puntavano a un rimbalzo a 51 punti.

Anche il PMI per le piccole e medie imprese di Raiffeisen, sebbene ancora sopra la soglia dei 50 punti, mostra un trend ribassista negli ordinativi, per cui bisognerà monitorare attentamente gli sviluppi futuri.

I prezzi al consumo rimangono in linea con le attese, le cifre su base a/a e m/m si attestano rispettivamente allo 0,70% e allo 0,20%, mentre il rimbalzo dei prezzi della benzina (+3,70%) e dei trasporti aerei (+4,90%) rispetto a marzo dovrebbe pesare sui consumi svizzeri.

Anche se la situazione rimane sotto controllo, la prudenza è d’obbligo, perché un’escalation delle tensioni commerciali fra gli USA e l’UE potrebbe avere conseguenze negative sull’industria delle esportazioni svizzera.

L’EUR/CHF scambia a 1,13904, nel breve termine si dirige verso 1,14170.

Fonte: TrendAndTrading.it

Articoli Simili

GBP sull’ottovolante ribassista

Administrator

Forex attesa sui mercati

Administrator

RBA: i dati avvalorano un taglio del tasso a dicembre

Administrator