TrendAndTrading.it
Image default

GB: 27/01 Panoramica dei mercati finanziari e occasioni di trading

Settimana negativa per gli indici azionari mondiali.

Dopo il forte rialzo delle ultime settimane, sembra proprio che sia giunta la tanto attesa correzione !…….


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Gabriele Bellelli – Trader e Consulente Finanziario Indipendente


Al momento il quadro generale di fondo è ancora impostato al rialzo e in quest’ottica il movimento attuale è da inquadrare solamente come “correzione”.

Infatti fino a quando i minimi ed i massimi di periodo resteranno al rialzo è prematuro parlare di “inversione di tendenza”.

In queste situazioni è interessante analizzare tutte le diverse asset class per avere una migliore sguardo d’insieme sul mercato.

S&P 500: le quotazioni rompono al ribasso la congestione che avevamo evidenziato la scorsa settimana.

Il breve periodo vira quindi al ribasso e le quotazioni sembrano avviarsi verso il supporto dinamico che unisce tra loro i minimi di periodo ( linea blu del grafico sottostante ). 

sp50026114

In riferimento al mercato americano è importante sottolineare come gli internal dealing dimostrino che gli insider, ossia i bene informati ( ad esempio gli amministratori delegati o i proprietari ), hanno approfittato dei recenti massimi per vendere parecchie azioni.

Un esempio lampante è la schermata sottostante, prelevata dal sito Finviz, dove la parola “sale” è nettamente prevalente rispetto alla parola “buy”.

finviz

Il segnale ribassista sugli indici azionari trova conferma anche nella correlazione negativa con l’oro che in settimana ha continuato nel suo rimbalzo.

gold24114

Dax: medio periodo ancora al rialzo ma breve periodo al ribasso.

dax24114

Ftse Mib: rompe al ribasso la congestione sui massimi e gli indicatori ciclici virano verso valle generando un segnale ribassista.

Il movimento ribassista è stato violento e ha chiuso il primo gap up che l’indice aveva lasciato aperto nella sua corsa rialzista.

Adesso restano aperti altri due gap, vediamo se il mercato li chiuderà entrambi. 

La mia impressione è che almeno quello in area 18697 punti di indice verrà chiuso nei prossimi giorni.

ftse24114bis

Importante anche illustrare come i BTP, dopo aver toccato importanti livelli di resistenza di rendimento e di prezzo, abbiano iniziato a correggere.

Il grafico sottostante illustra il  Btp 2037, che è quello più scambiato, sul quale sono evidenti gli alti volumi registrati in settimana.

L’impressione è che a questi livelli molti operatori abbiano iniziato ad alleggerire.

btp203724114

Tra i titoli che avevo in portafoglio ho chiuso quasi tutte le posizioni.

Molte in guadagno sul trailing profit mentre alcune, come Biesse e Safilo, in stop loss.

Tra i singoli titoli, numerose situazioni di ipervenduto o di eccesso sulle bande di Bollinger.

Tra i titoli del Ftse Mib in situazione di maggiore eccesso ribassista troviamo Generali e Yoox.

Eni: corregge e quindi inizio a marcarla da vicino.

Il buy back è sempre operativo per cui inizio a cercare un punto di ingresso.

eni24114

Inizio a monitorare con attenzione anche Fiat e Finmeccanica che, oltre ad essere impostati al rialzo, sono tra i migliori a livello di “forza relativa”. 

Fiat

fiat24114

Finmeccanica

finmeccanica24114

Mediobanca: correzione di breve periodo in atto ma nonostante il forte ribasso del mercato e di alcuni bancari, Mediobanca regge egregiamente e dimostra una buona forza relativa.

Appena riparte sarà una preda interessante da mettere in portafoglio.

mediobanca24114

World Duty Free: regge bene sui massimi e dimostra una buona “forza relativa”.

Altra possibile preda da marcare ad uomo.

wdf24114

© Riproduzione parziale o totale concessa con espressa citazione della fonte

Autore: Gabriele Bellelli

Fonte: Bellelli.biz

Articoli Simili

Trading di brevissimo: Stm e Tenaris

Administrator

Fca: accordo per la vendita di Magneti Marelli

Administrator

Banche italiane: cosa succede al settore core di Piazza Affari

Administrator