TrendAndTrading.it
Image default

Grecia ad ampie falcate verso ritorno alla normalità. Quest’anno attesa la svolta

2014 l’anno della rinascita
La Grecia inizia il nuovo anno con rinnovato ottimismo. A oltre cinque anni dall’inizio della terribile crisi del debito che ha avuto come lascito per Atene un calo del 25% del Pil …


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


e l’erosione di circa 1 milione di posti di lavoro, il Paese appare fi nalmente pronto a ripartire. “Quest’anno torneremo a essere un paese normale e riprenderemo a fi nanziarci sul mercato senza bisogno della Troika e usciremo dalla crisi”, ha sottolineato recentemente il premier greco Antonis Samaras che deve però fare i conti con il costante rischio di elezioni anticipate alla luce della maggioranza risicata dell’attuale coalizione di governo (153 deputati sui 300 totali del parlamento ellenico).
Lo scorso novembre il premier ha superato indenne la mozione di sfi ducia presentata dal partito d’opposizione Syriza che ha raccolto solo 124 i voti di sfi ducia rispetto ai 151 necessari. Il ritorno di Atene a fi nanziare il proprio debito sui mercati dovrebbe avvenire secondo i progetti dell’esecutivo nella seconda metà del 2014. Il paese ellenico non si rifinanzia sui mercati dal 2010 e ha dovuto ricorrere a prestiti per complessivi 240 miliardi di euro da parte di Bce e Fmi.

Troika ad Atene a metà mese
Con il 2013 è arrivata a sei anni la striscia recessiva che ha messo in ginocchio il paese con disoccupazione salita a oltre un quarto dei cittadini attivi. Primi timidi segnali di arresto del trend discendente si sono comunque già evidenziati nel 2013 con il secondo trimestre che ha visto l’economia espandersi rispetto ai primi tre mesi dell’anno per la prima volta dopo 19 cali consecutivi. Le previsioni del governo sono di una chiusura di 2013 con Pil giù del 4 per cento con il segno più che arriverà il prossimo anno anche se in misura molto lieve. Il budget 2014 vede infatti un progresso dell’economia al ritmo dello 0,6% quest’anno, previsioni in linea con quelle diffuse dalla Commissione Europea su Atene. Un’economia in fase di stabilizzazione che quest’anno non vedrà l’introduzione di nuove tasse. Di contro proseguono le misure di rigore sul fronte spesa pubblica, con l’approvazione di tagli per 3,1 miliardi di euro. Lievi progressi anche dal mercato del lavoro con il tasso dei senza lavoro che si è attestato al 27 per cento nel terzo trimestre dal 27,1% del trimestre precedente. Sul fronte conti pubblici il progetto di bilancio per il 2014 vede il defi cit scendere al 2,4% del Pil con debito pubblico pari al 174,5% del Pil. Il 15 gennaio ci sarà l’importante visita ad Atene della Troika (Ue, Bce, Fmi) che valuterà attentamente i progressi fatti dalla Grecia negli ultimi mesi. Intanto da inizio mese proprio la Grecia di Samaras è la presidente di turno dell’Unione Europea fi no a fi ne giugno. Tra i focus del semestre indicati da Atene per l’intera Europa ci sono la crescita e la creazione di posti di lavoro.

Borsa di Atene reduce da un 2013 avanti tutta
Nel 2013 i segnali di risveglio dell’economia greca hanno sostenuto la Borsa di Atene. L’indice ASE (Athens Stock Exchange General Index), il maggior indice della Borsa di Atene che raccoglie le 60 maggiori società del paese, è salito di oltre il 28% nel corso del 2013 toccando a inizio dicembre i livelli più alti dal luglio del 2011. La Borsa di Atene ha inaugurato al meglio il 2014 con un balzo di oltre il 4% nella prima seduta dell’anno festeggiando così l’avvio del semestre che vede la Grecia alla guida dell’Ue.

Fonte: RBS

Articoli Simili

DAX e SP 500 : DAX Supporto intraday intorno a 11254,00

Administrator

DAX e SP 500 : DAX Variabile

Administrator

DAX e SP 500 : SP 500 Pivot point: 2755,00

Administrator