TrendAndTrading.it

IG: Eur/Usd ai minimi da marzo 2015, carry trade in atto

La Yellen scatena gli acquisti sul biglietto verde, l’euro/dollaro scende sotto 1,05 per la prima volta da marzo 2015………..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}

a cura di Vincenzo Longo


Non si arrestano gli acquisti sul biglietto verde dopo la riunione della Federal Reserve. Nella sostanza, sia il comunicato che i dots plot hanno rispecchiato le attese. Anche la Yellen è apparsa piuttosto cauta, nonostante i tre rialzi previsti per il 2017. Non crediamo, quindi, che l’appuntamento abbia riservato sorprese al mercato tale da giustificare le vendite su Wall Street.

Come giustificare i movimenti sul mercato? L’impressione è che tutto sia partito dal dollaro, oggetto di forti acquisti sull’aspettativa che la più importante Banca centrale del mondo sembra essere avviata a un percorso di rialzo dei tassi d’interesse più continuativo, dopo i rialzi singoli del 2015 e del 2016. Da qui:

– il dollaro si è apprezzato verso le valute emergenti, sulla scia che i tassi più alti dei Treasury possano richiamare l’appeal degli operatori a scapito degli investimenti diretti proprio nei paesi Emergenti;

– il dollaro si è rafforzato anche verso le valute di area soggette a politiche monetarie fortemente accomodanti, grazie al consueto carry trade. A risentirne particolarmente sono stati euro, yen e franco svizzero;

– le aspettative sempre più restrittive della Fed ha fatto finire sotto pressione i Treasury, con i rendimenti in deciso rialzo soprattutto sul segmento a 2 anni. Lo differenziale qui tra Usa e Germania ha toccato così i nuovi massimi da 16 anni. Anche lo yield sul decennale Usa è balzato ai massimi dall’estate 2014, superando la soglia di 2,60% e avvicinandosi sempre più ai livelli che potrebbero rendere questo asset più conveniente in una logica di rischio/rendimento rispetto all’equity;

– calo delle borse riconducibile a prese di profitto e, in minimi parte, al rialzo tassi sui bond, i cui rendimenti iniziano a ingolosire qualche operatore. Non siamo ancora ai livelli da permettere una grande rotazione di portafoglio, ma non manca molto.

Tornando al cambio EUR/USD, la discesa sembra aver trovato supporto per ora in area 1,0460, minimi di marzo 2015. Se questo livello dovesse resistere anche all’apertura di Wall Street e in generale nella seduta odierna, il pericolo di una sua rottura potrebbe sfumare. Possibili area di rimbalzo vedono le prime resistenze a 1,0570 e poi a 1,07. La violazione invece di tale supporto farebbe scattare tanti ordini sell che potrebbero riportarlo rapidamente a 1,03. A quel punto la parità sarà solo questione di tempo.

Fonte: IG

Articoli Simili

EUR USD Tendenza al rialzo sopra 1,1065

Administrator

EUR USD Continuazione del rebound Pivot point 1,1035

Administrator

EURO DOLLARO medio/lungo periodo 11 Settembre 2019

Administrator