TrendAndTrading.it

La Bank of Canada rimane in attesa

economia tedesca guerra commerciale try nzd aud inr zar gbp jpy yen nzd brexit eur

La Bank of Canada rimane in attesa. La tendenza nell’USD/CAD è stata abbastanza noiosa dalla riunione della Fed del mese scorso. La coppia è rimasta entro il range di 1.35-1.34 (+0,40% dall’inizio del mese),…

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


By Vincent Mivelaz – SwissQuote


nonostante l’accelerazione nei titoli della guerra commerciale.

Eppure la tendenza è in procinto di cambiare dato che la riunione di politica monetaria di oggi della Bank of Canada, pur non mostrando grandi cambiamenti nell’orientamento a futuro, dovrebbero beneficiare il biglietto verde.

Le parole prudenti della dichiarazione del BoC per quanto riguarda la disputa commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina e i rischi per la crescita economica sono i principali fattori.

Fin dalla sua riunione del 24 aprile 2019, la BoC ha seguito le orme della Fed, eliminando la prospettiva di un potenziale rialzo dei tassi e sottolineando una posizione politica più accomodante, invece, riducendo al contempo le sue previsioni di crescita dal 1,70% al 1,20%.

Inoltre, il calo nel mese di aprile del PMI manifatturiero a territorio di contrazion a 49.7 (precedente: 50.5), il più basso dal febbraio 2016, a causa della domanda più debole dei clienti, non fa ben sperare per la valuta del petrolio se la situazione commerciale dovesse peggiorare.

Per ora, sembra che l’inflazione è mantenuta nell’intervallo obiettivo di 1-3%, con l’IPC core e generale di aprile situati al 1,80% e al 2% e che quindi non rappresentano un problema per la BoC.

Inoltre, considerando il recente sviluppo dei colloqui con gli Stati Uniti, sembra che le preoccupazioni per le discordie commerciali vengono affrontate dato che gli Stati Uniti sono disposti a eliminare i dazi su entrambe le esportazioni di acciaio e di alluminio canadesi e messicane, aprendo la strada verso la ratifica di un nuovo accordo USMCA.

Vorremmo comunque rimanere cauti, poiché i rischi al ribasso sul Loonie sono in aumento.

L’USD/CAD è scambiato a 1.3505, avvicinandosi a 1.3521 a breve termine.

Fonte: TrendAndTrading.it

Articoli Simili

GBP sull’ottovolante ribassista

Administrator

Forex attesa sui mercati

Administrator

RBA: i dati avvalorano un taglio del tasso a dicembre

Administrator