TrendAndTrading.it

La crescita del PIL svizzero accelera nel primo trimestre

rally azionario cina usa bitcoin trump guerra commerciale gbp messico

La crescita del PIL svizzero accelera nel primo trimestre. Nonostante la situazione di tensione sulla scena internazionale, l’ultima partita di dati economici provenienti dalla Svizzera ha sorpreso al rialzo…….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


By Arnaud Masset – SwissQuote


Tuttavia, il franco svizzero non è riuscito a recuperarsi, in quanto si è mosso lateralmente contro il biglietto verde intorno a 1.0040.

Anche la vittoria dei nazionalisti alle elezioni europee ha permesso al Swissy di guadagnare terreno nei confronti della moneta unica, dato che l’EUR/CHF è rimasto al di sopra della soglia di 1.12.

Il PIL svizzero è aumentato dello 0,6% nel trimestre di marzo, battendo ampiamente le stime degli economisti dello 0,3% q / q.

Nel corso degli ultimi 12 mesi, l’economia è cresciuta dell’1,7%, anche superando la previsione mediana di 1 % e le cifre riviste al rialzo di 1,5% in precedenza.

L’accelerazione del consumo delle famiglie insieme con una ripresa degli investimenti spiegano per la maggior parte questa buona lettura.

Il consumo delle famiglie è aumentato dello 0,4% q / q, rispetto allo 0,3% di quello precedente, mentre gli investimenti in beni capitali sono saliti dell’1,5% q / q rispetto a una contrazione dello 0,1% nel trimestre di dicembre.

Nonostante i dati commerciali mediocri per il mese di aprile – le esportazioni si sono contratte dello 0,6% m / m mentre le importazioni sono aumentate dell’1,5% – i dati sono rimasti buoni nel primo trimestre poiché le esportazioni di merci sono aumentate del 2,2% q / q (+5,8% in precedenza), mentre le esportazioni di servizi hanno raggiunto l’1,7% q / q (+0,6% nel 4Q 2018).

Nel complesso, il rapporto ha mostrato che la Svizzera ha avuto una decente performance, soprattutto sullo sfondo delle crescenti tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Tuttavia, riteniamo che 2019 sarà un anno difficile per l’economia svizzera.

Le ultime elezioni europee hanno dimostrato che la coesione tra i paesi continua a cadere a pezzi, il che non fa ben sperare per le imprese.

Essendo una nazione orientata verso l’esterno – vale a dire fortemente dipendente dai flussi internazionali, in particolare con l’Unione – la Svizzera potrebbe solo soffrirne da questa situazione.

Di conseguenza, non saremmo sorpresi nel vedere un rinnovato interesse per le valute di rifugio come il franco svizzero e lo yen giapponese tenendo conto del fatto che l’incertezza geopolitica continua a salire.

Fonte: TrendAndTrading.it

Articoli Simili

GBP sull’ottovolante ribassista

Administrator

Forex attesa sui mercati

Administrator

RBA: i dati avvalorano un taglio del tasso a dicembre

Administrator