Forex

La Sterlina cavalca il ritorno a crescita sostenuta

42 MONETE

Sprint ai massimi a 8 mesi
Il ritorno a ritmi di crescita sostenuti per l’economia britannica ha dato slancio alla sterlina che ha recuperato quasi completamente il gap dovuto alla pronunciata debolezza…….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


dei primi mesi dell’anno. La divisa d’oltremanica è ritornata di slancio oltre la soglia di 1,60 rispetto al dollaro statunitense, livello che non vedeva da gennaio. Massimi a 8 mesi anche nei confronti dell’euro con cross euro/sterlina sceso fi no a sotto quota 0,84.
Dai minimi annui toccati a luglio il pound ha guadagnato circa 8 punti percentuali rispetto al dollaro. Al movimento rialzista della valuta si abbina quello del Gilt sull’obbligazionario con il rendimento del titolo decennale salito in area 3% sui massimi a circa due anni.

Economia britannica mostra i muscoli
Nei tre mesi da aprile a giungo si è materializzata per la Gran Bretagna l’attesa “svolta economica” con una crescita del Pil dello 0,7 per cento su base trimestrale rispetto al +0,3% dei primi tre mesi dell’anno. Le previsioni per la restante parte dell’anno sono di un’ulteriore accelerazione con un ritmo di crescita che potrebbe andare oltre l’1% su base trimestrale.
Ottimi riscontri sono arrivati anche dal mercato del lavoro con la disoccupazione scesa al 7,7% con un calo di 24mila unità del numero delle persone in cerca di lavoro nei tre mesi chiusi al 31 luglio. La nuova forward guidance inaugurata lo scorso mese dalla Bank of England ha agganciato la politica monetaria proprio al livello della disoccupazione indicando la discesa sotto la soglia del 7% come obiettivo da raggiungere prima di valutare la possibilità di muovere al rialzo sui tassi.

Il timbro di Carney nel nuovo corso della Boe
La svolta in seno alla Bank of England è maturata proprio nei mesi estivi con l’approdo a luglio di Mark Carney nel ruolo di governatore al posto di Mervyn King. L’ex numero uno della Bank of Canada ha subito spinto verso una nuova impostazione di politica monetaria sullo stile di quanto fatto dalla Federal Reserve negli ultimi anni. Stando alle previsioni contenute nell’Infl ation Report di agosto questo non accadrà prima del terzo trimestre 2016, ma gli ultimi positivi riscontri dal mercato del lavoro hanno portato gli investitori a scommettere sull’inizio della stretta monetaria già prima del 2016. Proprio in merito alla forward guidance sui tassi introdotta ad agosto, le minute del meeting del Monetary Policy Committee della Bank of England (Boe) dello scorso 4-5 settembre rimarcano che l’indicazione del target di disoccupazione sotto il 7% non vuol dire che al suo raggiungimento ci sarà un automatico rialzo dei tassi. La guidance sui tassi è strettamente correlata anche all’andamento dell’infl azione e alle aspettative future sui prezzi. I verbali della riunione di settembre hanno rimarcato il confermarsi di segnali circa il fatto che la ripresa sta prendendo piede” con i dati più recenti che evidenziano un possibile rialzo del profilo di crescita. Nessun membro vede pertanto al momento la necessità di ulteriori stimoli monetari. La Bank of England per i prossimi due anni prevede una crescita economica nell’ordine del 2,6% rispetto al +2,2% indicato a maggio. Per quanto concerne l’inflazione, un suo ritorno sotto il target del 2% è atteso nel terzo trimestre del 2015.

 

Fonte: RBS

Related posts

Dollaro Australiano affossato da Cina e Fed

Administrator

Volatilità a sprazzi

Administrator

Analisi dei principali Cross Valutari : EUR/USD Posizioni lunghe sopra 1,1615

Administrator