TrendAndTrading.it

Messico nuovi dazi

rally azionario cina usa bitcoin trump guerra commerciale gbp messico

Messico nuovi dazi. Cadono i rendimenti nel G10. Negli Stati Uniti, ci sono stati periodi in cui le curve invertite non hanno portato ad una recessione economica……

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


By Peter Rosenstreich – SwissQuote


Tuttavia, una recessione non si è verificata mai senza una curva di rendimento invertita.

Il mercato ha discusso se il prezzo attuale dei bond è un segnale, oppure la debole crescita del PIL o l’anomalia di un mercato disfunzionale.

Le curve hanno ceduto sotto l’aumento delle aspettative che la Fed sarà costretta a tagliare i tassi di interesse nei prossimi anni. Mentre le TIPS (obbligazioni del Tesoro protette dall’inflazione) a 1,60% sono un segno che il mercato obbligazionario non vede inflazione nel futuro.

In generale, siamo stati portati verso l’anomalia, poiché un catalizzatore per una grave contrazione economica non era si era materializzato.

Le tensioni commerciali hanno testato la nostra prospettiva, ma ogni volta gli eventi più tranquilli ci hanno tirato indietro dal baratro.

Tuttavia, le recenti azioni da parte del Presidente degli Stati Uniti suggeriscono che ritornare sui passi del danno fatto dalle minacce e i dazi attuali è diventato impossibile.

Ci sono rapporti di società che alterano in modo permanente le catene di approvvigionamento al fine di evitare potenziali interruzioni.

I futures dei titoli azionari statunitensi stanno commerciando al ribasso in risposta al recente tweet di Trump.

In una tipica tempesta di tweet, seguita da un comunicato diffuso dalla Casa Bianca, Trump ha detto che utilizzerebbe la International Emergency Economic Powers Act per imporre dazi del 5% su tutte le merci importate dal Messico a partire dal 10 giugno, e che aumenterebbe i dazi progressivamente, raggiungendo il 25% il 1 ottobre.

Il commercio è ormai diventato il principale martello politico di Trump.

Mentre questo approccio grezzo potrebbe piacere alla sua base di votanti, questo non è il modo di trattare gli alleati o i principali partner commerciali.

Trump vuole che il Messico affronti il problema dell’immigrazione illegale verso gli Stati Uniti, ma un approccio trasversale della politica è rischioso.

Il Messico è il terzo partner commerciale degli Stati Uniti, e ha anche leve.

I funzionari del Messico hanno risposto con un potenziale 10% di dazi su tutte le importazione dagli Stati Uniti.

I nuovi dazi sul Messico ha inviato il MXN sotto pressione di vendita, il che ha spinto l’USD/MXN attraverso i livelli di resistenza chiave, tra cui la rottura del massimo di marzo a 19.6215.

Anticipiamo l’estensione del momentum rialzista a 20.2070 (livello di Fibonacci).

La stretta eccessiva della Fed avrebbe potuto essere il fattore che ha inviato l’economia statunitense verso la recessione.

Ma è l’ignoranza di Trump quella che spingerà l’economia americana dalla scogliera.

Fonte: TrendAndTrading.it

Articoli Simili

GBP sull’ottovolante ribassista

Administrator

Forex attesa sui mercati

Administrator

RBA: i dati avvalorano un taglio del tasso a dicembre

Administrator