TrendAndTrading.it
Image default

NB: Asset allocation e scommesse per il 2014: su cosa puntare?

Ciao a tutti e ben ritrovati anche in questo 2014 appena iniziato. Il forex non dorme mai, anzi in questi ultimi giorni sembra particolarmente attivo……

Strategie forex: pullback con bearish engulfing sull’Aussie

Buongiorno a tutti. Oggi voglio mostrare una strategia forex che spiego ai miei allievi nei corsi di formazione dedicati allo swing & position trading. Si tratta del pullback da un minimo a 2 mesi di calendario. Nel case study presentato stamattina sul tasso di cambio AUD/USD viene mostrato come era possibile prendere posizione short lungo un fortissimo trend direzionale ribassista dopo la formazione di un pullback semplice verso la resistenza dinamica della EMA20.

Tasso di cambio AUD/USD – grafico daily

Tra l’altro l’Aussie ferma il suo rimbalzo a contatto con la resistenza statica di area 0,9170. E’ proprio qui che si forma una candela di debolezza, nella fattispecie il bearish engulfing. Questo è un classico segnale forex di proseguimento della tendenza principale dopo un pullback, che anche il mio allievo Giuliano S. ha sfruttato alla perfezione inserendo un ordine sell limit a 0.9080 ottenendo un eseguito quasi millimetrico. Ieri l’Aussie è crollato come da programma, colpendo subito il primo target di 0,8970 e avvicinandosi al secondo obiettivo di 0,8860. – See more at: http://nicoladantuono.blogspot.it/2013/12/strategie-forex-pullback-con-bearish.html#sthash.dlKrtayD.dpuf

I grandi money manager stanno aggiustando i loro portafogli, chiudendo operazioni pregresse e aprendo nuove posizioni in vista di nuove scommesse macro. Il 2013 ha visto i top trader annaspare un po’, anche se alcuni hedge funds hanno messo a segno performance esaltanti cavalcando i principali trend macro, ovvero il rialzo delle borse, la forte ripresa dell’euro, il boom del Nikkei e il crollo dell’oro.

E nel 2014? Quali saranno i grandi temi da cavalcare? Al momento mi viene in mente senza dubbio la riscossa del dollaro americano, la possibile forte discesa dell’euro. mentre la grande sorpresa potrebbe essere il crollo dei bond a causa del graduale, ma costante, aumento dei rendimenti reali di mercato. Sull’azionario resto positivo, ma credo che bisogna fare molto più attenzione rispetto agli ultimi mesi. Inoltre, credo che non saranno ripetute le stesse performance del 2013. Sul forex mi aspetto uno yen ancora debole, ma più volatile (occhio ai rimbalzoni). Per quanto riguarda l’oro, potrebbe esserci sempre un crollo fino a 1.000$, ma penso che alla fine ci sarà probabilmente una lunga fase di alti e bassi tra 1.400$ e 1.100$ nel corso dell’anno. Anche nel 2014 vi aspetto come sempre ogni giorno con nuove analisi di mercato, segnali forex e spunti didattici.

Buon trading!

Autore: Nicola D’Antuono

Articoli Simili

Analisi dei principali Cross Valutari : EUR/USD Resistenza chiave a breve termine a 1,1350

Administrator

Eur/Usd intraday: prezzi sul primo target, liquidiamo l’esposizione intraday

Administrator

Analisi dei principali Cross Valutari : EUR/USD Resistenza chiave a breve termine a 1,1380

Administrator