TrendAndTrading.it
Image default

Oro a 1.240$, palladio quasi uguale

Oro a 1.240$, palladio quasi uguale, asset di rischio in ribasso con le tensioni Brexit ed i Gilet Gialli. I prezzi dell’oro sono saliti a 1.240$ l’oncia negli scambi di Londra martedì, sfidando i massimi di 4 mesi anche durante un rialzo del dollaro USA ed un arretramento gli asset ‘a rischio’ guidato da titoli azionari……..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Adrian E. Ash – Bullion Vault


L’argento è salito ai massimi di 4 settimane sopra i 14,60$/oncia ed  il palladio è salito a 1.232/oncia  – un nuovo record in dollari e vicino alla parità con l’oro per la prima volta dal 2002.

Tuttavia, i prezzi del platino non sono riusciti ad unirsi all’impennata dei metalli preziosi, attestandosi a 804$/oncia, un minimo di 10 anni quando raggiunto a Luglio.

L’oro in euro è stato scambiato vicino a massimi di 6 settimane,  mentre le tensioni politiche si sono mantenute alte in Francia e Spagna. I prezzi dell’oro nel Regno Unito sono saliti a 973£  – in rialzo dell’1,7% per questa settimana fino ad ora – mentre il Primo Ministro Theresa May ha continuato a difendere la sua proposta di accordo per la Brexit con l’Unione europea durante una discussione parlamentare sulla consulenza legale data al suo governo.

L’oro prezzato in sterline aveva subito una correzione quando la sterlina è avanzata nel mercato delle valute, dopo che il più alto giurista della Corte di giustizia europea ha affermato che il Regno Unito, se lo desidera, può revocare l’articolo 50 prima della scadenza del prossimo marzo e rimanere all’interno dell’Unione europea con i termini attuali, senza bisogno di approvazione dagli altri 27 stati membri.

Scendendo di nuovo martedì, l’indice azionario FTSE250 di Londra ha perso l’11% finora nel 2018.

Il più internazionale FTSE100 è sceso dell’8%.

Con il platino, anche il rally di ieri dei prezzi azionari non ha supportato il Bitcoin, che ha perso oltre il 6% rispetto al dollaro e l’ha poi recuperato all’inizio di martedì.

“L’atmosfera di rischio ha attratto gli investitori rialzisti del palladio e sostenuto il prezzo a 1200$”, ha osservato il gruppo svizzero di raffinazione e finanza MKS Pamp.

“La scarsità in questo mercato continua ad essere un fattore”, continua MKS, indicando ampi spread di trading in palladio – che trova quasi l’80% del suo uso finale in autocatalizzatori per ridurre le emissioni dei motori a benzina – oltre a costi elevati per la prenotazione di consegna fisica all’inizio del 2019.

Per quanto riguarda i prezzi dell’oro, il metallo “è indietreggiato leggermente in chiusura lunedì … [ma] è riuscito a mantenere il prezzo di 1.230$ “, ha scritto il reparto commerciale di MKS, “un’impresa che non è stata raggiunta dalla fine di ottobre ed è stata di ostacolo il mese scorso. “

Il prezzo dell’oro in euro oggi si aggira intorno ai 1.088€ l’oncia – il più alto dal picco di fine ottobre – mentre il primo ministro francese Edouard Philippe oggi ha ceduto alle richieste dei dimostranti “gilets jaunes”, la cui protesta ha già causato un morto e centinaia di feriti negli scontri con la polizia.

Dopo due settimane di marce, atti vandalici e violenze da parte di manifestanti, che indossano vesti gialle catarifrangenti, a causa del nuovo aumento delle tasse sui combustibili fossili, Philippe ha detto che l’aumento delle tasse sarà sospeso per 6 mesi.

“Abbiamo bisogno di misure forti e visibili, questa concessione è solo servita a prendere tempo”, ha detto un manifestante dei “gilets jaunes”.

“Dubito che gli scontri finiscano qui”.

Nel frattempo in Andalusia, dopo che il partito conservatore anti-immigrazione Vox ha vinto l’11% dei voti nelle elezioni locali dello scorso fine settimana – aggiudicandosi i primi seggi “di estrema destra” dall’epoca franchista – la scorsa notte sono state organizzate marce anti-Vox in tutto il sud.

In Italia, lo spread BTP – Bund è arretrato, scendendo ai livelli di fine settembre a 280 punti base, mentre la coalizione di M5 e Lega ha fatto ulteriori concessioni a Bruxelles sui piani di deficit di spesa del 2019.

I mercati azionari globali hanno invertito metà dell’aumento di lunedì, portando l’indice EuroStoxx 600 ad oltre il 7% in meno rispetto a questo periodo dello scorso anno e facendo scendere il CSI300 cinese di oltre 18 punti percentuali.

Fonte: BullionVault

Articoli Simili

Petrolio : Posizioni lunghe sopra 51,75

Administrator

Oro e Argento : ORO ($) Posizioni corte sotto 1244,00

Administrator

Petrolio : L’RSI è ribassista misto

Administrator