TrendAndTrading.it

Oro salto con il rallentamento della Cina e le tensioni USA-Iran

oro palladio argento

Oro salto con il rallentamento della Cina e le tensioni USA-Iran. Il prezzo dell’oro è arretrato di 10$ l’oncia dai nuovi massimi di 14 mesi venerdì, dopo un balzo aiutato dai nuovi dati dalla Cina, che hanno mostrato un brusco rallentamento dell’economia mondiale n. 2..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Adrian E. Ash – Bullion Vault


Il prezzo del greggio si è fermato al 3,0% al di sopra del minimo di 19 settimane di mercoledì, nonostante le nuove tensioni USA-Iran dopo le esplosioni di ieri su due petroliere vicino allo stretto di Hormuz.

I mercati azionari mondiali sono scivolati, mentre il principale indice azionario cinese ha perso lo 0,8%.

In dollari, l’oro ha toccato nuovi massimi di 14 mesi al di sopra di 1.358$ quando anche i principali prezzi dei titoli di Stato sono saliti, spingendo i rendimenti dei Treasury statunitensi verso i minimi di 21 mesi di questa settimana al 2,07% annuo.

La cosiddetta inflazione “core” dei prezzi al consumo degli Stati Uniti, esclusi cibo ed energia, è arrivata al 2,0% su base annua a maggio.

L’oro si è poi ritirato a 1.348$ dopo che i dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti hanno superato le previsioni degli analisti per maggio, ma in euro il metallo ha tenuto il livello più alto da aprile 2017 al di sopra di 1.200€ l’oncia.

“I dati cinesi sono stati deludenti, in particolare i numeri della produzione industriale”, ha detto a Reuters l’economista di Daiwa, Chris Scicluna.

“Questo ha dato un ulteriore impulso ai mercati obbligazionari”.

Le vendite al dettaglio in Cina sono aumentate bruscamente a maggio, ma al di sotto delle previsioni degli analisti, mentre gli investimenti di capitale fisso hanno rallentato verso i minimi pluridecennali dello scorso autunno.

La produzione industriale nell’economia mondiale n. 2 ha mostrato la sua crescita più lenta dal 2002 al 5,0% annuo.

I prezzi dell’oro di Shanghai sono saliti a nuovi massimi di 6 anni a 305¥ per grammo dopo il rilascio dei nuovi dati di venerdì.

Con gli Yuan poco cambiati sul mercato delle valute, questo ha spinto il premio per l’oro in Cina fino a 16$ l’oncia, quasi il doppio dell’incentivo medio per le nuove importazioni di oro.

Nel frattempo Washington ha rilasciato un video durante la notte che mostra una barca della Guardia rivoluzionaria iraniana che “rimuove una mina inesplosa” da una petroliera giapponese, colpita in precedenza da quello che l’equipaggio ha chiamato “oggetti volanti” nel Golfo di Oman giovedì.

” Non considero Trump degno di uno scambio di messaggi”, ha detto il capo supremo di Ian Ali Khamenei, incontrandosi oggi con Shinzo Abe a Teheran, dove il Primo Ministro giapponese ha volato nel tentativo di placare le tensioni.

“L’oro [ha] continuato la sua marcia verso l’alto … dopo le deboli scommesse lunghe di martedì”, dice l’ultima nota commerciale asiatica del gruppo di raffinatori e finanza svizzeri MKS Pamp.

“L’interesse è stato stimolato a causa delle crescenti aspettative di allentamento della politica della Fed, di nervosismi commerciali in corso e di un rendimento obbligazionario in rapida caduta”.

” Sono certamente per le posizioni lunghe nell’oro”, ha detto Jeff Gundlach del fondo di investimento Doubleline da 130 miliardi di dollari – noto per aver utilizzato i derivati ​​con leva finanziaria per speculare sui prezzi dei mercati obbligazionari – giovedì.

I volumi degli scambi in futures e opzioni in oro del Comex sono stati moderati giovedì, vicini ai minimi del mese scorso.

Ma con il più pesante volume overnight dei Comex gold futures, i contratti ad agosto 2019 sono saliti dell’1,0% con previsione dell’oro a 1.358$ in 2 mesi, secondo i dati ​​del CME.

Le opzioni di acquisto rialziste che puntano a dicembre 2019 vedono l’oro a 1.400$ o più, un salto di quasi il 30%, mentre le scommesse su un aumento a 1.500$ entro la fine dell’anno sono aumentate di un terzo.

I fondi fiduciari sono rimasti simili in dimensioni ancora una volta giovedì, mantenendo il più grande ETF in oro – SPDR Gold Trust (NYSEArca: GLD) – al suo massimo dalla fine di maggio, quando il volume del prodotto quotato a New York era il 20 % al di sotto delle medie recenti.

L’ultima volta che i prezzi dell’oro sono stati scambiati sopra 1.350$ l’oncia, GLD era del 13% maggiore del livello di chiusura di giovedì sera.

Quando l’oro è stato scambiato entro 5$ da 1.350$/oncia, GLD ha avuto un sottostante in media di 1.018 tonnellate di supporto. La scorsa notte ha chiuso con meno di 76o tonnellate.

Mentre i prezzi dell’oro sono aumentati del 2,8% da fine maggio a giovedì a New York, i 5 maggiori ETF auriferi quotati negli Stati Uniti sono aumentati solo dell’1,4% finora, richiedendo 1.152,5 tonnellate di metallo per sostenere le loro azioni combinate.

Questo è stato un minimo di 5 mesi quando è stato raggiunto ad aprile.

I 5 maggiori ETF auriferi europei, guidati dal prodotto Xetra-Gold, si sono nel frattempo ridotti dello 0,3% rispetto al nuovo record di tutti i tempi di fine maggio, che ha richiesto 668,7 tonnellate per sostenere il loro valore totale.

I prezzi dell’oro in euro sono aumentati del 2,8% fino ad ora questo mese, con il prezzo dell’oro nel Regno Unito che ha guadagnato il 3,6%.

Il prezzo dell’oro in sterline ha raggiunto oggi il massimo da marzo 2013 a 1.071£ l’oncia, superando il picco dal referendum sulla Brexit del 2016, quando oggi il partito conservatore del Regno Unito si è mosso verso la scelta dell’ex segretario straniero Boris Johnson come leader e quindi primo ministro.

Fonte: BullionVault

Articoli Simili

Oro instabile con i progressi Brexit e Guerra Commerciale

Administrator

ORO ($) Supporto intraday intorno a 1488,00

Administrator

PETROLIO (WTI) Il rialzo prevale

Administrator