TrendAndTrading.it

PC: A Piazza Affari gli occhi sono puntati sulle azioni di Luxottica Group

Avvio debole per le Borse europee, con Milano che registra la performance peggiore, risentendo anche del taglio del giudizio da parte di Dbrs, annunciato venerdì in tarda serata………

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}

Dopo il downgrade di S&P, Moody’s e Fitch, l’Italia perde anche l’ultimo giudizio A. Il colpo lo ha inferto l’agenzia di rating canadese Dbrs, che ha tagliato il giudizio sul Paese appunto da A a BBB, per via di una combinazione di fattori, incluse l’incertezza sulla capacità politica di realizzare le riforme strutturali e la persistente debolezza del sistema bancario, in un periodo di crescita fragile. Il taglio del rating comporterà che le banche italiane potranno d’ora in poi beneficiare di uno sconto inferiore nell’ambito dei finanziamenti presso la Bce. Considerando poi che le banche detengono un ampio ammontare di titoli di Stato italiani, il taglio dovrebbe incidere negativamente anche sui prezzi dei bond governativi. Nonostante le recenti misure di sostegno al settore bancario il livello dei crediti deteriorati resta molto alto limitando in questo modo la possibilità delle banche di supportare l’economia. In questo quadro quindi la bassa crescita ha comportato ritardi nella riduzione del debito pubblico, lasciando il Paese più esposto agli shock e con potenzialità di crescita basse. L’alto rapporto debito/pil infine, secondo l’agenzia di rating canadese, continua a limitare la flessibilità finanziaria del sistema Italia, ostacolandone la crescita dell’attività economica.

Ftse/Mib

A Piazza Affari gli occhi sono puntati sulle azioni di Luxottica Group, nel giorno in cui è stata annunciata la mega operazione di aggregazione con la francese Essilor, che darà vita ad un gruppo da 15 miliardi di euro di fatturato. I titoli che inizialmente non riuscivano a far prezzo, volano di oltre il 13%. Anche l’azione del gruppo francese sulla borsa di Parigi strappa del 18%. Sono in controtendenza anche le azioni di Moncler, sull’onda delle indicazioni positive sulle vendite natalizie e sull’ottimo inizio 2017 fornite dal numero uno, Remo Ruffini. Le banche sono deboli dopo la revisione al ribasso del giudizio di Dbrs. In particolare Banco Bpm cede oltre il 4% e Unicredit il 3%. L’attenzione rimane alta su Fca (3,27%), sempre nel vortice del dieselgate negli Stati Uniti emerso nei giorni scorsi, dopo le accuse dell’Epa, l’agenzia per la protezione dell’ambiente.

Commodities

Il petrolio è in ripresa sui mercati finanziari mondiali dopo lo storno degli scorsi giorni e questa oscilla sopra i 52,5 dollari al barile (nel caso del Wti texano), ovvero sopra i 55,5 dollari (nel caso del Brent del Mare del Nord), ma pure a questi livelli i 100 dollari al barile o più registrati tra l’inizio del 2013 e l’agosto del 2014 restano un ricordo lontano. Così a Riyadh è nuovamente tempo di “spending review”, affidata questa volta alle cure della società di consulenza PricewaterhouseCooper (PwC), incaricata di trovare il modo di risparmiare tra i 50 e i 70 miliardi di riyal sauditi.

Fonte: Trendandtrading.it – Private & Consulting SIM SpA

Articoli Simili

GOLD 18 Settembre 2019

Administrator

DAX Pivot point (livello di invalidazione): 12449,00

Administrator

EUROSTOXX 50 17 Settembre 2019

Administrator