TrendAndTrading.it

PC: Borse europee caute in avvio di settimana in attesa

Borse europee caute in avvio di settimana in attesa, nel pomeriggio, della riunione dei ministri finanziari della zona euro, seguita come di consueto martedì dal consiglio Ecofin;……

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}

in agenda una nuova discussione sul programma greco e iniziative per un ulteriore consolidamento dell’unione monetaria. Probabile anche una discussione preliminare su come affrontare le sofferenze bancarie. Secondo il bollettino economico pubblicato venerdì pomeriggio da Banca d’Italia, nel terzo trimestre 2017 è proseguito il miglioramento della qualità del credito, grazie al consolidamento della crescita. Intanto, negli Stati Uniti, il Senato voterà nuovamente questo pomeriggio alle 18:00 ore italiane per cercare di porre fine al blocco parziale dei servizi pubblici. Alle chiusure di venerdì su Wall Street, il Dow Jones segnava un rialzo dello 0,21%, S&P 500 dello 0,44% e il Nasdaq Composite dello 0,55% con un nuovo record a quota 7.336,38 punti. Schiarite in campo politico in Germania; il congresso straordinario Spd che si è riunito nella giornata di ieri a Bonn ha approvato l’avvio dei negoziati con Angela Merkel per una terza grande Coalizione con 362 sì sui 642 delegati presenti. Sul fronte Italiano, il presidente del consiglio Gentiloni ha assicurato di non temere che Luigi di Maio possa arrivare a Palazzo Chigi, dichiarando in un intervista che il M5S non avrebbe i numeri per governare, anche se registrasse risultati significativi nelle consultazioni del prossimo 4 marzo.

Ftse/Mib

A Piazza Affari, l’indice Ftse Mib scende dello 0,40% a 23.654 punti. Contengono le perdite Eni (-0,13% a 14,81 euro), Saipem (-0,15% a 4,01 euro) e Tenaris (-0,21% a 14,21 euro). Sul listino spicca più di tutti Ynap, con l’azionista Richemont che ha lanciato un’opa di 38 euro per azione finalizzata al delisting della società. Restando nel comparto del lusso, si registrano acquisti anche su Moncler (+0,67% a 27,22 euro) con Jp Morgan che ha alzato il target price a 27,5 euro. Invece, l’udienza davanti al Tar del Lazio per il ricorso di Vivendì contro la delibera Agcom, che imponeva ai francesi di scegliere tra la partecipazione in Telecom Italia e quella in Mediaset è stata rinviata dal prossimo 7 febbraio al 4 luglio; il rinvio è stato chiesto da Vivendì, alla luce dello stallo delle trattative con Mediaset sul mancato acquisto di Premium. Sul fronte Bancario, Intesa SanPaolo segna un -0,13% a 3,084 euro; anche Unicredit si mostra debole a 17,33 euro (0,40%), come il Credito Valtellinese (-0,48% a 9,40 euro) il cui aumento di capitale da 700 milioni di euro potrebbe partire il 19 febbraio. 

Commodities

Alle chiusure di Venerdì, il greggio ha segnato il primo ribasso settimanale dopo ben cinque settimane, nei timori di un aumento della produzione negli Usa. I future del greggio WTI sono scesi di 58 centesimi, a 63,31 dollari al barile; il greggio Brent ha invece segnato un calo di 70 centesimi, a 68,61 dollari al barile. Dal report dell’Agenzia Internazionale dell’Energia è emerso l’aumento della produzione Usa potrebbe vanificare una serie di fattori positivi a supporto dei prezzi, come i tagli della produzione Opec in corso. A seguito della decisione di estendere l’accordo sui tagli alla produzione oltre la scadenza del marzo 2018, i prezzi sono saliti di circa il 10% da inizio dicembre. Questa settimana, l’attenzione degli operatori sarà concentrata sui dati Usa sulle scorte di greggio e prodotti raffinati, per valutare la forza della domanda da parte del principale consumatore mondiale.

 

Fonte: Trendandtrading.it – Private & Consulting SIM SpA

Articoli Simili

DAX Tendenza al rialzo sopra 12835,00

Administrator

DAX Consolidamento. Pivot point 12730,00

Administrator

DOW JONES breve e medio lungo periodo 18 Ottobre 2019

Administrator