TrendAndTrading.it
Image default

PC: Borse europee in rialzo

Borse europee in rialzo in avvio anche se sullo sfondo restano le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina. Secondo Bloomberg, Pechino starebbe pianificando……

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


di ridurre l’aliquota media di imposte sulle importazioni della maggior parte dei propri partner commerciali già dal mese di ottobre.

A luglio la Cina ha tagliato i dazi su quasi 1.500 prodotti di consumo, dalla cosmetica agli elettrodomestici.

Una scelta in linea con la promessa ai partner commerciali, tra cui gli Stati Uniti, di aumentare ulteriormente le importazioni.

Bloomberg non ha specificato i Paesi che potrebbero beneficiare delle imposte più basse.

Nella giornata di martedì, la Cina ha deciso di allargare la lista dei beni colpiti dalle tariffe, inserendo ulteriori prodotti americani

per un valore di 60 miliardi di dollari di risposta ai nuovi dazi americani.

In questo contesto, la valuta oltre oceano si mostra debole; l’Euro vale 1.1688 dollari da 1,1672 della chiusura di ieri

e il cross dollaro/yen scambia a quota 112,203 dalla chiusura di 112,27.

Ftse/Mib

A Piazza Affari l’indice Ftse Mib sale dello 0,19% a quota 21.321 punti, con i prezzi del petrolio in rialzo, grazie al calo delle scorte di greggio Usa

e dalla forte domanda di benzina, Eni avanza dello 0,02% a 16,23 euro, Tenaris dello 0,11% a 14,11 euro.

Stona Saipem (-1,46% a 4,84 euro). Positiva Atlantia (+0,19% a 18,24 euro) di cui, a quanto pare, ci vorranno almeno cinque mesi e un versamento

di circa 20 miliardi di euro prima di poter varare il decreto per la revoca della concessione alla controllata, Autostrade per l’Italia.

Sul fronte bancario, riflettori puntati su Banca Carige (+1,14% a 0,0089 euro) nel giorno dell’assemblea degli azionisti per il rinnovo del Cda e dopo che la Bce

non ha approvato il piano di conservazione del capitale presentato dalla banca e ha chiesto la presentazione, entro il prossimo 30 di novembre, di un nuovo piano.

Sale anche Banca Intermobiliare (+1,19% a 0,424 euro) il cui Cda ha approvato ieri un’operazione finalizzata al deconsolidamento delle esposizioni deteriorate

presenti nel portafoglio al 30 giugno di 601,1 milioni di euro.

Commodities

Il prezzo del greggio è in calo questo giovedì, dopo che il presidente americano, Donald Trump, ha sferrato un altro colpo ai produttori globali.

In un Tweet ha riportato che l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (Opec) dovrebbe tenere i prezzi bassi per via della protezione militare che gli Stati Uniti forniscono alla regione.

Il cartello, che comprende Arabia Saudita ed Iran, si incontrerà in Algeria domenica, con i produttori non-Opec come la Russia, per discutere dei livelli di produzione.

Le fonti dell’Opec affermano che non c’e un piano immediato per un’azione ufficiale in questo fine settimana, sebbene stiano aumentando le pressioni

sui principali produttori affinchè evitino di far schizzare i prezzi in vista delle nuove sanzioni Usa contro l’Iran.

Le esportazioni di greggio del paese sono scese di quasi un terzo da aprile, registrando meno di 2 milioni di barili al giorno ad agosto e continuando a ridursi nella prima metà di settembre.

Mercato Obbligazionario

Lo Spread Btp/Bund apre la giornata poco mosso a circa 220 punti base, dopo che stamani il vicepremier, Di Maio, ha assicurato che il governo è compatto

e che si sta lavorando per mantenere le promesse fatte in campagna elettorale.

Nel pomeriggio lo spread sale a 234 punti base. Berenberg si aspetta che tutte le parti coinvolte alla fine trovino un compromesso sulla manovra

ed evidenzia come il vicepremier italiano, avrebbe poco da guadagnare da nuove elezioni.

Stamani la Spagna ha collocato 1,056 miliardi di euro di bonos con scadenza nel 2021, 880 miliardi nel 2022, 740 miliardi nel 2025 e 1,806 miliardi nel 2028.

La Francia ha invece collocato 3,221 miliardi di euro di oat con scadenza nel 2021, 3,197 miliardi nel 2024, 1,706 miliardi nel maggio 2026.

Oggi, a mercati chiusi, è atteso l’annuncio da parte del Tesoro italiano dei quantitativi di Ctz e Btpei in asta il prossimo 25 settembre.

Fonte: Trendandtrading.it – Private & Consulting SIM SpA

Articoli Simili

DAX e SP 500 : DAX L’RSI è rialzista

Administrator

DAX e S&P 500 : DAX Pivot point (livello di invalidazione): 11190,00

Administrator

Il Bitcoin scende dalla vetta

Administrator