TrendAndTrading.it

PC: Il prezzo del greggio inizia la settimana in territorio negativo

Non si ferma l’ondata di vendite partita nella giornata di ieri da Wall Street e innescata dai timori di un surriscaldamento dell’economia americana…….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}

Asia in profondo rosso, il Nikkei ha perso il 4,73% dopo il Selloff su Wall Street. Alle ore 7:30 italiane, l’Hang Seng cedeva il 4,29% e Shangai perdeva il 2,91%. Intanto lo Yen si è rinforzato sul dollaro dello 0,16% a 108,95 a causa di una fuga degli investitori verso la valuta giapponese, considerata bene di rifugio nei momenti critici; l’euro è salito dello 0,11% a 1,2382. Continua il tracollo delle criptovalute, la cui bolla speculativa è ormai scoppiata: sul portale Coindesk il Bitcoin scambia a 5,960 dollari (-25%), dopo aver perso mille dollari di valore ogni 24 ore in media negli ultimi giorni. Sul fronte Europeo, prosegue la correzione delle borse con il venir meno della fiducia degli investitori nei fattori che hanno sostenuto la corsa dei listini negli ultimi mesi e i timori legati alla ripresa dell’inflazione e alla risalita dei rendimenti dei Bond. Dal fronte Macro si segnala il forte balzo (+3,8%) degli ordini industriali a dicembre in Germania; il dato è risultato nettamente superiore al -0,1% di novembre e ha battuto le stime degli economisti (+0,7%).

Ftse/Mib

L’indice Ftse Mib cede stamane il 2,35% a quota 22.281 punti; in forte calo anche Parigi (-2,45%), Francoforte (-2,08%) e Londra (1,99%), che nell’arco della mattinata ha toccato i minimi dalla fine del 2016. Sul fronte bancario rimane sotto i riflettori Intesa Sanpaolo, che dopo aver segnato un calo di oltre il 3% in apertura, ha virato al rialzo e ora guadagna circa l’1%, nel giorno della presentazione del piano al 2021, che prevede un utile di 6 miliardi a fine periodo e un pay-out delle cedole decrescente dall’85% al 70%; invece il Credito Valtellinese (-2,11% a 10,94 euro) chiude il 2017 con una perdita netta di 332 milioni, in attesa dell’aumento di capitale di 700 milioni volto a risolvere definitivamente la questione degli Npl. Sul listino milanese si accaniscono le vendite su Eni (-2,37%), Saipem (-3%) e Tenaris (2,21%). 

Commodities

Il prezzo del greggio inizia la settimana in territorio negativo, con i trader che valutano lo stabile aumento della produzione statunitense in confronto agli sforzi dell’OPEC per ridurre le scorte in esubero sul mercato. I Future del greggio Wti scendono ci 60 centesimi a quota 64,86 dollari al barile; mentrei future del greggio Brent crollano di 67 centesimi a quota 67,94 dollari al barile. Secondo quanto riportato dall’agenzia di servizi energetici di General Electric ha riportato che il numero degli impianti di trivellazione attivi è salito per la seconda settimana consecutiva, raggiungendo le 765 unità. La produzione Usa ha visto una ripresa di quasi il 20% dal recente minimo della metà del 2016 e l’aumento dell’attività di trivellazione implica che la produzione aumenterà ancora, dal momento che i produttori stessi sono attratti dal rialzo dei prezzi.

Mercato Obbligazionario

Sostenuto soprattutto dalle brillanti letture delle indagini congiunturali sull’attività del settore privato nella zona euro, ieri l’obbligazionario italiano ha recuperato le perdite iniziali, mostrando una certa tenuta complessiva. Lo Spread Btp/Bund sul tratto decennale sale stamane a quota 132,8 punti base. In attesa dell’asta del decennale tedesco di domani, sul primario oggi si attiverà l’Austria che mette a disposizione degli investitori 1,38 miliardi in titoli di Stato con scadenza 2023 e 2028. Incombe intanto sul mercato il lancio di un nuovo bond greco a 7 anni, per il quale Atene ha affidato l’incarico a un pool di banche.

Fonte: Trendandtrading.it – Private & Consulting SIM SpA

Articoli Simili

DAX Tendenza al rialzo sopra 12835,00

Administrator

DAX Consolidamento. Pivot point 12730,00

Administrator

DOW JONES breve e medio lungo periodo 18 Ottobre 2019

Administrator