TrendAndTrading.it
Image default

PC: Il prezzo del greggio schizza per il secondo giorno consecutivo

Avvio positivo per le Borse europee, con Piazza Affari a passo più lento rispetto alle controparti e attorno alla parità……

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}

Gli investitori sono incoraggiati dal buon andamento di Wall Street, rimbalzata ieri grazie ai tecnologici, che tentano di superare le tensioni precedenti. Da un lato si affievoliscono i timori sulla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, dopo che il presidente cinese Xi Jinping ha promesso una maggiore apertura economica del Paese al mercato Usa e la riduzione già a partire da quest’anno dei dazi su alcuni prodotti americani, in particolare quelli del settore auto.   Proprio questo ha sostenuto anche le piazze asiatiche, con Tokyo che ha terminato in rialzo dello 0,54%. A muovere i mercati potranno essere le notizie in arrivo nel corso della seduta: negli Stati Uniti si guarderà alla testimonianza al Senato dell’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg, travolto dallo scandalo sui dati degli utenti finiti nelle mani di Cambridge Analytica, mentre in Europa i riflettori sono sui dati sulla produzione industriale. Dall’Istat arriverà il dato di febbraio che dovrebbe mostrare un incremento dello 0,8% a livello congiunturale (dal calo di 1,9% di gennaio) e del 4,8% a livello tendenziale dopo il +4% del mese precedente. 

Ftse/Mib

A Piazza Affari l’indice Ftse Mib si apprezza dello 0,57% e raggiunge quota 23.184 punti. L’osservato speciale è Telecom Italia, dopo che il Cda ha definito illegittima l’integrazione sulle nomine nell’ordine del giorno dell’assemblea del 24 aprile disposta dai sindaci, preannunciando azioni legali. Inoltre è emerso che il fondo Elliott è salito al 9% circa del capitale (8,8%, percentuale che può aumentare al 13,7% includendo le opzioni). Sul Ftse Mib tra le migliori ci sono anche Moncler e Saipem, che nell’ambito del contenzioso con Gazprom relativo alla mancata commessa per il gasdotto South Stream, la nuova richiesta della società italiana è scesa a 644,6 milioni di euro, mentre le udienze sull’arbitrato sono state fissate a giugno 2019. Ben impostate le banche, in particolare Unicredit (+0,37%), Intesa Sanpaolo (+0,53%), con la proposta finale del gruppo svedese Intrum per l’acquisto del portafoglio Npl della banca da 12 miliardi che potrebbe essere presentata entro il 27 aprile a un prezzo superiore al 25% del nominale, il più vicino possibile alla soglia del 30%, secondo quanto anticipato da Mf.

Commodities

Il prezzo del greggio schizza per il secondo giorno consecutivo questo martedì, la propensione al rischio è migliorata sulla scia delle parole del Presidente cinese Xi Jinping che hanno ridimensionato i timori per il conflitto commerciale tra Stati Uniti e Cina. Intervenendo al Boao Forum for Asia, Xi ha dichiarato che la Cina abbasserà i dazi all’importazione sui veicoli, incoraggerà le importazioni e rafforzerà la protezione della proprietà intellettuale. I future del greggio West Texas Intermediate scambiati a New York rimbalzano di 81 centesimi, o dell’1,3%, a 64,22 dollari al barile alle 4:00 ET (08:00 GMT). Intanto, i future del greggio Brent, il riferimento per il prezzo del greggio al di fuori degli Stati Uniti, subiscono un’impennata di 88 centesimi, o dell’1,3%, a 69,53 dollari al barile.

Mercato Obbligazionario

Dopo l’apparente strappo tra Luigi di Maio e Matto Salvini, il leader del 5 Stelle ha detto no all’incontro parlando di “zero possibilità” che il Movimento vada al governo con Silvio Berlusconi e “con l’ammucchiata del centrodestra” e lo spread Btp/Bund riparte da quota 126,4 punti base e il tasso del benchmark italiano a 10 anni dall’1,77%. Ieri il Tesoro a mercati chiusi ha reso noto che in occasione del collocamento a medio lungo di giovedì offrirà tra 7,25 e 9,25 miliardi nel nuovo Btp a 3 anni aprile 2021 e le riaperture del Btp a 7, 20 e 30 anni. In mattinata sul segmento a breve si attiveranno il Belgio, la Germania, che offrirà 500 milioni di euro in titoli di Stato aprile 2026 indicizzati all’inflazione, e la Spagna (a disposizione 1-2 miliardi in titoli di Stato a 3 e 9 mesi).

Fonte: Trendandtrading.it – Private & Consulting SIM SpA

Articoli Simili

Orso sempre più deciso

Administrator

L’ SP500 è in aggiustamento

Administrator

DAX e SP 500 : DAX Posizioni corte sotto 11340,00

Administrator