TrendAndTrading.it

PC: La possibile svolta della Germania sostiene l’Euro

Avvio in calo per le Borse europee in questo inizio settimana, anche se sembra ormai spianata la strada di un’intesa Cdu-Spd in Germania per la formazione del nuovo governo,……..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}

dopo la rottura nella scorsa settimana della trattativa a tre tra il partito di Angela Merkel, i Verdi e i Liberali, che aveva portato la politica tedesca in un momento di stallo, destando preoccupazione in tutta Europa. Nella giornata di venerdì scorso, la Spd ha rimesso in discussione la propria decisione di passare all’opposizione, in seguito alla sconfitta elettorale, aprendo una trattativa per una nuova grande coalizione; la Cdu ha deciso a sua volta di puntare ad un nuovo accordo con i Socialdemocratici. Per la giornata di giovedì è previsto un incontro tra il presidente della repubblica Steinmeier, Angela Merkel e il leader dell’Spd Schulz. Sul fronte italiano, i Btp ripartono stamane da un tasso del decennale delll’1,8%, e da uno spread sul Bund di 144,6 punti base, dopo essersi riavvicinati la settimana scorsa ai minimi da circa un anno, toccati ad inizio novembre. La possibile svolta della Germania sostiene l’Euro, che viaggia sui massimi da due mesi nei confronti del dollaro. 

Ftse/Mib  

L’Indice Ftse Mib segna stamane a Piazza Affari un -0,41% a 22.314 punti. Da monitorare le banche, visto che la vigilanza bancaria europea ha difeso la proposta di chiedere agli istituti bancari maggiori accantonamenti sui nuovi crediti deteriorati, sostenendo che la questione degli Npl sia uno dei maggiori problemi che gli istituti dell’area euro devono affrontare. In calo Intesa Sanpaolo, che segna un -0,50% a 2,804 euro, seguita da Unicredit (-0,35% a 17,04 euro) e Ubi (-0,71% a 3,89 euro). Sul fronte assicurativo, il colosso tedesco Allianz ha annunciato di aver acquisito venerdì scorso l’11,34% delle azioni di Euler Hermes, leader delle assicurazioni sul credito, raggiungendo il controllo della società a quota 74,34%, con l’intento di lanciare un’opa residuale del 24,2% del capitale di Euler Hermes. 

Commodities

Il prezzo del greggio ha chiuso la scorsa settimana in salita, con il greggio Usa ai massimi dal luglio 2015, dopo la chiusura dell’oleodotto di Keystone, che continua a pesare sulle consegne presso i punti di stoccaggio. Il Wti è salito dell’1,6% a 58,95 dollari al barile; mentre il Brent è salito dello 0,5%, toccando quota 63,86 dollari al barile. La chiusura dell’oleodotto di keystone, che collega le sabbie petrolifere canadesi alle raffinerie statunitensi ha inciso sui 590 mila barili al giorno, facendo scendere le scorte Usa. Questa settimana l’attenzione degli operatori sarà concentrata sul vertice Opec in agenda per giovedì, durante il quale si deciderà se prolungare o meno la durata dell’accordo sui tagli alla produzione.

 

Fonte: Trendandtrading.it – Private & Consulting SIM SpA

Articoli Simili

DAX Tendenza al rialzo sopra 12835,00

Administrator

DAX Consolidamento. Pivot point 12730,00

Administrator

DOW JONES breve e medio lungo periodo 18 Ottobre 2019

Administrator