TrendAndTrading.it

PC: Nella giornata di venerdì scadono le esenzioni concesse inizialmente all’Ue

Borse europee in frazionale rialzo in avvio di seduta, anche se gli Stati Uniti potrebbero annunciare già da oggi l’introduzione di dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio dall’Unione Europea……..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}

Nella giornata di venerdì scadono le esenzioni concesse inizialmente all’Ue, che a questo punto probabilmente metterà in campo misure ritorsive. La moneta europea tiene il recupero messo a segno ieri, grazie all’affievolimento dei timori sulla situazione politica italiana, con gli esponenti dei principali partiti che sembrano intenzionati ad evitare un ritorno alle urne per il mese di settembre o già nei mesi estivi. La valuta passa di mano a 1,1682 dollari da 1,1661 dollari della chiusura di ieri, dopo essere scivolata a 1,1510 dollari nella giornata di martedì, il minimo da 10 mesi. Sul fronte politico italiano, l’ipotesi di un governo tecnico guidato da Cottarelli resta in stand-by in attesa di capire se sia praticabile un’intesa in extremis tra Lega e M5S. Dal fronte macro sono in arrivo i numeri preliminari sull’inflazione italiana a maggio. In aprile, i prezzi avevano rallentato oltre le attese, confermando un quadro di fondo di complessiva fiacchezza. Le attese degli economisti per l’indice nazionale dei prezzi al consumo suggerisce una lieve accelerazione dello 0,2% su mese e dello 0,8% su anno. Inoltre Eurostat diffonderà l’aggregato dell’inflazione dell’intera zona euro sempre relativa al mese di maggio.

Ftse/Mib

Piazza Affari allunga il passo, sovraperformando le altre piazze europee sulle speranze di un’imminente soluzione della crisi politica con la creazione di un governo di stampo politico e non tecnico. Il Ftse Mib ha recuperato la soglia di 22.000 punti e ora sale dell’1,28% a quota 22.076 punti. Moody’s ha messo sotto revisione per un possibile downgrade i rating sui depositi a lungo di Intesa Sanpaolo (+0,93% a 2,54 euro), Mediobanca (-1,29% a 8,11 euro), Cariparma e Fca Bank. L’agenzia di rating riesaminerà inoltre l’attuale outlook positivo di Unicredit (+0,08% a 14,18 euro) dei rating deposito e debito senior, qualora la revisione sul rating del debito sovrano dell’Italia dovesse concludersi con un downgrade rispetto all’attuale Baa2. Sempre sulla scia della decisione di mettere sotto revisione il rating dell’Italia, Moody’s ha anche posto sotto revisione alcune utility italiane, tra cui Hera, Italgas, Snam e Terna. Restando nel comparto energetico, Enel scivola dello 0,53% a 4,72 euro. Quanto a Mediaset (sulla parità a quota 2,79 euro) i fondi hanno presentato tre candidati per il rinnovo del cda, previsto all’assemblea il prossimo 27 giugno. 

Commodities

Il prezzo del greggio scende stamane in apertura; gli investitori attendono i nuovi dati settimanali sulle scorte di greggio statunitensi per valutare la forza della domanda del principale consumatore mondiale di oro nero. Alla chiusura dei mercati, ieri, l’American Petroleum Institute ha dichiarato che le scorte di greggio statunitensi sono salite di un milione di barili la scorsa settimana. Dal report è emerso un calo delle scorte di benzina, mentre le scorte di prodotti raffinati sono salite di 1,5 milioni di barili. I Future del greggio Brent scendono di 49 centesimi a 77,33 dollari al barile; mentre il Wti scende dello 0,4% a 67,97 dollari al barile, dopo il rimbalzo di 1,48 dollari di ieri. Nelle ultime sedute, il prezzo era sceso nei timori che l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di petrolio e i membri non-OPEC fra cui la Russia potessero decidere di aumentare la produzione per compensare il calo delle forniture di Venezuela ed Iran.

Mercato Obbligazionario

L’instabilità politica in Italia delle ultime ore sta avendo un forte impatto sui mercati finanziari. Dopo la giornata nera di martedì, che aveva visto lo spread tra Btp e Bund tedeschi schizzare oltre quota 300 punti, nella giornata di ieri la situazione è andata in miglioramento. Stamane lo spread ha aperto in ribasso a 239 punti base; il rendimento del decennale resta sotto al 3%, a quota 2,761 percento. 

Fonte: Trendandtrading.it – Private & Consulting SIM SpA

Articoli Simili

DAX, le divergenze ed il PIL

Administrator

MB: DAX 30 26 Agosto 2019

Administrator

DAX e SP 500 : SP 500 Continuazione del rebound

Administrator