TrendAndTrading.it

PF: Persiste la forte debolezza del Dollaro australiano e del Dollaro neozelandese

42 MONETE

Persiste la forte debolezza del Dollaro australiano e del Dollaro neozelandese, che nel medio periodo sono venduti a mani basse contro le principali valute come: USD, EUR, CAD, GBP e persino contro lo Yen che rimane, a sua volta, molto debole rispetto a tutte le valute elencate. Non sussistono, in questo momento, indicazioni che potrebbero farci pensare ad eventuali inversioni. Andiamo quindi a fare la nostra consueta analisi settimanale in un’ottica di consolidamento dei vari trend già formati e che si stanno formando in questo periodo…..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Quindi, è una buona idea, cercare sui grafici occasioni di vendita di valute come appunto: AUD, NZD e JPY (contro valute forti come USD o EUR che sembra stia acquistando forza).

AUD

Sul cross EURAUD abbiamo un bel trend forte, un ritorno del prezzo in area 1,34500 potrebbe darci la possibilità di un’entrata a mercato, ovviamente long.

 

EUR AUD H4

Situazione un po’ più delicata invece per quanto riguarda il cambio AUDUSD dove il prezzo non è riuscito a rompere a ribasso il livello 0,95500 tentando un timido rimbalzo in intraday. Questa fascia di prezzo che va da 0,97000 a 0,95500 è molto importante per capire se il prezzo dovesse continuare la sua discesa o dovesse, magari non invertire ma tentare una correzione. Occhio quindi al movimento del prezzo in questa zona. Non mi stupirebbe affatto se cominciasse un periodo di lateralità, anche se i rimbalzi in questa zona sono sempre stati estremamente volatili.

 

AUD USD D

 

NZD

Crollo del Dollaro neozelandese che in questo preciso momento è la valuta più venduta. Sia sul cambio NZDUSD che sul cross EURNZD potremmo trovare dei buoni set up d’entrata con la nostra tecnica Long Term.

NZDUSD H4

EUR NZD H4

 

Ed eccoci al cambio più importante, EURUSD dove si è formato un possibile segnale d’ ingresso long. Attenzione al livello 1,30000 che potrebbe sbarrare la strada. Potrebbe essere una buona idea fare trading sulla possibile rottura in intraday usando la tecnica SR.

EUR USD H4

 

Da tenere sott’occhio anche USDJPY sul grafico daily per un possibile segnale long in zona 100,000 sfruttando la tecnica Long Term.

USD JPY D

 

 

 

 

Fonte: Trendandtrading.it – ProfessioneForex

Articoli Simili

EUR USD Si prevede 1,1055

Administrator

EUR USD La tendenza resta al rialzo

Administrator

EUR USD 1,1100 previsti Pivot point 1,1065

Administrator