TrendAndTrading.it

Prezzo dell’oro in calo all’allentarsi delle tensioni in Siria

ORO4

Dopo il massimo di tre mesi toccato ieri a $1433, questa mattina durante la sessione londinese il prezzo dell’oro è sceso del 2%, toccando i $1405 all’oncia prima di andare in rally….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Analisi a cura di BullionVault


Il prezzo dell’oro ha quindi avuto dei movimenti in entrambe le direzioni nel range di $10, dopo la diffusione di nuovi dati che hanno indicato la crescita economica al 2,5% durante il secondo trimestre, con l’inflazione ferma allo 0,0%.

I mercati azionari mondiali sono andati in rialzo per la prima volta in quattro sessioni, mentre il greggio è sceso dello 0,5% rispetto al massimo degli ultimi sei mesi messo a segno questa settimana.
L’argento è sceso del 5% dal livello più alto raggiunto dopo il crollo di metà aprile, toccando i $23,50 all’oncia.
“L’importanza del problema in Siria potrebbe essersi ridotto leggermente negli ultimi giorni” ha dichiarato Tobias Britsch, manager del fondo tedesco Meriten, intervistato da Bloomberg.
“L’attacco che sembrava imminente alla Siria sembra essere stato posticipato di qualche giorno” concorda la ING.
“Questa stasi potrebbe permettere ai trend macro economici di prendere il sopravvento oggi, cosa che ptorebbe essere positiva per il dollaro.”
Il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon ha dichiarato che gli ispettori dell’organizzazione emetteranno questo sabato il report sugli attacchi chimici vicino a Damasco.
La Cina nel frattempo raccomanda cautela, mentre il Parlamento inglese è stato convocato in anticipo per discutere sull’argomento.
Il congresso degli Stati Uniti invece si riunirà più tardi in giornata.
“Il tapering alla fine supporterà il Dollaro contro l’Euro” ha dichiarato Robert Lynch di HSBC da New York.
La riduzione del programma di quantitative easing di $85 miliardi al mese (secondo quanto era in previsione per il meeting della Federal Reserve di settembre) “metterà pressione ribassista alle valute che sono state supportate dalla liquidità che la Fed ha pompato nel sistema economico” ha dichiarato Lynch.
La crescita dei mercati emergenti subirà un colpo dal tapering della Fed, avvisa ancora la HSBC, questa volta dal team di Asset Allocation, suggerendo ai clienti di attendersi prezzi di materie prime e di oro in ribasso, “perché probabilmente affronteranno delle difficoltà.”
La Rupia Indiana nel frattempo ha visto un rally di quasi il 3% giovedì, dopo che la banca centrale ha offerto di fornire direttamente Dollari agli importatori di petrolio.
Il prezzo dell’oro in Rupie questa settimana è salito a nuovi massimi, mentre la moneta indiana crollava ai minimi storici.

 

Fonte: BullionVault

Articoli Simili

ORO ($) Pivot point (livello di invalidazione): 1509,00

Administrator

PETROLIO (WTI) La tendenza resta al rialzo.

Administrator

Oro instabile con i progressi Brexit e Guerra Commerciale

Administrator