TrendAndTrading.it

RBA: i dati avvalorano un taglio del tasso a dicembre

mercati emergenti fed usd chf bns oro banche centrali rba dazi gbp

RBA: i dati avvalorano un taglio del tasso a dicembre. I trader dell’AUD dovrebbero gioire per il calo del tasso di disoccupazione a settembre, che ha permesso alla valuta di rimbalzare dai minimi settimanali,….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


By Vincent Mivelaz – SwissQuote


anche se le conseguenze delle dispute commerciali e il persistente rallentamento delle costruzioni immobiliari dovrebbero far restare il tasso ai livelli attuali fino alla fine dell’anno, inferiore alla fascia ottimale pari al 4,50% fissata dalla banca centrale australiana (Reserve Bank of Australia, RBA).

L’inflazione dovrebbe chiudere l’anno sotto la fascia obiettivo del 2-3%, per cui un rimbalzo sostenuto dell’AUD rimane limitato; per il momento, infatti, la RBA dovrebbe mantenere la sua politica di stimoli, con un taglio dello 0,25% del tasso (OCR) entro dicembre 2019.

La diffusione del tasso di disoccupazione riferito a settembre, attestatosi al 5,20% (precedente: 5,30%), ha avuto un impatto positivo sul dollaro australiano, anche se la fiacca delle costruzioni residenziali, un settore che rappresenta il 2% dell’intera forza lavoro e il 6% del PIL, dovrebbe persistere fino al prossimo anno, cosa che dovrebbe pesare sull’economia e sui dati riferiti all’occupazione.

Poiché i verbali accomodanti della Fed confermano che la banca centrale dovrebbe allentare ulteriormente la sua politica per sostenere l’occupazione e la crescita economica, un taglio del tasso OCR, dal minimo storico dello 0,75% allo 0,50%, a dicembre da parte della RBA è molto probabile.

Ora la volatilità implicita per un taglio del tasso a novembre si attesta al 20%, rispetto al 40% precedente alla pubblicazione delle cifre sul lavoro.

Quindi eventuali segnali di debolezza dai dati sull’inflazione del T3, che saranno pubblicati il 30 ottobre 2019, dovrebbero avvalorare le motivazioni a favore di un ulteriore allentamento entro la fine dell’anno.

L’AUD/USD scambia a 0,6817, nella fascia di metà settembre 2019, dopo aver sfondato la resistenza chiave a 0,6801 (massimo 24/09/2019) e si avvicina a 0,6860.

Fonte: TrendAndTrading.it

Articoli Simili

GBP sull’ottovolante ribassista

Administrator

Forex attesa sui mercati

Administrator

Brexit: si ricomincia da capo ogni volta

Administrator