TrendAndTrading.it

RBS: Alluminio, scorte record penalizzano i prezzi

ALLUMINIO3

Gli stoccaggi nei magazzini del Lme ai massimi storici
Prima parte di 2013 con il segno meno per le quotazioni dell’Alluminio………..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


 

Dopo esser saliti a oltre 2.100 dollari a inizio anno, i prezzi sono scivolati in area 1.900 dollari la tonnellata pagando l’abbondanza delle scorte nei magazzini del London Metal Exchange (Lme), la borsa dei metalli non ferrosi più importante del mondo. Le scorte hanno toccato un record sopra quota 5,2 milioni di tonnellate. La crescita delle giacenze, capaci nel 2012 di soddisfare 52 giorni di consumi (6 in più rispetto alla media quinquennale), è causata da disagi meramente logistici: l’eccesso di offerta ha riempito oltre misura i magazzini rallentando la consegna dei singoli lotti. Oltre che dai fondamentali, rilevano gli esperti, l’incremento degli stoccaggi è dovuto anche alla volontà dei proprietari dei magazzini (acquisiti negli ultimi anni da Banche d’affari e trading house) di rallentare l’uscita delle merci per lucrare sui giorni di custodia supplementare.

 

Continua il boom produttivo della Cina
La produzione globale di Alluminio nei primi due mesi dell’anno si è attestata in media a 129 mila tonnellate giornaliere, il 4,5% in più rispetto al dato medio 2012 (dati Iai, International Aluminium Institute). Come per molte altre commodity, l’ago della bilancia è rappresentato dalla Cina, primo consumatore e primo produttore mondiale di Alluminio. A dispetto del +11% registrato nel 2012 e nonostante le misure prese dall’esecutivo per contrastare la nascita di nuove fonderie e il rallentamento dell’economia a livello globale, nei primi due mesi dell’anno l’output del Dragone ha evidenziato un incremento tendenziale del 23%. Segno più anche per la domanda, per la quale l’autorevole Economist Intelligence Unit (Eiu) stima una crescita nel biennio 2013-14 di poco inferiore al 5%, “grazie alla crescita costante del mercato automobilistico in Cina e India”. Oltre che nel comparto trasporti (circa un quarto del totale), l’Alluminio trova applicazione anche nel campo degli imballaggi e nel settore delle costruzioni (22% entrambi).

 

Possibile sponda ai prezzi da ripresa domanda globale
Per quanto riguarda i prossimi mesi, l’Eiu si attende una nuova crescita delle scorte visto che nel 2013-14 il mercato continuerà a essere caratterizzato da un eccesso di offerta”. I prezzi potrebbero inoltre essere penalizzati dalla progressiva normalizzazione delle politiche monetarie e dalla recente comparsa di situazioni di backwardation lungo la curva dei prezzi al Lme: gli analisti ritengono che la mancata crescita dei prezzi man mano che ci si sposta avanti nel tempo potrebbe spingere gli operatori a riversare sul mercato enormi quantitativi di metallo. Non è di questo avviso l’Eiu che, “alla luce di un miglioramento della domanda globale e dell’incremento dei fattori produttivi, incluso il costo del lavoro e quello delle risorse di base (vista la scarsa offerta di bauxite)”, quest’anno e l’anno prossimo si attende un incremento delle quotazioni (scese del 15,8% nel 2012) del 2,6 e del 5,6 per cento (a 2.071 e 2.188 dollari). I prezzi potrebbero capitalizzare anche i tagli all’output.
Bloomberg Industries stima che ai livelli attuali circa la metà della produzione mondiale sia in perdita, e il sostegno fornito dalle autorità cinesi, che un paio di settimane fa hanno annunciato di voler far ripartire gli acquisti di Alluminio destinati alle scorte strategiche.

 

 

 

Fonte: The Royal Bank of Scotland plc . Rappresentante autorizzato di The Royal Bank of Scotland N.V. in alcune giurisdizioni.

 

Articoli Simili

Petrolio : PETROLIO (WTI) Target 57,30

Administrator

Oro e Argento : ORO ($) Resistenza chiave a breve termine a 1435,00

Administrator

Oro aumenta dopo gli influssi negli ETF

Administrator