TrendAndTrading.it

RBS: Real Brasiliano ostaggio degli squilibri economici

BRASILE 2

Inizio d’anno instabile
La delicata situazione dell’economia brasiliana non manca di condizionare l’andamento del Real Brasiliano…………

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


 

La divisa carioca ha evidenziato una forza relativa a inizio anno arrivando a guadagnare il 5% rispetto al dollaro Usa per poi invertire rotta nell’ultimo mese. Se da un lato una discesa della divisa locale, reduce già da un calo di oltre il 10% nel 2012, darebbe fiato alla prima economia sudamericana, dall’altro le autorità brasiliane devono fare i conti con il ritorno delle pressioni infl attive che potrebbero essere tamponate con una valuta forte senza ricorrere subito a una stretta sui tassi.

 

Real nella morsa tra debole crescita e alta inflazione
Ultimo intervento in ordine di tempo da parte del Banco Central do Brasil (BcB) è stato il 27 marzo con la vendita di contratti swap in valuta per 995 milioni di dollari per frenare la discesa del Real. Mossa dettata dal balzo a febbraio dei prezzi al consumo (+6,31%) ai livelli più alti a oltre un anno e a un passo dal 6,5% che risulta il livello massimo tollerato dalla banca centrale. Il Brasile paga il balzo dei prezzi alimentari susseguente al rally dei prezzi del grano. In tal senso il presidente del Brasile, Dilma Rousseff, ha rimarcato che il Paese può solo tentare di espandere la produzione di grano per compensare la diminuzione della raccolta negli Stati Uniti.

Intervenuta nel corso del meeting dei Paesi Brics tenutosi in Sud Africa, la Rousseff ha implicitamente offerto sponda a una politica monetaria espansiva criticando le azioni volte a frenare l’inflazione che vanno a ridurre la crescita economica.

Il surriscaldamento dei prezzi ha però spinto la banca centrale a rivedere le sue previsioni (+5,7% per il 2013 rispetto al +4,8% indicato in precedenza), avvertendo che l’alta inflazione frena la crescita economica e il mercato del lavoro. Il Brasile si trova infatti a fronteggiare il perdurare di una crescita inferiore al potenziale. Dopo il risicato +0,9% del Pil nel 2012, l’ultima previsione del BcB per quest’anno è di un +3,1% rispetto al +4% indicato dal Ministero delle Finanze.

La stagnazione economica rischia poi di ripercuotersi anche sulle finanze pubbliche. Fitch ritiene che un rallentamento prolungato, combinato con l’attuazione di una politica fiscale espansiva, potrebbe pregiudicare il consolidamento fiscale.

Secondo i calcoli di Fitch la combinazione di un avanzo primario inferiore al 2% del PIL e di una crescita del PIL reale del 3% nel periodo 2013-16, porterebbero ad un aumento del debito (pari al 65,1% del Pil a fine 2012).

 

Aumentano chance di una prima stretta monetaria
A livello di politica monetaria, l’allarme infl azione ha aumentato le probabilità di un prossimo rialzo dei tassi con il consensus Bloomberg che vede un primo rialzo al 7,5% nel trimestre in corso. Rialzo del costo del denaro che potrebbe favorire acquisti sul Real con il rendimento dei bond decennale già risalito molto nell’ultimo mese tornando vicino al 10%. La divisa carioca potrebbe invece risentire dell’eventualità di un ristagno economico più prolungato del previsto che porrebbe il Brasile nella scomoda morsa di bassa crescita ed alta infl azione.

 

 

 

Fonte: The Royal Bank of Scotland plc . Rappresentante autorizzato di The Royal Bank of Scotland N.V. in alcune giurisdizioni.

 

Articoli Simili

EUR USD Si prevede 1,1055

Administrator

EUR USD La tendenza resta al rialzo

Administrator

EUR USD 1,1100 previsti Pivot point 1,1065

Administrator