TrendAndTrading.it
Image default

Replica dei negoziati cino-americani

Dalla ripresa dei negoziati commerciali alla fine di gennaio 2019, sembra che non ci siano stati grossi progressi…..

By Arnaud Masset – SwissQuote


La nuova tornata di colloqui che inizia oggi a Washington dovrebbe invece generare una svolta decisiva perché la scadenza del 1° marzo si avvicina, e intanto gli investitori rimangono molto ottimisti sulla questione.

Come la scorsa settimana, entrambe le parti prevedono di affrontare le questioni strutturali più morbide legate al consenso cinese di acquistare notevoli quantità di merci USA, mentre giovedì e venerdì si terranno i colloqui di più alto livello, cui parteciperanno il vice premier cinese Liu He, il Rappresentante al commercio Robert Lighthizer e il Segretario al Tesoro Steven Mnuchin per gli USA e altri alti funzionari.

Comunque l’obiettivo chiave per i due paesi rimane un memorandum d’intesa rimane che potrebbe introdurre una proroga di 60 giorni dell’imposizione di dazi USA del 25% su USD 200 miliardi di importazioni USA dalla Cina, una finestra che darebbe il tempo sufficiente per sviluppare una tabella di marcia dettagliata, con scadenze chiave per risolvere le questioni ancora in sospeso (cioè trasferimento tecnologico e sussidi all’industria).

Osservando i dati recenti, sembra che l’economia cinese sia ancora solida, come emerso dal rimbalzo della bilancia delle partite correnti, pari a USD 54,6 miliardi (precedente: USD 23,3 miliardi), cifra superiore alla media a 3 anni; d’altro canto, la frenata dell’inflazione di gennaio (+1,70%) conferma che permane un rischio al ribasso per l’economia cinese.

Guardando agli aspetti positivi, la crescita impressionante dell’erogazione di crediti nel mese di gennaio suggerisce che è stato acceso il motore degli stimoli.

Attualmente a quota 6,7655, la coppia USD/CNY si muoverà lateralmente, mentre i trader monitoreranno con attenzione l’esito dei colloqui di questa settimana.

Fonte: TrendAndTrading.it

Articoli Simili

La baraonda della Brexit

Administrator

Tutti gli occhi puntati sul FOMC

Administrator

L’USD scende ulteriormente

Administrator