TrendAndTrading.it
Image default

Report speciale – I sette migliori titoli a dividendo per il 2014

I sette migliori titoli a dividendo per il 2014 – Come di consueto, nel primo report del nuovo anno presentiamo ai lettori una speciale lista di sette importanti aziende internazionali che offrono, secondo i grandi investitori e analisti da noi regolarmente monitorati,…

 

i maggiori potenziali di crescita per i prossimi 12 mesi. Si tratta di una speciale lista di società con un lungo track record di crescite di utili e dividendi che non dovrebbero mancare in ogni portafoglio diversificato che punti ad ottenere performance superiori nel 2014. Il mese di dicembre appena concluso è stato il mese più ricco dell’anno in termini di dividendi per il nostro modello Top Analisti. Dal 1/12 al 31/12 abbiamo incassato un totale di 22 cedole, per un controvalore complessivo di 4.794 dollari, in aumento di 1.891 dollari rispetto al mese precedente. La tendenza di crescita della rendita passiva generata dal nostro portafoglio si conferma anche per l’anno in corso. Il nostro obiettivo principale è quello di incrementare ogni anno l’importo complessivo della rendita del portafoglio, con crescite superiori al tasso di inflazione e generando nel tempo un valore aggiunto superiore al costo della vita, indipendentemente dall’andamento del mercato azionario.

Questo risultato è stato ottenuto abbinando due potenti strategie per il portafoglio:

1) Preferenza nella selezione verso società internazionali leader di mercato, con rating elevati da parte di broker ed analisti e crescite pluriennali di utili e dividendi.

2) Costante reinvestimento dei dividendi ricevuti per potenziare l’effetto leva derivante dall’interesse composto. Grazie all’effetto combinato di queste metodologie i dividendi ottenuti per il nostro modello Top Analisti sono risultati in costante crescita già da diversi anni. Questo particolare portafoglio è attualmente uno dei più replicati dai nostri abbonati, e racchiude  in un unico modello le raccomandazioni di un pannello di oltre 25 tra i maggiori analisti e Guru internazionali, presenti nelle migliori classifiche di reddito e performance. Composto attualmente da 60 titoli, Top Analisti…

si è trasformato nel corso degli anni in una vera macchina da reddito, con oltre 240 cedole accreditate ogni anno ai partecipanti e un dividendo incassato in quasi ogni giorno lavorativo dell’anno. Dal 1 gennaio 2009 ad oggi il modello vanta crescite record, con una performance pari a +136,1%, contro un rendimento dell’indice S&P500 pari a +97,6% nello stesso periodo. Nel file PDF relativo al portafoglio, aggiornato ogni settimana e scaricabile ad inizio report, è indicata chiaramente la percentuale di investimento suggerita per ogni titolo. In questo modo, ciascun abbonato può replicare il portafoglio con precisione, con importi superiori o inferiori a quelli indicati, semplicemente aumentando o diminuendo le singole quantità da acquistare per ogni titolo con la stessa proporzione suggerita nel modello.

 

1

Sulla base degli ottimi risultati conseguiti dalla nostra lista dei sette titoli pubblicata all’inizio dello scorso anno, anche quest’anno nella prima edizione del report riproponiamo una selezione di nuove società al centro dell’attenzione dei grandi broker ed analisti, applicando alla nostra ricerca rigidi criteri di selezione con lo scopo di identificare i sette titoli con i migliori fondamentali e prospettive. Nel report di martedì prossimo dedicheremo invece la nostra attenzione ad una lista degli ETF più interessanti per il nuovo anno, per i lettori e abbonati che seguono questo tipo di portafoglio. Vediamo ora nel dettaglio i nuovi titoli per il 2014, inclusi nell’abbonamento di Secondo Livello da 19,99 euro mensili sottoscrivibile con carta di credito o bonifico bancario online.

Cinque rigidi criteri di selezione per la formulazione della lista

Per arrivare alla nuova BUY List composta dai sette migliori titoli per il 2014, siamo partiti analizzando un lungo elenco di oltre 5.000 società quotate attualmente sul Nyse e Nasdaq, applicando uno screening composto da diversi parametri e riducendo progressivamente il numero di candidati fino ad arrivare al nuovo elenco dei sette titoli TOP.

Parametro 1 – Capitalizzazione di mercato superiore a 5 miliardi di dollari. Trattandosi di una ricerca che privilegia le maggiori società internazionali, abbiamo posto questa soglia minima piuttosto elevata, per concentrare le nostre attenzioni verso le più grandi aziende del mondo, con business già consolidati in diversi paesi e fatturati divisi tra paesi emergenti ed economie più sviluppate. I sette titoli identificati tramite questo parametro, capitalizzano in media 104 miliardi di dollari. Tra le società selezionate, la più piccola della lista vale 7,4 miliardi, mentre la più grande raggiunge 218,6 miliardi di capitalizzazione.

Parametro  2 – Giudizio dei Broker = BUY. In base a questo criterio, abbiamo voluto isolare soltanto quelle società che presentano i migliori rating secondo i grandi broker e analisti internazionali. Il giudizio medio dei broker sulle sette società identificate è pari a 1,8 (BUY) su una scala da 1 a 5 ( 1= Strong Buy, 2=Buy, 3=Hold, 4=Moderate Sell, 5=Sell), con giudizi tra un minimo di 2,2 ed un massimo di 1.

Parametro 3 – Almeno 7 anni di crescite consecutive dei dividendi senza interruzioni. Questo criterio è per noi il più importante tra quelli che abbiamo applicato nella selezione per il 2014. Garantire una crescita costante dei dividendi ogni anno per periodi prolungati, significa una grande attenzione delle società nei confronti degli azionisti abbinata ad una attenta gestione del cash flow da parte del management. Nel caso delle sette società di oggi, andiamo da un minimo di 7 anni fino ad un massimo di 57 anni consecutivi di aumenti dei dividendi, con una media di 32 anni consecutivi di crescite.

Parametro 4 – Target di crescita a 6-12 mesi da parte degli analisti superiore al 5%. Abbiamo considerato il target medio consensuale degli analisti per il 2014 e abbiamo selezionato soltanto quelle società con un potenziale di incremento superiore al 5% per l’anno in corso. La performance media prevista per le società selezionate è pari all’11,4%, con un minimo del 6% ad un massimo del 21% per i prossimi 6-12 mesi.

Parametro 5 – Crescita media del dividendo superiore all’ 8% negli ultimi 5 anni. La crescita del dividendo è un criterio molto importante nella selezione di un titolo. Negli ultimi 5 anni le sette società di oggi hanno aumentato il livello del dividendo ad un tasso medio del 9,9% annuo, con un minimo del 4,8% fino ad un massimo del 16,4% annuo, con un dividendo medio attuale al 3,5% sui prezzi attuali di borsa. Ipotizzando per il futuro gli stessi tassi di crescita, tra dieci anni il dividendo medio di questi sette titoli potrebbe già attestarsi al 9% annuo, trasformando questa selezione in una potente macchina a rendita. Da sola questa ultima considerazione basterebbe per considerare i titoli per un nuovo acquisto da mantenere per il medio lungo termine.

Dopo l’applicazione di questi cinque rigidi parametri di selezione, abbiamo identificato le sette società per il modello Top Analisti da inserire in portafoglio per l’anno 2014. A conferma della validità della lista, tre società presenti nella BUY List dello scorso anno si confermano anche per l’anno in corso, nonostante le ottime performance messe a segno nell’anno appena trascorso. Vediamo ora nel dettaglio i sette titoli per il 2014.

I sette titoli TOP a dividendo per il 2014

1

Titolo 1 – Target +21% – Il leader mondiale delle materie prime con 11 anni di crescite del dividendo

Dal petrolio, ai diamanti e all’oro con un unico investimento. Il primo titolo della selezione di oggi è quello che presenta secondo gli analisti i target di crescita più elevati per i prossimi 6-12 mesi. Si tratta di una delle maggiori aziende al mondo nel settore delle materie prime. Una ripresa economica globale più sostenuta dovrebbe portare ad una forte domanda di materie prime, con ampi benefici per questa società. Fondata nel 1885 ed oltre 125.000 dipendenti, l’azienda di cui parliamo oggi tramite le sue controllate, è uno dei maggiori operatori mondiali nel settore delle risorse naturali.

1

La società svolge l’attività di esplorazione e produzione di petrolio e gas, estrazione e raffinazione della bauxite per la trasformazione in alluminio, estrazione di rame, argento, piombo, zinco, molibdeno, uranio, oro, diamanti, minerali di titanio e  trattamento dei sali di potassio per la produzione di fertilizzanti. In aggiunta, l’azienda è uno dei leader nell’estrazione e produzione di prodotti di nichel, minerale di manganese, ferro, carbone metallurgico e carbone termico. Stiamo parlando di PASSA AL LIVELLO 2. Quota consigliata da destinare al titolo: 1,8% del portafoglio.

Titolo 2 – Dividendo 5,8% a cedola mensile e  20 anni consecutivi di incrementi cedole

Questa società è attualmente uno dei titoli più raccomandati dai principali analisti e Guru internazionali del pannello di esperti da noi monitorati e si adatta particolarmente per chi desidera rendite annue crescenti da dividendo, abbinate a potenziali capital gain di lungo periodo. Fondata nel 1969, la società di cui parliamo oggi è uno dei più importanti fondi immobiliari quotati a Wall Street, con un portafoglio di 3.800 proprietà immobiliari interamente affittate. La società attua una attenta politica di locazione, con contratti di lungo termine (15-20 anni di durata) ad aziende con business consolidati.

2

Le rendite derivanti dagli affitti servono per alimentare i dividendi mensili distribuiti regolarmente ai soci. Stiamo parlando di PASSA AL LIVELLO 2. La società è costituita come fondo immobiliare REIT (Real Estate Investment Trust), un particolare tipo di struttura a fiscalità agevolata che deve distribuire per legge almeno il 90% degli utili maturati ai propri azionisti. Quota consigliata da destinare al titolo: 1,5% del portafoglio.

Titolo 3 – 41 anni di crescita dei dividendi in un mercato da 9 miliardi di unità vendute ogni anno

La terza società di cui parliamo oggi evidenzia una delle maggiori storie di successo degli ultimi decenni ed è attualmente una delle partecipazioni più importanti del nostro portafoglio. Fondata nel 1898 a New York ed oltre 275.000 dipendenti, la società vanta sedi operative in tutti i paesi del mondo è attualmente una delle maggiori multinazionali nel settore delle bevande, snacks e ristorazione. Per comprendere le dimensioni di questo business, basti pensare che ogni giorno nel mondo vengono consumati circa 9 miliardi di snacks, con un mercato potenziale enorme di 3 triliardi annui di consumi!

3

L’azienda di cui parliamo oggi è il leader assoluto in questo importante settore, con una quota di mercato che supera ampiamente tutti i diretti concorrenti. In aggiunta, negli ultimi anni l’azienda ha effettuato importanti investimenti in Russia, Brasile e Paesi Arabi che stanno spingendo ulteriormente in rialzo i ricavi. Nonostante i forti guadagni del 2013, il titolo presenta secondo gli analisti un interessante potenziale di crescita di +8,2% nel breve termine. Quota consigliata da destinare al titolo: 3,7% del portafoglio

Titolo 4 – Crescite record +22,8% annuo del dividendo negli ultimi 10 anni

Questa azienda è una delle più sicure macchine da rendita che non dovrebbe mancare in ogni portafoglio diversificato che punti a crescite superiori nel medio lungo termine. Nel 2013 il titolo ha sottoperformato rispetto al mercato e questa situazione ci permette in questi giorni di entrare sul titolo a prezzi sottovalutati. A conferma delle attuali valutazioni a sconto, gli analisti di Morningstar nei giorni scorsi hanno confermato il giudizio di quattro stelle sul titolo. Con i suoi 34.500 ristoranti in oltre 119 paesi del mondo, questa società è considerata oggi il simbolo della ristorazione a livello globale, con le stesse caratteristiche, stile ed ingredienti, in ogni parte del mondo, da Pechino a Roma o a Rio De Janeiro.

4

La grande diversificazione dell’offerta e la presenza ben consolidata in grandi mercati emergenti come Cina, India e Russia dovrebbero garantire a questa azienda una crescita costante anche nel caso di possibili rallentamenti economici.Quota consigliata da destinare al titolo: 3,9% del portafoglio.

Titolo 5 – 57 anni di crescite dei dividendi e 4 miliardi di clienti in tutto il mondo

Il 2014 secondo gli analisti dovrebbe essere l’anno della ripresa globale dei consumi. Considerato il nuovo scenario di crescita, questa società non poteva mancare nella lista dei titoli TOP per il nuovo anno. Si tratta di una delle pochissime aziende al mondo con una storia di oltre 50 anni di aumenti consecutivi del dividendo. Fondata nel 1837, con una rete globale di oltre 120.000 dipendenti, l’azienda distribuisce ogni giorno i propri prodotti a 4,2 miliardi di clienti in tutto il mondo, con una particolare attenzione ai mercati emergenti e alle nuove aree del mondo a più forte crescita.

5

Su un fatturato record di 84 miliardi di dollari, il 65% proviene attualmente da paesi diversi dagli Usa e ben il 40% deriva proprio dai nuovi paesi emergenti. L’azienda vanta numeri da record, con oltre 300 marchi distribuiti e ben 25 marchi che fatturano ciascuno oltre 1 miliardo di dollari, con una aggressiva politica di marketing globale che sta permettendo di conquistare quote crescenti di mercato dai diretti concorrenti. Quota consigliata da destinare al titolo: 3,5% del portafoglio.

Titolo 6 – Raddoppio del dividendo in 5 anni per una società sottovaluata nel settore della salute

Dopo un anno di forti rialzi dei mercati azionari, il settore farmaceutico e della salute rappresenta per gli investitori un comparto più difensivo e stabile, con ricavi meno soggetti alle ciclicità dei mercati. In aggiunta, questa società, negli ultimi cinque anni ha aumentato il suo dividendo agli azionisti di oltre il 100%. Fondata nel 1931 ed oltre 50.000 dipendenti, questa società è una delle maggiori multinazionali nel settore farmaceutico, con una presenza attiva in 100 paesi e stabilimenti di produzione in 28 di essi.

6

La società sviluppa, produce e commercializza farmaci specifici per malattie gravi, quali emofilia, disturbi del sistema immunitario, malattie infettive, malattie renali, traumi ed altre condizioni mediche croniche e acute. La società opera in due segmenti, prodotti Bioscience e prodotti medici. Il segmento BioScience elabora principalmente proteine specifiche per il trattamento dell’emofilia e di altre malattie emorragiche, terapie a base di plasma per il trattamento di deficit immunitari, ustioni, shock ed altri disturbi del sangue legati a malattie croniche ed acute. Il segmento medico produce soluzioni e relativi set di somministrazione per via endovenosa, farmaci premiscelati, fiale pre-riempite e siringhe per farmaci iniettabili, prodotti nutrizionali, ed anestetici per inalazione. Fornisce inoltre farmaci per il trattamento delle malattie renali allo stadio terminale o per insufficienze renali irreversibili e prodotti per emodialisi. Stiamo parlando di PASSA AL LIVELLO 2. Quota consigliata da destinare al titolo: 1,4% del portafoglio.

Titolo 7 – Obiettivo raddoppio fatturati entro il 2020 e forti crescite dei ricavi nei paesi emergenti

Si tratta del business di successo per eccellenza ed è attualmente presente nel portafoglio di alcuni dei maggiori investiori a livello mondiale. Stiamo parlando di Coca Cola, quotata sul Nyse con simbolo KO, e codice Isin US1912161007. Warren Buffet, il popolare investitore americano noto per i suoi successi in borsa, detiene attualmente una quota di controllo sulla società con un investimento record di oltre 16,4 miliardi di dollari. Nonostante le sue enormi dimensioni, la società si è posta obiettivi di crescita formidabili, con un target di raddoppio dei fatturati nei prossimi 6 anni, grazie ai forti investimenti realizzati in Cina, Russia, Brasile e India. Secondo il Fondo Monetario Internazionale, entro il 2015 i mercati emergenti potrebbero raggiungere il 40% del Pil mondiale, con un trend di crescita che coinvolge non solo i paesi asiatici ma anche economie come Repubblica Ceca, Slovacchia, Polonia Turchia e Africa. Il boom di queste economie, unito ad una crescente urbanizzazione e allo sviluppo di nuove grandi metropoli ha portato al raddoppio dei consumatori nel mondo, con oltre 2,4 miliardi di persone. Secondo gli analisti, questi numeri potrebbero ancora raddoppiare entro il 2025, raggiungendo quota 4,2 miliardi di consumatori, con una incidenza del 53% rispetto alla popolazione globale del pianeta. Questo trend, porterà i consumi globali dei paesi emergenti fino a 30 triliardi di dollari entro i prossimi 10 anni, contro i 12 triliardi attuali, passando dal 32% al 50% di tutti i consumi mondiali.

7

Alla luce di queste analisi, Coca Cola, ha annunciato l’intenzione di destinare 5 miliardi di dollari in India entro il 2020 (oltre il doppio rispetto a quanto previsto) per migliorare la rete distributiva e conquistare una maggiore porzione del locale mercato delle bevande non alcoliche. Negli ultimi anni i ricavi della multinazionale sono cresciuti grazie al contributo determinante di alcuni mercati emergenti, tra cui proprio l’India che ha visto aumentare i propri fatturati di circa il 20%, portando il mercato indiano fra i primi 10 per il gruppo americano.Quota consigliata da destinare al titolo: 3,6% del portafoglio.

Complessivamente, i sette titoli selezionati oggi contano per una significativa quota pari al 19,4% del portafoglio Top Analisti e rappresentano da soli quasi un quinto del modello per il nuovo anno. Come di consueto, i titoli saranno costantemente monitorati nel corso dei prossimi report, dal momento dell’acquisto fino al raggiungimento dei target prefissati e successive raccomandazioni di vendita da parte degli analisti, informazioni che saranno prontamente pubblicate e comunicate ai nostri abbonati nel corso del 2014. Con l’auspicio che i nostri tre portafogli inclusi nell’abbonamento di Secondo Livello da 19,99 euro mensili possano replicare le brillanti performance ottenute nell’anno appena trascorso, cogliamo l’occasione per porgere a tutti i nostri lettori ed abbonati che ci seguono ormai da diversi anni, i migliori Auguri per un Buon 2014. 

 

Paolo Crociato

 

Fonte: strategyinvestor.com

Articoli Simili

Trading di brevissimo: Stm e Tenaris

Administrator

Fca: accordo per la vendita di Magneti Marelli

Administrator

Banche italiane: cosa succede al settore core di Piazza Affari

Administrator