TrendAndTrading.it

S: Report sulle valute minori: Euro: sembra in prossimità di ripresa il movimento dominante ribassista

6 SOLDI

Il forte  bear-market rally  dell’euro, iniziato a fine luglio 2012 grazie al progressivo rasserenamento sul fronte del debito sovrano dei Paesi periferici dell’area, è stato sostenuto dalle ricoperture sui titoli sovrani periferici, sul comparto bancario e sui vari listini azionari dell’area.,……


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.

 


A ciò si è aggiunto, negli ultimi mesi del 2012, l’allargamento dell’easing quantitativo della Fed, seguito poi dalla Banca Centrale giapponese.
L’insieme di questi fattori ha portato l’euro, a fine gennaio,  su livelli molto elevati contro molte  valute principali (dollaro Usa, sterlina, yen), in prossimità della “soglia del dolore” per l’industria dell’area, a rischio di venire penalizzata da questa nuova “guerra valutaria”. 
Negli ultimi 2 mesi – complici anche le rinnovate tensioni sul fronte della governabilità in Italia – l’euro si è nuovamente sgonfiato, e sembra in prossimità di ripresa il movimento dominante ribassista. Ciò potrebbe segnare l’inizio di una nuova fase di debolezza per la valuta e le attività finanziarie dell’area.  

EURO/DOLLARO Australiano
Dopo il massimo storico dell’ottobre 2008 a ridosso di 2,11, con la progressiva chiusura di posizioni di carry-trade per il disinvestimento dal comparto azionario il cross subisce un vero e proprio tracollo, culminato nel minimo storico a 1,1606 del 2 agosto 2012, contestualmente anche all’aggravarsi della crisi del debito sovrano dei Paesi periferici dell’area euro. È quindi iniziata una fase di rally – grazie anche ai segnali distensivi nell’area euro – che ha riportato le quotazioni a toccare un picco il 1° febbraio a 1,3190 (+13,6% dai minimi), superando marginalmente i precedenti picchi 2012, toccati il 18 maggio, a 1,3029. 
Dai picchi di inizio febbraio – contestualmente alle rinnovate tensioni sul fronte dei debiti sovrani periferici – diminuisce l’appetito per il rischio che si riflette in una repentina inversione di tendenza, con una veloce ridiscesa verso 1,2225, non lontano dai minimi di metà novembre a ridosso di 1,2160. 
Per le prossime settimane. La discesa degli ultimi 2 mesi sembra negare i tentativi di stabilizzazione del semestre precedente, riproponendo così il movimento ribassista dominante dell’euro. Il quadro tecnico rimane molto debole finché il cross staziona al di sotto di 1,2550-1,2625, con primo obiettivo i minimi di metà novembre a 1,2160. La  rottura di tale importante supporto fornirebbe un segnale ribassista per i mesi a venire, con obiettivo i minimi di inizio agosto 2012 a ridosso di 1,1600. Il  tono migliorerebbe su pronte risalite sopra 1,2800/30 (poco probabile). 

EURO/DOLLARO Canadese
Il cross ha registrato un minimo storico a 1,2129 il 16 agosto 2012 (poco al di sotto dei minimi del giugno 2010 e dell’ottobre 2000), per poi iniziare un  rally sostenuto che si è spinto fino a toccare un picco il 1° febbraio a 1,3707. 
Dai picchi di inizio febbraio – contestualmente alle rinnovate tensioni sul fronte dei debiti sovrani periferici – diminuisce l’appetito per il rischio che si riflette in una repentina inversione di tendenza, con una veloce ridiscesa verso 1,2965.  
Per le prossime settimane. La discesa degli ultimi 2 mesi sembra negare i tentativi di stabilizzazione del semestre precedente, riproponendo così il movimento ribassista dominante dell’euro. Il quadro tecnico rimane molto debole finché il cross staziona al di sotto di 1,3350-1,3400, con primo obiettivo il forte supporto in area 1,2780-1,2850. La  rottura di tale importante supporto fornirebbe un segnale ribassista per i mesi a venire, con primo obiettivo 1,2580 e quindi i minimi di metà agosto 2012 a ridosso di 1,2130. Il tono migliorerebbe su pronte risalite sopra 1,3350-1,3400 (poco probabile). 

EURO/DOLLARO Neozelandese
Il cross ha registrato un minimo storico a 1,4966 il 3 agosto 2012 per poi rimbalzare portandosi a toccare un massimo il 30 gennaio a ridosso di 1,6355. 
Dai picchi di inizio febbraio – contestualmente alle rinnovate tensioni sul fronte dei debiti sovrani periferici – diminuisce l’appetito per il rischio che si riflette in una repentina inversione di tendenza, con una veloce ridiscesa verso 1,5200-1,5300.   
Per le prossime settimane. La discesa degli ultimi 2 mesi sembra negare i tentativi di stabilizzazione del semestre precedente, riproponendo così il movimento ribassista dominante dell’euro. Il quadro tecnico rimane molto debole finché il cross staziona al di sotto di 1,5800-1,5900, con primo obiettivo importante i minimi di inizio agosto 2012 a 1,4966 (minimo storico). La perforazione di tale livello avrebbe ovvie implicazioni ribassiste per i mesi a venire, con primo obiettivo 1,4500. Il tono migliorerebbe su pronte risalite sopra 1,5800-1,5900 (poco probabile), e diventerebbe rialzista al superamento di 1,6000/50 (improbabile). 
 
EURO/LIRA Turca
Dal massimo storico a ridosso di 2,6000 dell’agosto 2011 le quotazione sono ridiscese fino a toccare un minimo il 3 agosto 2012 a 2,1808. È quindi iniziata una risalita sostenuta, che ha portato le quotazioni a toccare un massimo il 30-31 gennaio a ridosso di 2,4050, non lontano dai picchi del marzo 2012 a 2,4214. 
Negli ultimi 2 mesi il  cross  è ripiegato, accelerando al ribasso nelle ultime sedute verso 2,3200.  
Per le prossime settimane. La perforazione dei minimi di gennaio a ridosso di 2,3165 farebbe riprendere le pressioni ribassiste, con primo obiettivo 2,3000 e quindi i minimi di inizio novembre a ridosso di 2,2680. Il tono migliorerebbe al di sopra di 2,3700-2,3800 (prematuro) ma gli acquisti riprenderebbero solo al superamento di 2,4000/50 (poco probabile). . 

EURO/RAND Sudafricano
Dal massimo storico dell’ottobre 2008 a ridosso di 15,26, il  cross  ha iniziato una fase correttiva culminata nel minimo di fine 2010 a ridosso di 8,705 (-43% circa dai massimi). Da inizio 2011 sono tornati gli acquisti, con una risalita esauritasi nel picco del novembre 2011 a 11,486. Le quotazioni sono quindi ripiegate consolidando al di sopra di 9,83-10,00 per poi riprendere a salire con forza da inizio agosto 2012, con un nuovo massimo il 30 gennaio 2013 a ridosso di 12,325. 
Negli ultimi 2 mesi le quotazioni sono ripiegate verso 11,450, per poi stabilizzarsi a ridosso di 12. 
Per le prossime settimane. Un segnale di conferma di inizio di un movimento correttivo significativo per le settimane a venire si avrebbe su discese sotto 11,45, ma il quadro tecnico per i mesi a venire diventerebbe negativo per l’euro – e positivo per il rand – solo in caso di ridiscese del cross al di sotto di quota 11. Gli acquisti riprenderebbero invece al superamento di 12,00/15 (prematuro), per un nuovo  test  dei massimi a 12,325, con estensioni (improbabili) verso quota 13, dove dovrebbero comunque prevale le vendite.
Operativamente si possono mantenere  rand in portafoglio  se si ragiona in ottica di diversificazione valutaria su orizzonti strategici. Graficamente ed in ottica tattica il rand tornerebbe forte su discese di eurzar sotto quota 11(conferma sotto 10,40/60, prematuro). 

EURO/REAL Brasiliano
Dai massimi di fine 2008 a ridosso di 3,500, il  cross  ha avuto un andamento ribassista, culminato nei minimi di fine dicembre 2010 a 2,118. Sono quindi ripresi gli acquisti, con un graduale miglioramento a partire dal mese di marzo 2012, con risalita che si è spinta a ridosso di 2,8040 il 5 dicembre. 
Negli ultimi 4 mesi il cross è ripiegato fino a un minimo a ridosso di 2,5240 l’8 marzo, per poi stabilizzarsi al di sotto di 2,6235.  
Per le prossime settimane. Finché le quotazioni stazionano al di sotto di 2,6700 sembra possibile la prosecuzione della fase correttiva in essere, con primo obiettivo 2,5500, poi i minimi di inizio marzo a 2,5240 e quindi 2,4900 (supporto critico i minimi del 23 luglio a ridosso di 2,4450). Il trend tornerebbe  ribassista per le settimane ed i mesi a venire  al di sotto di 2,4450 (prematuro), con conferma sotto 2,3765 (ancora poco probabile). Positività  sopra 2,6700, con conferma sopra 2,7000 (poco probabile), per un nuovo  test  dei massimi a 2,8040. Nonostante l’apprezzamento dei mesi passati rimane prematuro ipotizzare l’inizio di una tendenza rialzista stabile a favore dell’euro. In ottica di diversificazione valutaria è quindi possibile mantenere investimenti in  realbrasiliani. Sarebbe opportuno ridurli solo  in caso di risalite di eurbrl sopra 2,8040 e quindi sopra 3,1000, perché in tal caso si avrebbe un segnale di maggiore forza per la moneta unica.  


Analisi Daily
a cura di: Ufficio Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella

Autore: Maurizio Milano

Fonte: Ufficio Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella


I dati relativi ad indici di Borsa, titoli azionari ed obbligazionari, commodities, valute, derivati sono forniti da information provider quali: Bloomberg, e-Signal, Il Sole24Ore, STB.
Le analisi effettuate non si configurano come consulenza e non devono intendersi come una sollecitazione all’investimento o all’attività di trading ma come un servizio di informativa finanziaria standard. I livelli di supporto, resistenza ed i prezzi obiettivo sono individuati esclusivamente applicando i criteri, le metodologie ed i dettami di pertinenza dell’analisi tecnica dei mercati finanziari, con un orizzonte temporale di breve periodo.
I risultati (guadagni o perdite) – qualora indicati – relativi a questo servizio si riferiscono ai dati storici ed a quanto avvenuto fino alla data della sua elaborazione e pertanto non sono indicativi di risultati futuri. Salvo diversamente specificato, sono considerati al lordo di commissioni, competenze ed oneri a carico dell’utente che decida di effettuare attività di compravendita degli strumenti finanziari oggetto del servizio stesso.

EURO/DOLLARO
COMMENTO: contesto immutato per l’ Euro/Dollaro durante l’ultima settimana. I corsi oscillano, privi di direzione precisa, tra le 1,2150 e le 1,2670. Fino a quando l’Euro resterà sotto le 1,2500/1,2550 l’intonazione resta  ancora debole.
In tal caso resta aperta la strada per ulteriori deprezzamenti in direzione delle 1,1650.
Solo il recupero delle 1,2500/1,2550 potrebbe fornire un primo segnale di ritrovata forza di Euro. In tal caso potremmo assistere a rimbalzi verso le 1,2900 prima e le 1,3000/1,3200 in seguito.
In ottica di più lungo periodo si evidenzia una configurazione ribassista di Testa e Spalle a favore di dollaro con obbiettivo sotto la parità (0,95) e nec-line violata a 1,3150 (un eventuale recupero delle 1,2550 favorirebbe un pull-back a ridosso dell’area).

DOLLARO/YEN
COMMENTO: ancora discesa per il Dollaro/Yen nell’ultima settimana. I corsi dall’area 91,50 scivolano verso le 88,95, per poi attestarsi in area 90,30. A questo punto i corsi potrebbero oscillare tra le 92,00 e le 88,00. Un primo segnale di nuova forza di Euro scaturirebbe solo sopra le 92,00/92,10. In tal caso potremmo assistere a rivalutazioni verso le 93,50 prima e le 94,50/95,00 in seguito. Solo la netta violazione delle 95,00 riuscirebbe a fornire un segnale di forza di Dollaro degno di nota. Tale evento spingerebbe i corsi verso l’importate area di medio periodo collocata a ridosso delle 98,00. Un segnale di più marcata debolezza di Dollaro scaturirebbe solo sotto le 88,00, per le 85,00 in prima battuta.

EURO/YEN
COMMENTO: ancora perdita di forza per il cross Euro/Yen, durante le ultime sedute. I corsi si spingono fin verso le 109,00. L’Euro si è così portato anche sotto i minimi di area 113,00/112,00. Tale evento apre potenzialmente le porte ad ulteriori discese in direzione delle 100,00 con area intermedia a 105,00. A questo punto solo rivalutazioni di Euro sopra alle 114,00/115,00 favorirebbero nuovi recuperi, annullando lo scenario descritto. In tal caso i corsi potrebbero riportarsi prima verso le 120,00 e successivamente in direzione delle 125,00.

EURO/FRANCO SVIZZERO
COMMENTO: recupero e aumento della volatilità per l’Euro/Franco Svizzero durante l’ultima settimana.
I corsi dall’area 1,4000 mettono a segno un deciso e ampio rimbalzo che ha visto il test delle 1,4590. Successivamente l’Euro ha stornato verso le 1,4200. Il ritorno sopra l’area 1,4150 potrebbe indicare un rallentamento delle forti pressioni ribassiste sull’Euro. Per le prossime sedute i corsi potrebbero oscillare tra le 1,4200/1,4150 e le 1,4700. In ottica di medio periodo solo rivalutazioni sopra le 1,4700 fornirebbero un segnale di forza di Euro degno di nota. In tal caso i corsi potrebbero spingersi in direzione delle 1,5000 prima e delle 1,5400 successivamente. Ancora cautela in seguito a nuovi indebolimenti sotto le 1,4100.

EURO/STERLINA inglese
COMMENTO: andamento ancora immutato per l’Euro/Sterlina durante l’ultima settimana. I corsi oscillano tra le 0,8770 e le 0,8480. L’Euro/Sterlina si presenta ad un bivio. Il supporto in area 0,8400 appare strategico. Porre molta attenzione ad una sua violazione. In tal caso assisteremmo a possibili ulteriori discese di Euro, verso le 0,8100/0,8000 prima e le 0,7700 successivamente. Viceversa la tenuta delle 0,8400 favorirebbe escursioni in range tra il livello e le 0,8750/0,8800. Un primo segnale di forza degno di nota si avrebbe sopra alle 0,8750/0,8800. Evento che riproporrebbe le 0,9000 prima e le 0,9200 in seguito.

Articoli Simili

EUR USD Si prevede 1,1055

Administrator

EUR USD La tendenza resta al rialzo

Administrator

EUR USD 1,1100 previsti Pivot point 1,1065

Administrator