TrendAndTrading.it
Image default

Settimana di fuoco per il dollaro

INTRO: La settimana tanto attesa dai mercati è finalmente arrivata, con il meeting del FOMC che si terrà mercoledì alle ore 20.00 italiane e durante il quale si discuterà del tapering del QE USA……

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Matteo Paganini – Chief Analyst FXCM Italia


    Una settimana che è partita con forti gap contro il dollaro americano ma a favore dei futures a stelle e strisce dopo che Lawrence Summers ha consegnato una lettera, accettata dal Presidente Obama, con la quale si ritira dalla corsa per la Federal Reserve. Un inizio di settimana niente male.

    Tapering QE: taglio da 10 miliardi?
    Le attese degli analisti sono partite da un taglio di 15 miliardi, da distribuire tra titoli di stato e MBS per poi attestarsi a 10 miliardi, soltanto sui Treasuries. E’ indibbio che guardando i prezzi di obbligazionario, azionario e materie prime i mercati stiano scontando l’effettiva possibilità che si proceda effettivamente con una limatura degli acquisti, che attualmente procedono con un ritmo di 85 miliardi al mese – 40 sugli MBS e 45 sui Treasuries, e se questo dovesse accadere avremmo l’evidenza che la Fed è andata a muoversi prima che i target ufficiali sulla disoccupazione, posti al 6.5%, fossero raggiunti. Ci aspettiamo da tempo l’inizio della politica monetaria restrittiva quando il tasso di disoccupazione si fosse avvicinato al livello del 7%, non siamo tuttavia sicuri che il 7.3% rilevato l’ultima volta sia sufficiente a far partire l’exit strategy. Dovesse verificarsi il taglio, i mercati potrebbero reagire andando a far rivalutare il dollaro americano, che potrebbe muoversi a rialzo contro tutte le major, con delle potenziali prese di profitto sulle borse Usa nel breve periodo, vendite che potrebbero non essere in grado di far avvenire rotture importanti verso il basso in quanto si tratta di un primo passo verso quello che diventerà più pesante in futuro, probabilmente verso dicembre. Inferiori acquisti sui Treasuries da parte della Federal Reserve implicherebbero la possibilità di assistere a prezzi dei titoli in discesa ulteriore (rispetto a quanto già visto fin’ora) e conseguentemente, ad un rialzo dei rendimenti che potrebbe giustificare il ribilanciamento di portafogli ancora troppo sbilanciati verso la ricerca di rendimenti su attività rischiose ed in liquidità. Si potrebbe infatti cominciare a pensare di acquistare obbligazioni sicure come quelle americane, che iniziano a fornire rendimenti reali positivi, contemplando però il rischio prezzo, che potrebbe come visto scendere ancora andando a formare perdite in conto capitale. Non siamo, per questo, sicuri che le borse siano effettivamente pronte a rompere a ribasso e curiamo la possibilità di assistere a correzioni, senza escludere un eventuale posizionamento long in caso di sorprese a rialzo.

    E se non succede niente?
    Cosa potrebbe accadere di fronte a quello che in molti analisti definiscono “the unlikely scenario”, ossia lo scenario poco probabile? Il rally sulle attività di rischio potrebbe continuare ed essere finanziato tramite l’indebitamento in valute a basso tasso, andando a rispolverare una logica di risk on che latita da qualche mese, poche eccezioni, tutte verificatesi nell’intraday, a parte. Il dollaro potrebbe risultare il protagonista di questo eventuale scenario, andando a raggiungere livelli più bassi rispetto agli attuali, in attesa dell’effettiva riduzione degli acquisti che, lo sapremmo, sarebbe soltanto rimandata e potrebbe cominciare ad essere messa in moto ad ottobre (questo risulta ancora il nostro scenario preferito, se ragioniamo dal punto di vista di utilità effettiva di un’uscita, comunque necessaria, dal QE).

    Lawrence Summers e il salto dal treno
    Il Segretario del Tesoro americano ieri sera ha comunicato le proprie intenzioni di rinunciare a ricoprire il ruolo di candidato per la presidenza della Federal Reserve. La reazione dei mercati non si è fatta attendere ed i protagonisti assoluti sono stati il dollaro americano e gli indici a stelle e strisce, i cui futures sono saliti in maniera importante di fronte ad una discesa, altrettanto importante, del dollaro americano, che ha aperto in gap superiori ai 50 punti su tutte le major, euro, yen, sterlina e dollaro australiano su tutti.

    QUADRO TECNICO
    EurUsd: la tenuta dell’area di supporto vista venerdì, senza la rottura di 1.3240, ha fatto effettivamente risalire i prezzi fino a raggiungere il target stimato a 1.3350, superandolo e consolidando sopra di esso (grazie Larry!). Curiamo ora la congestione notturna per pensare a rotture da una parte o dall’altra che potrebbero portare ad estensioni pari all’altezza della congestione, considerando che tutta l’area passante tra la media a 21 oraria ed i massimi precedenti a 1.3325 potrebbero fungere da supporto, per rivedere i massimi. Sotto 1.3315 lo scenario potrebbe cambiare verso 1.3280, mentre in caso di superamento degli ultimi massimi visti nella notte, il mercato potrebbe tentare delle estensioni verso 1.3380/1.3420.
    UsdJpy: la divergenza oraria ribassista messa in cantiere venerdì mattina non si è formata ma le quotazioni hanno cominciato a scendere in maniera decisa dopo aver toccato il livello di 100.00. Dopo il gap a ribasso di stanotte il mercato sta provando a correggere, con la media a 21 oraria che potrebbe, insieme ai punti precedenti passanti intorno a 99.20, funzionare da resistenza andando a spingere i prezzi verso i minimi, scenario da non escludere anche a partire dai prezzi attuali (lasciando spazio per eventuali mediate in quell’area). Soltanto in caso di superamento di area 99.30 crediamo possa verificarsi un tentativo di ripartenza verso 99.50, area che comunque potrebbe intervenire a frenare l’eventuale ripresa. Un approfondimento diretto sotto 98.70 potrebbe far ripuntare i minimi a 98.50 che, se superati, potrebbero riportare verso 98.20.
    EurJpy: la discesa che attendevamo per venerdì pomeriggio si è verificata, pur non essendo stata segnalata dalla potenziale divergenza che stavamo curando. Tecnicamente non siamo impostati in maniera molto chiara guardando un grafico orario, anche se l’area passante tra 132.20 e 132.35 rappresenta una buona resistenza dinamica da poter sfruttare dai trader di breve (trendline ribassista e medie). Un suo superamento potrebbe portare a tentativi di ripresa, difficilemente valutabili per delle posizioni long, a meno che i prezzi non superino l’area di 132.75. Un approfondimento diretto sotto 131.85 potrebbe riproporre i minimi.
    GbpUsd: la tenuta di 1.5780 (livello da sfruttare per posizionamenti long con stop e reverse sotto quest’area) ha portato al raggiungimento di 1.5815, trigger point per valutare il raggiungimento di 1.5840 che, se raggiunto, avrebbe potuto portare alla formazione di nuovi massimi. Nuovi massimi che, sempre grazie a Larry Summers si sono formati in fretta a livello temporale e possono aver portato a sorprese positive per chi fosse rimasto aperto con una parte della posizione. Siamo ora sopra la media a 21 oraria, che cureremo come livello di supporto e non escludiamo la potenziale estensione verso 1.6000 in caso di rottura dei massimi della notte.
    AudUsd: buona anche il quadro tecnico visto sull’australiano che ha portato al raggiungimento di 0.9400, prima di assistere ad una correzione che si è comunque fermata sopra la media mobile a 21 periodi oraria. Curiamo 0.9360 e 0.9320 per potenziali accelerazioni pari a 40 punti, con la media a 21 che potrebbe intervenire come livello di supporto dinamico.

Fonte: FXCM Italia

Articoli Simili

Analisi dei principali Cross Valutari : EUR/USD Sorveglianza 1,1400

Administrator

Benetazzo: Le balene del bitcoin

Administrator

Analisi dei principali Cross Valutari : EUR/USD Target 1,1370

Administrator