TrendAndTrading.it

TRY riemergono i vecchi demoni

economia tedesca guerra commerciale try nzd aud inr zar gbp jpy yen nzd brexit eur

TRY riemergono i vecchi demoni. Probabilmente i mercati si prenderanno un po’ di tempo per valutare l’impatto globale della notizia di sabato circa il licenziamento del governatore della banca centrale turca ….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


By Vincent Mivelaz – SwissQuote


(TCMB) Murat Cetinkaya, il cui mandato era iniziato nell’aprile del 2016.

Le discussioni costruttive al vertice G20 fra il presidente turco Tayyip Erdogan e il presidente USA Donald Trump avevano dato sollievo alla lira turca nelle ultime settimane.

Ma probabilmente ci sarà un’inversione di tendenza; la tempistica per una modifica della forward guidance della banca centrale turca è, infatti, pessima, visti il calo significativo del vantaggio sulle operazioni di carry trade in TRY e il rafforzamento del dollaro; le previsioni sui tagli del tasso della Fed passano infatti in secondo piano dopo i dati ottimistici sul lavoro.

Gli investitori tornano quindi a interrogarsi sull’indipendenza della TCMB, cosa che lo scorso anno era costata alla TRY un forte deprezzamento contro le valute major (USD/TRY: +40%) e che aveva esercitato pressioni sul settore bancario turco.

Questo scenario potrebbe ripresentarsi perché un rapido dietrofront della politica monetaria verso tagli del tasso alla prossima riunione di politica monetaria, in calendario il 25 luglio 2019, probabilmente confermerà il comunicato, esercitando pressioni al rialzo sull’inflazione turca.

La valutazione di giugno di Moody’s sul credito sovrano della Turchia, il cui rating spazzatura è peggiorato ulteriormente (da Ba3 a B1), e la notifica, a un gruppo di 18 banche, inclusi i due istituti statali Ziraat Bank e Vakifbank, circa il deterioramento dei loro profili di credito, confermano la vulnerabilità del settore finanziario turco a misure estreme di politica monetaria. In prospettiva, è dunque prevedibile un rally sostenuto della coppia USD/TRY.

Dopo essere rimbalzato dal minimo da 2 mesi a 5,5967 (minimo 04/07/2019), ora l’USD/TRY scambia a 5,7260 e nel breve termine si dirige verso 5,80.

Fonte: TrendAndTrading.it

Articoli Simili

Mercati sempre più insensibili agli aggiornamenti commerciali USA-Cina

Administrator

EU dati deboli

Administrator

Germania i dati economici sono deludenti, ancora una volta

Administrator