TrendAndTrading.it

UT:Petrolio da comprare?

euro 2

Difficile individuare spunti operativi di ampio respiro allo stato attuale, con i mercati che continuano a lateralizzare in attesa di una schiarita che tarda ad arrivare dal fronte economico e politico. In un contesto del genere,..…..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


 le poche opportunità operative che abbiamo selezionato negli ultimi tempi, per quanto corrette, non si sono prodotte in movimenti di rilevante ampiezza o, comunque, tali da giustificare un rapporto rischio/rendimento equilibrato.

 

Purtroppo questa fase di stallo rischia di protrarsi ancor a lungo, e non possiamo far altro che continuare nell’attività di ricerca sperando che, prima o poi, arrivi una fase direzionale degna di nota.

Oggi la nostra attenzione si è soffermata sul PETROLIO che, come visibile sui grafici a seguire, presenta potenzialmente un notevole spazio di ascesa a fronte di un livello di stop-loss decisamente equilibrato.

oil1811 oil18112

Operativamente un intervento long in caso di violazione confermata di area 87,00 potrebbe avere come obiettivo la prossima resistenza dinamica di medio-lungo termine in area 96,00. A fronte di un rimbalzo potenziale di circa 9 figure (!!!), l’eventuale stop-loss andrebbe npiazzato sotto i recebti minimi in area 84,00. Decisamente un ottimo rapporto rischio/rendimento!

Dal punto di vista tecnico non vi sono altri presupposti tecnico-grafici che supportino tale ipotesi rialzista se non la possibile violazione della resistenza dinamica evidenziata in grafica, ma molte volte sono proprio le confgurazioni grafiche più semplici a funzionare meglio, proprio per il fatto che “siamo in tanti a notarle” e altrettanti “pronti a muoverci in contemporanea” verso i livelli obiettivo identificati.

Fonte: Uptrend.it

Bund vs Azionario: 1-0 primo tempo… | Stampa |  E-mail
Mercoledì 14 Novembre 2012 20:23

Dopo il “doppio massimo” quasi perfetto in area 143.50 messo a segno dal BUND nella seduta di ieri, le aspettative per una correzione decisa dello stesso si erano rapidamente tradotte in un contestuale (e logico…) recupero di Piazza Affari, caratterizzato in particolare dall’ottima performance dei principali titoli bancari.

Il deflusso di liquidità dal “porto sicuro BUND” sembrava quindi indirizzarsi decisamente verso i mercati azionari su cui qualcuno ha decisamente giocato di anticipo senza attendere una importantissima conferma grafica, ovvero l’eventuale violazione della prima trendline di supporto dinamico del BUND in area 142.80.

Come visibile sul grafico a seguire, infatti, il test della stessa è avvenuto con assoluta precisione in mattinata senza però che l’auspicata violazione al ribasso si verificasse.

Mancato breakout, quindi, e conseguente arretramento dei mercati azionari dovuto alla frettolosa liquidazione di posizioni long da parte di chi non aveva avuto la pazienza di attendere che le diverse variabili in gioco fossero confermate.

bund1411

Dal punto di vista operativo quanto avvenuto è di particolare rilevanza, in quanto sancisce la validità del supporto dinamico evidenziato (attualmente in area 142.80…), cosa che ci permetterà di poter seguire un validissimo riferimento tecnico-grafico alla cui aventuale violazione (e non prima…) sarà più che logico riposizionarsi al rialzo senza troppi tentennamenti sui principali titoli azionari solitamente oggetto delle nostre analisi.

Quanto ad una rapida panoramica sui primi dieci titoli del nostro listino, quelli graficamente più interessanti ci sono parsi quelli caratterizzati dalla presenza di una divergenza rialzista e nella fattispecie: ENI, ENEL, INTESA SANPAOLO e TELECOM ITALIA.

eni1411 enel1411 intesa1411 telecom1411

Un rapido accenno, infine, all’andamento del cambio EURGBP su cui abbiamo postato diversi approfondimenti negli ultimi tempi e su cui in mattinata siamo entrati in posizione di spread trading acquistando EURUSD e vendendo in contemporanea GBPUSD per lo stesso controvalore: confidiamo ovviamente in una maggior forza relativa dell’euro rispetto alla sterlina e cercheremo di trarre benefici dal differenziale di rendimento che nei giorni a venire dovrebbe caratterizzare l’andamento di queste due valute.

eurgbp1411

Approfondiremo questa interessante tecnica operativa in un “seminario live” che terremo questo venerdì a TORINO in collaborazione con il broker XTB, che potrebbe essere la giusta occasione per incontrare chi ci segue e vive da quelle parti.

Articoli Simili

Petrolio : PETROLIO (WTI) Target 57,30

Administrator

Oro e Argento : ORO ($) Resistenza chiave a breve termine a 1435,00

Administrator

Oro aumenta dopo gli influssi negli ETF

Administrator