TrendAndTrading.it

X: Analisi settimanale commodities: il brent ha registrato un ritorno degli acquisti

RAME

Il brent dopo la lunga fase discendente che lo ha caratterizzato negli ultimi mesi in seguito al raggiungimento del supporto statico passante a 96.70 ha registrato un ritorno degli acquisti che lo hanno condotto  fino al  primo nostro target rialzista posto a 105.60$ al barile. Raggiunto tale livello si è registrata una prima fase correttiva, tuttavia velocemente riassorbita…

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


che ha riportato l’oro nero  in prossimità di tali livelli. Nella giornata di ieri, come da previsioni, si è verificato un ritorno delle vendite con la relativa configurazione di un  pattern candlestick decisamente negativo  e  relativa chiusura sui minimi intraday.  Debolezza che prosegue anche nella seduta odierna  e che conferma così il nostro outlook negativo per le prossime sedute: riteniamo che  il Brent (più debole nelle ultime cinque sedute  rispetto al Crude Oil) possa raggiungere il supporto  a 100.28, importante livello statico  dove potrà terminare la correzione  e  riportare secondariamente gli acquisti. Attenzione qualora il supporto citato non dovesse reggere e il sottostante violare anche  il minimo relativo del 1.05.2013 si definirebbe un nuovo segnale ribassista con relativa configurazione di nuovi minimi di periodo.  Analizzando gli indicatori troviamo un Rsi in area neutrale mentre lo Stocastico di medio termine sta per definire un  “pericoloso”  segnale bearish.  Ricordiamo inoltre che come ogni mercoledì alle ore 16.30 verranno diramate  le scorte settimanali di petrolio, le attese degli analisti prevedono un
frazionale aumento a -0.4M di barile rispetto alla rilevazione di sette giorni fa.  
L’oro  dopo il tracollo registrato a metà del mese di aprile ha rimbalzato in maniera  decisa dal supporto statico su base settimanale  posto a 1360$ l’oncia definendo un relativo uptrend di oltre 100$ l’oncia. Successivamente in seguito alla chiara perdita di momentum, ha configurato una fase distributiva che negli ultimi giorni ha  riportato  le  vendite  sul metallo prezioso  conducendolo in prossimità dei minimi di periodo; livelli  che tuttavia non sono stati ritestati in quanto l’oro ha reagito  già da area 1340$ l’oncia con un relativo ritorno degli acquisti.  Il nostro outlook è confermato e rimane positivo per la settimane a venire: un primo target di breve termine lo fissiamo a 1430$ l’oncia,  resistenza che in seconda battuta potrà anche essere superata dal mercato. Gli  indicatori sia su base settimanale che giornaliera si trovano ancora in area di ipervenduto e stanno tentando di violare tali estremi in queste sedute, hanno quindi ampissimo margine di salita rispetto ai prezzi attuali.   

Situazione tecnica differente per il  silver  che dopo il brusco crollo registrato a metà aprile aveva definito un tentativo di rimbalzo tecnico davvero di dimensioni ridotte riuscendo a ritracciare “solamente” di tre figure  in una decina di sedute, salvo poi intraprendere nuovamente la strada ribassista, evidenziando come i “tori”  non avessero la spinta per invertire la tendenza  bearish  e come probabilmente gli importanti supporti non  fossero  stati ancora raggiunti. Così è stato e conferma l’abbiamo avuta  proprio all’inizio di questa ottava quando gli orsi si sono riportati prepotentemente sul mercato violando i minimi di periodo e definendone di nuovi  in area 20$ l’oncia.  Il silver ha così raggiunto l’importante area supportiva posta tra 19.66-20.38 livelli che potranno invertire la tendenza ribassista  degli ultimi mesi, quantomeno nelle settimane a venire.  Un primo segnale l’abbiamo avuto già con la seduta di lunedì dove l’argento dopo il forte ribasso ha reagito con forza chiudendo addirittura in territorio positivo e configurando un hammer, pattern candlestick di inversione. Primi target posti per le prossime sedute a 23.95 e 25.60 in seconda battuta. Positività che verrebbe negata solo in caso di rottura dell’area di supporto.


X Trade Brokers Italia


Discaimer: X- Trade Brokers Dom Maklerski non è responsabile di eventuali decisioni di investimento che vengono prese sotto l’influenza delle informazioni ricevuta tramite questa email. Nessuna delle informazioni presenti può essere considerata come una raccomandazione, promessa o garanzia che l’investitore otterrà un profitto o minimizzare i rischi tramite l’utilizzo di informazioni presenti o come un invito ad investire su strumenti finanziari di cui non si ha una conoscenza appropriata.
Le transazioni in CFD sono ad alto rischio e possono causare perdite superiori l’investimento iniziale. Negoziare con le opzioni e contratti a termine richiede conoscenza degli strumenti finanziari e senso di responsabilità. 

Fonte: XTB

Articoli Simili

Petrolio : PETROLIO (WTI) Target 57,30

Administrator

Oro e Argento : ORO ($) Resistenza chiave a breve termine a 1435,00

Administrator

Oro aumenta dopo gli influssi negli ETF

Administrator