TrendAndTrading.it

X: Analisi settimanale commodities : Tendenza proseguita ancora al ribasso per il brent

ORO4

– Dall’analisi della tabella possiamo notare come la maggior parte delle materie prime nelle ultime cinque giornate abbia proseguito nuovamente nella fase discendente,..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


movimento ancora ascrivibile al rafforzamento del dollaro americano nei confronti delle principali valute. Da evidenziare comunque un movimento in controtendenza per le soft commodities, in primis il cotone in salita di oltre sette punti percentuali e il rialzo del gas naturale a differenza del Brent e soprattutto del Crude Oil ancora in ulteriore calo.

 

Analisi
Tendenza proseguita ancora al ribasso per il brent che dopo aver raggiunto i due nostri target ribassisti, evidenziati sui massimi di periodo, posti a 113.57- 112.49, dopo una brevissima fase di rimbalzo, ha generato una nuova gamba ribassista del movimento. Sul test del secondo supporto (112.49) si era configurato un possibile primo segnale di allentamento della tendenza ribassista con la configurazione di una divergenza negativa sul Rsi che tuttavia è stata rapidamente negata con il nuovo ribasso del 27.02 scorso richiamando nuove vendite sul mercato. Il ribasso è proseguito fino ai successivi livelli supportivi posti tra 109.98-109.66 imporanti supporti da monitorare anche nelle prossime ore/giornate che definiranno la tendenza futura della commodity: in quest’area si è difatti concretizzato un pattern armonico rialzista, che già nelle ultime ore ha definito un rimbalzo tecnico e nella giornata di ieri ha condotto l’oro nero a testare il primo target di breve termine passante a 111.96. Figura armonica che trova ulteriore conferma dall’analisi degli indicatori: sul Rsi si è definita una divergenza positiva, che mostra un primo allentamento delle pressioni ribassiste e sull’Oscillatore Stocastico abbiamo registrato un primo segnale bullish. Per queste ragioni dopo uno storno assolutamente normale, che si concretizzerà nelle prossime ore e già attualmente in atto, dopo il test di 111.96 ci attendiamo un ritorno degli acquisti che riporteranno il brent fino ai primi target posti tra 112.89-113.15; solo un superamento di tale resistenza darà conferma della figura armonica creatasi. Una negazione dello scenario bullish si avrebbe solo in caso di violazione dei minimi del 4.03 scorso con conferme su ampi timeframe.

 

 

Con la rottura a metà dello scorso mese dei minimi annuali abbiamo registrato un nuovo affondo ribassista per le quotazioni dell’oro che hanno così definito nuovi minimi a 1558.60$ l’oncia. Anche in questo caso, come analizzato in precedenza sul brent, si è configurata una figura armonico rialzista, trattasi di un Bat pattern, che ha riportato gli acquisti durante l’ottava appena trascorsa. Se i minimi dello scorso 21.02 riusciranno a sostenere la commodity potremo registrare un ritorno dei tori nelle prossime giornate con un obiettivo minimo che poniamo in area 1625-1636$, prima importante area resistiva da cui si potrà definire una correzione. In caso di successivo brakout il rialzo proseguirebbe fino al target posto a 1661, livello spartiacque futuro per il mercato. Gli indicatori, dopo aver raggiunto nelle scorse sedute una forte area di ipervenduto, stazionano in area neutrale confermando quindi la possibilità di assistere ad una fase rialzista. Nuova debolezza sotto i recenti minimi che definirebbero un nuovo segnale short.

Nuovi minimi anche per le quotazioni del silver, definiti lo scorso 1.03, che tuttavia non hanno causato nuovi segnali di continuazione del ribasso su timeframe giornaliero chiudendo la seduta, su timeframe daily, oltre i supporti chiave posti a 28.14-28.37. Inoltre la creazione di questi nuovi minimi, a nostro avviso, potrebbe aver concluso il movimento discendente intercorso dai massimi relativi dello scorso 23.01; potrà così riportare durante le prossime ottave nuovi acquisti sul metallo prezioso. Un primo rimbalzo, dai recenti minimi, si è configurato nelle scorse giornate: ci poniamo come target area 30.18 definendo inoltre come livelli intermedi due resistenze stanti a 29.14 e 29.65 livelli dai quali, in caso di test, porteranno ad una correzione senza tuttavia modificare l’outlook positivo per il medio termine. Divergenza positiva creatasi sul Rsi che conferma ulteriormente la nostra view rialzista.

 

X Trade Brokers Italia


Discaimer: X- Trade Brokers Dom Maklerski non è responsabile di eventuali decisioni di investimento che vengono prese sotto l’influenza delle informazioni ricevuta tramite questa email. Nessuna delle informazioni presenti può essere considerata come una raccomandazione, promessa o garanzia che l’investitore otterrà un profitto o minimizzare i rischi tramite l’utilizzo di informazioni presenti o come un invito ad investire su strumenti finanziari di cui non si ha una conoscenza appropriata.
Le transazioni in CFD sono ad alto rischio e possono causare perdite superiori l’investimento iniziale. Negoziare con le opzioni e contratti a termine richiede conoscenza degli strumenti finanziari e senso di responsabilità. 

Fonte: XTB

Articoli Simili

Oro al minimo di 4 settimane, ma Citigroup prevede i 2.000$

Administrator

ORO ($) Completata da una linea di tendenza negativa

Administrator

PETROLIO (WTI) Consolidamento a breve termine pronto

Administrator