TrendAndTrading.it
Image default

X-P: Bayer Aspettando le nozze

Bayer ha chiuso il 2017, caratterizzato dai preparativi per la fusione con l’americana Monsanto, con utili in crescita del 62 per cento a 7,34 miliardi…….

 {loadposition notizie}


Articolo tratto da X-press Trends – Deutsche Asset & Wealth Management – del 20 Aprile 2018


Per seguire questo maxi deal Deutsche Bank mette a disposizione un Bonus Cap su Bayer con scadenza fissata il 22 novembre 2019. Entro questa data il titolo del colosso tedesco non dovrà mai scendere a toccare la barriera, posta a 75,25 euro e distante il 24,2 per cento dalle attuali quotazioni, per permettere all’investitore di ottenere 113,70 euro. La performance potenziale a scadenza, acquistando il prodotto a 99,90 euro, è pari al 14 per cento. Se invece Bayer scenderà fino alla barriera, l’investimento sarà positivo solo se il titolo si riporterà sopra il valore iniziale.

La crescita della Cina si conferma solida, ma restano timori di guerra commerciale. Prosegue la discesa dello spread Btp-Bund

> CINA – La crescita cinese si conferma solida. Nel primo trimestre il Pil di Pechino è aumentato del 6,8 per cento, meglio delle attese degli analisti che restano cauti sulle prospettive per il 20182019. I timori sono legati alla possibile guerra commerciale con gli Stati Uniti.

> FMI – Il Fondo monetario ha lanciato l’allarme debito, che ha raggiunto i massimi storici essendo arrivato al record di 164 mila miliardi di dollari, equivalente al 225 per cento del Pil mondiale. Nelle economie avanzate il debito è a livelli che non si vedevano dal lontano 1945.

> ITALIA – Nuovo restringimento dello spread Btp-Bund sceso sotto 120 punti, mentre il tasso del Btp decennale si attesta all’1,7 per cento. Si tratta del livello più basso dal 12 dicembre scorso. La revisione al ribasso dell’inflazione UE comporterebbe una Bce più attendista.

> ENI – Il colosso petrolifero investirà 7 miliardi di euro in Italia nei prossimi quattro anni, di cui 1 miliardo sarà destinato alle attività green incluse le spese per la ricerca e sviluppo a servizio del processo di decarbonizzazione. In ricerca saranno spesi oltre 750 milioni di euro.

Fonte: TrendAndTrading.it

Articoli Simili

Petrolio: Brusca retromarcia

1admin

Oro. Perdere brillantezza

Administrator

Eni – Gioco di sponda

Administrator