TrendAndTrading.it

X-P: Intesa SanPaolo Nuove sfide

I primi mesi del 2017 saranno sfidanti per il settore bancario, ma Intesa SanPaolo continua a macinare utili e ad avere un elevato profilo patrimoniale…………

Se vuoi ricevere le principali notizie di TrendAndTrading.it iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


{loadposition notizie}


Articolo tratto da X-press Trends – Deutsche Asset & Wealth Management – del 16 Dicembre 2016


Il Bonus Cap su Intesa di Deutsche Bank scade il 12 maggio e, se al termine degli scambi di questa data, il titolo del gruppo bancario quoterà sopra la barriera, posta a 2,28 euro, l’investitore otterrà 116,75 euro. Il prodotto è acquistabile a 96,90 euro e, pertanto, la performance potenziale a scadenza è pari ad oltre il 20 per cento, mentre il titolo Intesa viaggia in area 2,44 euro, oltre il 6 per cento sopra la barriera. Se invece al termine degli scambi del 15 maggio Intesa quoterà sotto 2,28 euro, l’investitore andrà incontro a una perdita.  

La Fed alza i tassi d’interesse. Mediaset è sotto attacco, maxi aumento per Unicredit

> STATI UNITI – La Federal Reserve ha alzato i tassi d’interesse allo 0,75 per cento. La decisione era attesa dal mercato, che ora cercherà di capire a quale velocità proseguirà il processo di normalizzazione dei tassi Usa anche alla luce delle prime mosse del presidente Trump.

> MEDIASET – Il gruppo televisivo è sotto attacco. Vivendi è salita in un lampo al 20 per cento del capitale di Mediaset, che ha bollato l’operazione come una scalata ostile. La Fininvest della famiglia Berlusconi ha rafforzato la sua presa su Mediaset salendo al 38,2 per cento.

> UNICREDIT – La banca milanese lancerà un aumento di capitale da 13 miliardi di euro. Il piano prevede entro il 2019 la riduzione di circa 14.000 dipendenti, con un risparmio dei costi pari a 1,1 miliardi di euro. L’utile netto a fi ne 2019 dovrebbe salire a 4,9 miliardi di euro.

> PETROLIO – Il greggio è volato ai massimi dell’estate 2015 dopo che la decisione dell’Opec di tagliare la produzione è stata estesa anche ai Paesi non-Opec. Si tratta di un accordo storico: i Paesi non-Opec hanno accettato di ridurre la produzione di 558 mila barili al giorno.

 

Fonte: TrendAndTrading.it

Articoli Simili

X-P: FCA Venti gelidi

Administrator

X-P: MSCI World Industrial Index Rotazione proficua

Administrator

X-P: Sterlina Il ‘no deal’ è più lontano

Administrator