TrendAndTrading.it

X-P: Petrolio in viaggio

porsche intesa sanpaolo carrefour enel telecom x-p fca

X-P : Petrolio. La recente discesa del petrolio, scivolato in area 60 dollari, si è fatta sentire su Eni, che viaggia lontano dai massimi di aprile. Il titolo resta comunque 24,8 punti percentuali al di sopra…………….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Articolo tratto da X-press Trends – Deutsche Asset & Wealth Management – del 30 Agosto 2019


della barriera del Bonus Cap su Eni di Deutsche Bank, posizionata a 10,23 euro.

Se entro la data di scadenza, fissata il 19 febbraio 2021, il titolo del colosso petrolifero non scenderà mai a toccare questo livello, l’investitore otterrà 113 euro.

Il prodotto è acquistabile sotto la pari, a 98,40 euro, e pertanto la performance potenziale a scadenza è pari a circa il 15 per cento.

Se invece Eni scenderà fino alla barriera, l’investimento si concluderà con delle perdite a meno che il titolo non avrà la forza di risalire sopra 14,62 euro.

Accordo PD/M5S per il Conte bis. Btp da record, rendimento decennale ai minimi. Brexit, Johnson “sospende” il Parlamento.

> GOVERNO – Il premier Giuseppe Conte ha ricevuto l’incarico di formare un nuovo governo dal presidente Sergio Mattarella. Già iniziate le consultazioni con tutti i gruppi parlamentari. Conte avrà tempo fino a lunedì per mettere a punto la squadra di ministri con PD e M5S.

> ITALIA – Piazza Affari brinda al possibile Conte bis con l’indice FTSE MIB salito di slancio oltre quota 21.000 punti. In forte calo il rendimento del Btp decennale, sceso ai minimi storici sotto quota 1 per cento. Minimi da oltre un anno per lo spread Btp-Bund, arrivato in area 160 punti base.

> UK – A grande velocità verso la Brexit. Boris Johnson innesca una crisi costituzionale strappando alla regina il via libera alla sospensione del Parlamento per cinque settimane. La tensione ha portato a proteste politiche e di piazza, oltre a mettere sotto pressione la sterlina.

> ARGENTINA – Nuovo default per Buenos Aires, questa volta per circa 60 miliardi di dollari. Il governo Macri, pesantemente sconfitto alle primarie di due settimane fa, ha annunciato che rinegozierà il suo debito estero, cercando di allungare le scadenze senza tagli di capitale e interessi.

Fonte: TrendAndTrading.it

Articoli Simili

X-P: Intesa Sanpaolo Appuntamento con i conti

Administrator

X-P: Soia risale e segue la trade war

Administrator

X-P: Indice MSCI Brazil Proseguire sulla linea

Administrator