TrendAndTrading.it

XTB – Analisi commodities

CACAO

– La commodity più brillante di quest’ultima ottava è stato sicuramente il cacao che con un forte rialzo ha guadagnato nelle ultime cinque sedute oltre il 7%. In rialzo anche il caffè (+1.89%), il gas naturale (+1.04%) ed infine il grano (+0.89%)…..


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da TrendandTrading iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


La maggior parte delle materie prime chiudono tuttavia col segno meno, anche se molte di queste con perdite limitate. Le peggiori risultano la soia (-3.13%), il mas (-2.62%), e il rame (-2.11%).

Analisi
Dopo il test dei precedenti livelli resistivi, obiettivi del rialzo posti a 108.13-108.53, si è definita puntualmente una fase di correzione sul petrolio che ha raggiunto proprio qualche minuto fa il primo obiettivo del ritracciamento raggiungendo il supporto stante a 106.66, livelli dopo attualmente staziona la commodity. Cosa ci possiamo attendere per le prossime ore? Dovremo monitorare molto attentamente i recenti minimi realizzati qualche istante fa a 106.50, se dovessero essere violati con conferme si definirebbe un’ulteriore gamba ribassista che condurrà il brent a raggiungere i due successivi supporti statici indicati. Qualora il supporto dovesse viceversa sostenere, quantomeno in prima battuta, il sottostante si definirà un rimbalzo fino alle resistenze di breve termine fissate a 107.61-107.67. Per assistere ad un nuovo segnale di forza il brent dovrà riuscire a superare al rialzo i massimi relativi dello scorso 30.10.
Analizzando anche il comportamento degli indicatori notiamo come non vi siano particolari segnali di easurimento della tendenza ribassista in atto nelle ultime ore, lasciando così aperta la possibilità per un’ulteriore discesa delle quotazioni, salvo un piccolo appiattimento del Rsi che sottolinea come quantomeno nel brevissimo sia possibile assistere ad un tentativo di recupero. Interessante confrontare anche quanto accaduto nella giornata di ieri tra Brent e Wti, nonostante le performance negli ultimi cinque giorni siano state molto simili: il primo dove avevamo una view bearish ha raggiunto nelle ultime ore il target ribassista, mentre il Wti, dove i target del ribasso erano stati testati alla vigilia (93.54) ha rimbalzato anche in maniera decisa in seguito alla tenuta del supporto statico stante a 93.11. Ricordiamo inoltre che quest’oggi come ogni mercoledì alle ore 16.30 verranno pubblicate le scorte settimanali di petrolio, attese riviste in calo a -0.2M di barili rispetto a sette giorni fa.
Nei giorni scorsi l’oro ha raggiunto il target rialzista posto a 1287$ che ci eravamo predefiniti come obiettivo minimo del possibile movimento di rimbalzo da intraprendere dopo aver raggiunto l’area di inversione, corrispondente ai minimi raggiunti a 1261$ l’oncia. Da tale resistenze nelle ultime sedute si è definita una nuova discesa delle quotazioni del gold che in seguito ad uno spike ribassista formatosi un paio d’ore fa ha riportato la commodity esattamente sui livelli del 12.11, definendo altresì frazionalmente nuovi minimi. I prezzi attualmente battuti dall’oro corrispondono ad un’area supportiva davvero molto interessante, oltre ad essere in configurazione un possibile doppio minimo avallato ulteriormente da una divergenza positiva siamo tornati nuovamente sull’area di inversione che già in precedenza aveva portato un ritorno dei tori sul mercato. Ci attendiamo quindi nuovamente la configurazione di una nuova gamba rialzista sul gold che riporterà la commodity quantomeno fino a 1280.60, resistenza che corrisponde al target minimo dell’operazione. Non è difatti assolutamente da escludere che l’oro secondariamente tenti anche un ulteriore allungo fino all’area stante a 1306, resistenza che in caso di breakout fornirebbe conferma dell’area di inversione sopra citata. Segnale rialzista negato solo in caso di cedimento dei minimi odierni con conferme su ampi timeframe.
Tutto confermato per quanto riguarda l’analisi con view rialzista sul cotone e relativi obiettivi posti in prima battuta a 80.81 e successivamente, in caso di superamento la gamba rialzista potrà proseguire anche fino a R2. Apertura quest’oggi molto positiva per la commodity, con un ampio gap up, attenzione qualora non dovesse il cotone riuscire a superare il massimo relativo precedente possibile assistere a qualche presa di beneficio nel breve termine.

Fonte: XTB

Articoli Simili

XTB – Analisi Tecnica AudUsd

Administrator

XTB – Analisi Tecnica AudUsd

Administrator

XTB – Analisi Tecnica Euryen

Administrator